Keystone
Il presidente mostra la via: «Dobbiamo modificare la nostra comunicazione: chi vuole una Svizzera più sicura deve votare UDC».
SVIZZERA
02.04.2019 - 07:460

L'UDC continua dritto per la sua strada

Nonostante i cattivi risultati, il partito democentrista non intende cambiare il suo programma in vista delle elezioni federali. Rösti: «Continuiamo a concentrarci sui nostri temi tradizionali»

BERNA - Malgrado i cattivi risultati ottenuti nelle ultime settimane in tre cantoni, l'UDC non ha intenzione di modificare il suo programma in vista delle elezioni federali di ottobre.

Per il presidente del partito, Albert Rösti, è necessario più che altro agire a livello di comunicazione.

«È meglio spiegare agli elettori ciò che un accordo quadro con l'Unione europea (UE) o una politica climatica immaginata dai Verdi significherebbe», ha affermato in un'intervista diffusa oggi dalla Neue Zürcher Zeitnug. «Il partito deve mostrare meglio agli elettori che chi vuole una Svizzera libera e sicura in futuro deve votare UDC», ha proseguito il consigliere nazionale bernese.

Di fronte al calo di consensi registrato nelle elezioni cantonali a Zurigo, Lucerna e Basilea Campagna, Rösti non intende tuttavia cambiare l'orientamento del partito. La campagna elettorale deve continuare a concentrarsi sui temi tradizionali dell'UDC, come l'UE, gli stranieri e la fiscalità, ha osservato.

Per quanto riguarda la questione climatica, che ha permesso a Verdi e Verdi liberali di guadagnare terreno, Rösti ha precisato: «Siamo un partito che non si allinea agli umori degli elettori, ma a ciò che riteniamo positivo per la Svizzera».

L'UDC, primo partito svizzero con quasi il 30% dei consensi nel 2015, ha perso nove seggi al Gran Consiglio di Zurigo il 24 marzo e sette lo scorso fine settimana a Lucerna e Basilea Campagna.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
moma 1 anno fa su tio
L'ipocrisia verderossa. Gridano ma poi si spostano anche loro come tutti gli altri, cioè con tutti i generi di veicoli che inquinano e d'inverno stanno anche loro al calduccio dei riscaldamenti che inquinano. Ipocrisia pura.
LAMIA 1 anno fa su tio
Mi chiedo se quelli che sperano e si rallegrano della scomparsa di maggioranze pro Svizzera e anti EU si rendano conto CHE SINISTORSI È VERDI OLTRE A PARLARE NON POTTRANNO FARE NULLA SE SCOMPARE LA DESTRA IMPRENDITORIALE perché questi signori vivono alle spalle dello stato e spendono soldi non da loro prodotti ma versati da cittadini che lavorano in queste ditte non sicuramente gestite dalla sinistra. Godete quindi fin tanto che entrano soldi perché poi cari Verdi e sinistorsi SCOMPARIRETE.
Galium 1 anno fa su tio
@LAMIA Mi pare che in questo momento i pericoli per il mondo imprenditoriale non vengano certo da sinistra, ma semmai da chi vuole impoverire la Svizzera isolandola dal resto del mondo secondo logiche nazionaliste ottuse e fuori dal tempo. Del resto i recenti insuccessi di UDC ed il rafforzamento dei partiti ecologisti sono un segnale di quali siano le reali preoccupazioni degli elettori.
Tony15 1 anno fa su tio
Si estingueranno dopo il P$$ Naturalmente
Danny50 1 anno fa su tio
Evoluzione normale in un paese che si imbastardisce a vista d’occhio
ste3990 1 anno fa su tio
Bene! Continuate così che andrete dritti a sbattare e vi estinguerete!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-16 16:04:28 | 91.208.130.89