Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BASILEA
1 ora
Nanocontainer per veicolare farmaci nel nucleo della cellula
Sono state realizzate da un gruppo dell'università di Basilea, coordinato da Cornelia Palivan
URI
4 ore
Sulle piste di Andermatt con una funivia da Göschenen
Il comprensorio vuole raddoppiare i visitatori. Il progetto prevede anche un collegamento diretto per il Gütsch
NEUCHÂTEL
5 ore
Scontri fra tifosi alla stazione
I fatti si sono verificati sabato sera. Protagonisti alcuni supporters di Aarau e Servette
SVIZZERA
5 ore
«Il coronavirus va preso sul serio»
Parla il professore di infettivologia: «Forse le cifre dei contagi sono molto più alte»
SVIZZERA
6 ore
Ultra 55enni raramente convocati ai colloqui d'assunzione
Non solo, gli ultra 60enni trovano raramente un impiego
ZURIGO
7 ore
Da 24mila a 39mila franchi, i deputati si aumentano il salario
L'UDC, contrario all'aumento, ha chiesto invano di sottoporre la modifica al voto popolare
SVIZZERA
7 ore
Turismo nella morsa del coronavirus
La Cina blocca la vendita di viaggi di gruppo. Preoccupato il settore elvetico. Meno il Ticino. Da noi solo l’1,4% dei pernottamenti sono cinesi
SVIZZERA
7 ore
«Coraggio civile è dire "no" quando l'ingiustizia diventa dottrina di Stato»
Simonetta Sommaruga ad Auschwitz nella Giornata della memoria. «È un impegno per un futuro degno di essere vissuto»
SVIZZERA
7 ore
Centrali nucleari: 30 eventi segnalati, uno "anomalo"
La lista dell'autorità federale di vigilanza sugli eventi del 2019 è stata resa nota quest'oggi
ZURIGO
8 ore
Casi sospetti in Svizzera, si saprà domani se è coronavirus
Dall'ospedale Triemli di Zurigo arrivano però notizie rassicuranti: «Stanno bene. Il sospetto d'infezione è molto debole»
SVIZZERA
9 ore
Philip Morris taglierà fino a 256 posti di lavoro in Svizzera
Le misure interesseranno perlopiù le sedi di Losanna e Neuchâtel
LUCERNA
10 ore
Approvato il compromesso sull'apertura dei negozi
La nuova legge prevede un'estensione degli orari ma una sola vendita serale alla settimana
LUCERNA
10 ore
Più edifici danneggiati per un'auto in fiamme
L'incendio si è verificato domenica a Ermensee
SVIZZERA
20.05.2019 - 11:420

Gli elettori UDC hanno votato controcorrente

I simpatizzanti del partito sono gli unici ad aver respinto i due oggetti federali approvati dalla maggioranza dei votanti. Ecco i risultati del sondaggio Tamedia

BERNA - Quello di ieri è stato un voto quasi unanime: oltre il 60% dei cittadini svizzeri ha approvato sia il Progetto fiscalità e AVS sia la revisione della legge sulle armi (su quest’ultimo tema soltanto il Ticino si è detto contrario, con il “no” al 54,4%). Un risultato che il Consiglio federale ha accolto con soddisfazione.

Pur confermando l’unanimità, l’ultimo sondaggio Tamedia mostra comunque che non sono mancate delle divergenze. Soprattutto dal punto di vista del partito: gli elettori UDC sono infatti i soli ad aver respinto sia la legge sulle armi (con il 77% di “no”) sia il Progetto fiscalità e AVS (contrari al 53%). I due temi sono invece stati approvati in larga misura dai simpatizzanti di tutti gli altri partiti.

Questione di età - Dal rilevamento emerge anche un altro punto interessante: contrariamente a quanto si possa pensare, i contrari alla revisione della legge sulle armi era più marcata tra i giovani che tra le persone più anziane.

D’altra parte, l’età non ha avuto alcun ruolo rilevante nell’ambito del Progetto fiscalità e AVS. In generale quest’ultimo ha infatti convinto i cittadini di tutte le fasce d’età.

Il livello d’istruzione - La decisione di voto per la legge sulle armi è inoltre stata influenzata anche dal livello di formazione dei cittadini: più era alto, più aumentava il consenso. La revisione è stata accettata dall’84% dei votanti con un’istruzione universitaria, ma solo dal 53% di quelli con istruzione obbligatoria.

