KEYSTONE/KPAUS KPAPA KPPA (SAMUEL GOLAY)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Luce verde anche dal PPD: via libera al gruppo di centro
Il nuovo presidente sarà scelto a metà gennaio
BERNA
3 ore
Sparatoria nel sottopassaggio, una persona in ospedale
Non è chiaro se l'uomo armato sia ancora a piede libero o se sia già stato assicurato alla giustizia
SVIZZERA
4 ore
Il PLR in trincea contro l'assalto verde
Il gruppo parlamentare liberale radicale ha deciso all'unanimità di rieleggere l'intero esecutivo
SVIZZERA
5 ore
Fu un «caso esemplare di violenza senza senso»
Il tribunale d'appello ha confermato la condanna a 7 anni nei confronti di un hooligan che lanciò il coperchio di un tombino su un gruppo di tifosi
GINEVRA
5 ore
Quelle munizioni in fondo al Lemano che preoccupano
Si parla di centinaia di tonnellate, depositate dalla società Hispano-Suiza negli anni '50 e '60
SVIZZERA
5 ore
Bocciata l'estradizione, ma resterà in cella a Sion
L'uomo, cittadino cinese, è stato arrestato in Svizzera a giugno. È nel mirino del Dipartimento di giustizia americano
BERNA
6 ore
Selfie a luci rosse, nessuna tentata coazione
Parzialmente assolto il consulente zurighese Sacha Wigdorovits. I fatti risalgono all'estate del 2014
SVIZZERA
6 ore
Medicinali, una "fattura" record da 7,8 miliardi nel 2018
Nuovo primato per i medicamenti a carico dell'assicurazione di base. L'aumento dal 2010 è stato pari al 46%
BASILEA CITTÀ
7 ore
Roche, 3 nuovi grattacieli e 100 milioni per demolire i vecchi edifici
L'altezza massima sarà di 130 metri. I lavori non inizieranno prima del 2024
SVIZZERA
7 ore
Morte da amianto, la giustizia dovrà riesaminare il caso
Il Tribunale federale ha parzialmente accolto il ricorso della famiglia di un ferroviere, deceduto nel 2004
BERNA
7 ore
Thule richiama alcuni tendalini da camper
Il rischio? Infortunio o lesioni
SVIZZERA
7 ore
I passeggeri svizzeri non sentono l'effetto Greta
Swiss non ha notato cambiamenti, ma riconosce di percepire alcune «preoccupazioni» da parte della clientela
SVIZZERA
04.06.2019 - 11:170

Pompeo: «Svizzeri attenti ad avvicinarvi alla Cina»

Il segretario di Stato statunitense è preoccupato: «L'apertura economica della Cina non è stata seguita da cambiamenti politici»

ZURIGO - Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha messo in guardia la Svizzera sui rischi di un avvicinamento alla Cina: c'è il pericolo che essa un giorno abbia in mano elementi strutturali dell'economia mondiale che non riflettano più i valori occidentali, avverte.

In un'intervista pubblicata oggi dalla "Neue Zürcher Zeitung", il ministro degli esteri degli Stati Uniti - il primo dopo circa vent'anni ad arrivare in Svizzera per una visita di lavoro, da poco conclusasi - dice che la Confederazione dovrebbe tenere gli occhi bene aperti sull'atteggiamento della Cina.

L'ex capo della CIA sottolinea che l'apertura economica della Cina non è stata seguita da cambiamenti politici. «Se la Cina vi offre la tecnologia dell'informazione, dovete essere coscienti che il produttore è controllato da membri del Partito Comunista». Ed è importante avere ben presenti queste profonde relazioni, aggiunge Pompeo.

In Svizzera - continua - la gente pensa di realizzare un profitto vendendo un prodotto competitivo. Mentre per i cinesi si tratta di abbinare il potere economico a quello politico. La Cina entra in scena in piccoli Paesi, utilizza prestiti statali agevolati e poi usa il suo potere economico per guadagnare influenza politica. Acquisire influenza politica grazie al potere economico non è il modo di agire dell'Occidente, sottolinea.

Secondo il Segretario di Stato americano, gli svizzeri danno grande importanza alla tutela della privacy, ma se utilizzano la tecnologia cinese trasmettono le loro informazioni direttamente al Partito Comunista Cinese. «Non c'è nessuna sfera privata», ammonisce Pompeo.

L'avvertimento si riferisce in particolare al gigante cinese delle telecomunicazioni Huawei, che l'amministrazione di Donald Trump ha inserito in una lista di aziende sospette a cui è vietata la vendita di apparecchiature tecnologiche.

Diversi gruppi, fra i quali Google, hanno reagito immediatamente interrompendo alcuni legami con Huawei. A differenza di operatori del settore giapponesi e britannici, quelli svizzeri non intendono invece rompere con il produttore cinese.

Commenti
 
shooter01 5 mesi fa su tio
meglio la cina della UE . Pompa pompeo
pillola rossa 5 mesi fa su tio
Mike, attento al lattante capriccioso. C'è il pericolo che prima o poi trovi un portaborse più confacente.
guajiro 5 mesi fa su tio
forse dimentichi che agli usa abbiamo già dato tutto!! e non solo i soldi ogni dato confidenziale è da anni che è in mano loro e non dei cinesi
seo56 5 mesi fa su tio
Ha ragione, mai fidarsi dei comunisti, dittatori e criminali
lo spiaggiato 5 mesi fa su tio
@seo56 dice colui che compra solo smartphone cinesi... aha aha aha aha aha aha aha aha aha aha aha
Thor61 5 mesi fa su tio
@lo spiaggiato Certo che anche farsi fare i conti della confederazione da una società americana invece rende meglio la questione?!? La differenza è che agli USA interessano solo i tuoi soldi, i cinesi vogliono TUTTO non solo i soldi.
sedelin 5 mesi fa su tio
ficcanaso!
roma 5 mesi fa su tio
...uomo avvisato...mezzo salvato
guajiro 5 mesi fa su tio
Certo invece che fidarsi dei super dittatori destroidi e fascisti americani questi si!! bravi!!
Thor61 5 mesi fa su tio
@guajiro La differenza è che agli USA interessano solo i tuoi soldi, i cinesi vogliono TUTTO non solo i soldi.
Spirito1 5 mesi fa su tio
Mai fidarsi dei comunisti! Commerciare e fare affari si può.. ma tenere le giuste distanze con i dittatori, specialmente di sinistra! I peggiori!
marco17 5 mesi fa su tio
Meglio i Cinesi del Ti-cinese che ci ritroviamo in Consiglio federale. Aspettiamo l'interpellanza - che non verrà mai - del cons. naz. Quadri su questa inqualificabile ingerenza dell'imperialismo americano nella politica svizzera.
Thor61 5 mesi fa su tio
@marco17 A solo consigliato, non ha obbligato nessuno!
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 22:49:19 | 91.208.130.87