Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
30 min
Radicalizzazione ed estremismo, buone notizie
BERNA
41 min
Un mercante d'armi deve 2,5 milioni al fisco bernese
SVIZZERA
1 ora
Divorzi in aumento, due matrimoni su cinque vanno a pezzi
URI
1 ora
Heidi Z'Graggen punta di nuovo alla politica federale
ARGOVIA
1 ora
Colpo di sonno sulla corsia di sorpasso
BERNA
1 ora
Il cadavere di una ragazzina ripescato dall'Aare
VAUD
1 ora
Al volante con il 2,5 per mille, addio patente
SVIZZERA
1 ora
Altra notte tropicale, oltre 25 gradi a Vevey
SVIZZERA
2 ore
Il Consiglio federale frena sull'e-voting: «Non diventi la norma»
SVIZZERA
2 ore
Migros vuole cedere Globus, Interio, Depot e m-way
SOLETTA
3 ore
Protesta a favore delle due ruote
SVIZZERA
3 ore
«L'assicurazione di base dovrebbe assumersi i costi del dentista»
SVIZZERA
5 ore
Sesso e calura: «Più ormoni, il desiderio aumenta»
BASILEA CITTÀ
13 ore
Con la sedia a rotelle sulla A2: «Non si è fermato nessuno a chiedere se era tutto ok»
BERNA / MILANO
15 ore
Uno svizzero a Milano: «Così abbiamo contrastato i classici stereotipi sulla Svizzera»
SVIZZERA
26.03.2019 - 14:350

«Serve un accordo commerciale con gli Stati Uniti»

La Commissione della politica estera del Nazionale ha approvato una mozione degli Stati in tal senso

BERNA - Il Consiglio federale deve lavorare per ottenere un accordo di libero scambio, o perlomeno un accordo commerciale preferenziale, con gli Stati Uniti. È l'opinione della Commissione della politica estera del Nazionale, che con 16 voti contro 8 e un'astensione ha approvato una mozione degli Stati in tal senso.

Secondo la commissione i tempi attuali offrono una reale opportunità di negoziare un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti, che sono il secondo partner commerciale della Svizzera, si legge in un comunicato odierno dei Servizi del Parlamento.

La mozione prevede il coinvolgimento di diversi attori al fine di evitare un'interruzione prematura dei negoziati come avvenne nel gennaio 2006. In questo modo sarà possibile discutere le posizioni e le aspettative di entrambe le parti prima di procedere all'avvio di negoziati formali.

Sebbene non si opponga in linea di principio al libero scambio, una minoranza reputa invece che un segnale esplicito del Parlamento non sia necessario, in quanto sono già in corso colloqui esplorativi.
 
 

Commenti
 
MIM 3 mesi fa su tio
E' basilare un accordo di libero scambio con gli USA. I nemici ci stanno attorno e il nostro paese ha bisogno di forti e sicure vie di uscite.
shooter01 3 mesi fa su tio
mandiamoci andrea vosti :))))))))
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-27 11:25:08 | 91.208.130.86