Keystone
SVIZZERA / ITALIA
12.04.2019 - 17:480
Aggiornamento : 18:43

Cassis apre il quinto Forum di dialogo tra Svizzera e Italia

Il consigliere federale ha pure parlato dell'accordo sulla fiscalità dei frontalieri parafato nel 2015 con la ministra italiana per gli affari regionali

BERNA - Il consigliere federale Ignazio Cassis ha aperto a Genova la quinta edizione del Forum di dialogo tra Italia e Svizzera che si tiene oggi e domani al Palazzo Ducale della città ligure. A margine del simposio, il capo del Dipartimento degli esteri (DFAE) ha incontrato la ministra italiana per gli affari regionali e le autonomie Erika Stefani.

Nel suo discorso Cassis ha espresso la propria solidarietà a Genova, toccata dalla tragedia del Ponte Morandi, ricordando l'importanza strategica di questa città aperta sul mondo e porta d'entrata per le merci che, in particolare attraverso il San Gottardo, arrivano in tutta Europa.

«Il pittore svizzero Paul Klee - ha ricordato il ticinese - affermò di aver compreso pienamente la grandezza del globo terrestre solo dopo aver visto il porto di Genova».

Per in generale, secondo Cassis la questione principale per Genova è quella infrastrutturale, «non solo per il crollo del ponte Morandi, che ha sollevato interrogativi sulla gestione a lungo termine delle infrastrutture, ma guardando al futuro, per il futuro di questo porto che si vuole essere un hub di tutte le merci del continente europeo».

Per la Svizzera «tutta la trasversale alpina che abbiamo inaugurato nel 2015 nasce proprio con l'idea del trasferimento delle merci dalla strada alla ferrovia, quindi in questo momento stiamo lavorando molto intensamente a sud della Svizzera, soprattutto in Italia, ma anche al nord in Germania per garantire questo corridoio delle merci dal Mediterraneo all'Europa centrale».

Da parte sua, il viceministro dei trasporti italiano Edoardo Rixi ha affermato che nei prossimi mesi verrà approvato il nuovo programma biennale sugli investimenti ferroviari, «su cui noi chiediamo anche di far combaciare le esigenze della Svizzera con quelle dell'Italia e soprattutto sul Nord Ovest per far sì di riuscire ad anticipare i lavori sul corridoio Reno Alpi, a recuperare il tempo perduto».

Nel suo incontro con la ministra Stefani, Cassis ha invece ricordato che la Svizzera è in attesa di una presa di posizione da parte dell'Italia in merito all'accordo sulla fiscalità dei frontalieri parafato nel 2015.

La lunghezza dei tempi, ha avvertito Cassis, «mina la credibilità del rapporto tra cittadino e stato». «Se i governi fanno dei contratti internazionali che poi rimangono dormienti in un cassetto senza arrivare a un né sì né no, questo mina» il rapporto tra cittadino e governo.

Il Forum prevede quattro gruppi di lavoro: si parlerà di trasporti (lo sviluppo dei porti liguri e dell'asse ferroviario del San Gottardo), di tecnologia (l'utilizzo dei Big Data nell'ambito della salute), di turismo e di Europa (i diversi modelli di integrazione nel continente europeo).

Commenti
 
gluvi 1 mese fa su tio
Dopo il buco nero il FORUM
Figenfeld 1 mese fa su tio
Ma?
Figenfeld 1 mese fa su tio
On. CF Ignazio Cassis, inizi a convincere I Colleghi in CF e il Parlamento ché le trattative con gl'Italiani va svoltosi in Lingua Italiana (!), nn quella Inglese!!! Proporrei come alternativa di eseguirla in dialetto Schwizerdütsch, così nn capiscono +/- " naota-nagot" i compagni del Nord'e! I dialett ticines però, i capis ben. Nudo e Crudo nn sono accettabili certe Condizioni a SFAVORE nn solo dei Ticinesi, ma anche dai Svizzeri oltre Gottardo! Cmq e dura e ci credo ché il Ticino va avanti (!)....come sempre e più forte, senza colori definiti, ma creativi senza limite (nel consenso della Legge!), pensando al Futuro per tutti e al 19 maggio. 1 x Si - 1 x No quale, cosa o no, resta a voi a decidere;-) L'UE....lassa perd...
seo56 1 mese fa su tio
È come sempre sarà un nulla di fatto!!
LAMIA 1 mese fa su tio
Mangiato e bevuto bene onorevole? Si ricordi che i ticinesi sono nella M! Dimostri fatti e non parole!
sedelin 1 mese fa su tio
gruppi di lavoro, forum, discussioni, blablabla e ...nulla più.
Galium 1 mese fa su tio
La Svizzera è inserita in un contesto internazionale da cui trae moltissimi vantaggi (ad esempio 19 miliardi di export solo per il mese di febbraio). Se ci sono dei problemi con altri stati bisogna cercare di risolverli. Cassis si sta giustamente dando da fare in queso senso. Viceversa le generiche chiacchiere da bar e gli insulti nei suoi confronti non portano proprio a nulla.
Danny50 1 mese fa su tio
4 gruppi per parlare di tutto e di più , ma non delle prese per i fondelli che i suoi compatrioti ci riservano. Prima ci si fa infarinare con un accordo ciofeca come al solito, poi ci si fa portare in barca per oltre 4 anni. Che si cominci a bloccare i ristorni che poi Cassis invece di bla bla bla dovrà darsi una mossa...forse
roma 1 mese fa su tio
Cassis ha aperto il forum dei suoi connazionali "azzurri".
patrick28 1 mese fa su tio
Bravo Cassis !
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-19 15:02:53 | 91.208.130.87