Il sondaggio

Sono 14’670 le persone provenienti da tutta la Svizzera che dal 17 al 19 maggio 2019 hanno preso parte al sondaggio Tamedia sulle votazioni del weekend. Un sondaggio condotto in collaborazione con la LeeWas GmbH dei politologi Lucas Leemann e Fabio Wasserfallen. I dati sono stati ponderati sulla base di variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d’errore è di 2,1 punti percentuali. Più informazioni su tamedia.ch/sondage

Commenti
 
Tato50 8 mesi fa su tio
Vedo e interpreto però che in Ticino il 54,4 % è UDC , stando al titolo dell'articolo ;-))
roma 8 mesi fa su tio
...titolo un po allegrotto...io non sono né udc né leghista eppure ho votato NO e...NO...per fortuna non mi manca molto alla pensione, ma se penso ai miei figli e a quelli che hanno meno di 50 anni....brividi....
Danny50 8 mesi fa su tio
Ho studiato ma non sono un accademico, parlo 4 lingue, ho lavorato presso multinazionali per 40 anni, ho diretto istituzioni estere in Svizzera, sono un sciurett imprenditore in pensione che lavora, ma non mi smutanderei mai per svendere i miei valori sull’altare dell’internazionalismo. Preferisco lo “small is beautiful “.
Equalizer 8 mesi fa su tio
Fra poco uscirà un aggiornamento del corredo ufficiale Svizzero: Camicia con fiori, Zoccole e Kilt!
Ul Gidio 8 mesi fa su tio
Povera CH... In questo caso, è lampante che più studi e più sei propenso a calare i pantaloni.... Continuiamo così! Dai! così quando avremmo regalato anche l'anima all EU, ci accorgeremo di quanto siamo stati idioti!
Bacaude 8 mesi fa su tio
@Ul Gidio Premesso che le generalizzazioni sono sempre un'idiozia, ma a te pare dunque che nella vita: chirurghi, ingegneri, architetti, professori vivano nell'indigenza e nelle difficoltà più di chi non ha studiato? Forse dovresti fare una riflessione su chi ha una vita che lo soddisfa appieno, prutroppo per lui, pensa di prenderla in quel posto...
Spirito1 8 mesi fa su tio
@Ul Gidio ...ma basta con questo disco rotto sull'EU... Ma non vi da retta più nessuno!!! ...ma non avete altri argomenti politici se non che dare addosso all'EU??!!.. Torna nella capanna nel bosco...!
marco17 8 mesi fa su tio
@Ul Gidio Di certo tu non rischi di regalare la tua intelligenza all'UE ( o a qualcun altro). L'abituale solfa dei cattivi perdenti: le solite sciocche e penose frasi fatte (calare i pantaloni) in mancanza di argomenti seri e della capacità di riconoscere di essere minoritari su un tema del resto poco importante: l'UDC e i suoi seguaci si son cercati una sconfitta annunciata avversando una legge che con un po' di buon senso avrebbero potuto accettare.
limortaccituoi 8 mesi fa su tio
@Ul Gidio Forse, invece, più sei istruito più sei in grado di capire i punti di vista differenti, l'importanza e il senso del compromesso e il rischio di derive estremiste e ideologiche.
Ul Gidio 8 mesi fa su tio
@marco17 Premetto di non essere Udc. Riguardo ad una delle due votazioni, concordo con te. È una cosa ben più importante delle armi. Io sinceramente non porto rancore per come è andata. Però, fosse per me, ma anche per tanti altri svizzeri, non permetterei MAI a nessuno di dettare legge in casa nostra! Siamo noi i padroni della nostra terra e delle nostre leggi. Riguardo alle tue prime parole, non dico nulla. È facile scrivere. Meglio parlare a 4 occhi.
Bacaude 8 mesi fa su tio
@Bacaude manca "e chi, purtroppo x lui"
Danny50 8 mesi fa su tio
Al solito chi non ha fatto l’università è un becero che non capisce niente. Peccato che sia proprio il contrario.
limortaccituoi 8 mesi fa su tio
@Danny50 Si effettivamente è piuttosto logico che chi studia, si informa, parla più lingue e ha esperienze internazionali sia un becero. Se ho bisogno di cambiare un lavandino e chiamo l'idraulico non mi permetto di insegnarli il mestiere. Forse individui che studiano economia, diritto, scienze politiche, eccetera, magari può capirci qualcosa di più di certi argomenti. Ma magari sbaglio io....
angelazzzz 8 mesi fa su tio
che sorpresa
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-27 22:06:40 | 91.208.130.86