Keystone (archivio)
Le regolamentazioni in Svizzera sono molto frammentarie
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
2 ore
Brienz ogni anno scende a valle di un metro, il Cantone: «Vi aiuteremo»
La frazione grigionese abitata da un centinaio di anime si sposta in maniera costante, le autorità: «Situazione particolare»
SVIZZERA
2 ore
Noi i canali della Srg/Ssr sul digitale terrestre non li vediamo più, ma in Austria...
Ci riescono ancora (e pure in chiaro) grazie agli sforzi di un'emittente privata e il nullaosta dell'Ufcom: «Il blackout era dispiaciuto a tanti»
SVIZZERA
3 ore
Alla fine il giornale di sinistra Wochenzeitung andrà al WEF
L'accredito stampa della testata per l'edizione 2020 del Forum di Davos è stato accettato
BERNA / RUSSIA
5 ore
Maurer e Putin concordano una cooperazione più stretta
Gli argomenti trattati? Relazioni bilaterali, temi economici e impegno politico della Svizzera a favore della pace
FOTO
SVIZZERA
6 ore
Prima di Rytz, le altre candidature "verdi" al Consiglio federale
La prima presentata ufficialmente fu quella di Cécile Bühlmann nel 2000 per subentrare ad Adolf Ogi
SONDAGGIO
BERNA
9 ore
Regula Rytz: «Pronta al Consiglio federale» e "punta" al posto di Cassis
La presidente dei Verdi svizzeri: «Plr? Un partito ampiamente sovrarappresentato» e propone una nuova "formula magica"
SVIZZERA
9 ore
Quel pedofilo recidivo «deve essere internato»
Il Tribunale federale ha accolto un ricorso del Ministero pubblico sangallese: il 60enne resterà internato fino alla fine di maggio del 2020
SVIZZERA
9 ore
Coppie sposate: «No a una soluzione transitoria»
È il parere espresso dal Consiglio federale in risposta a una mozione volta a eliminare la penalizzazione del matrimonio
VAUD
10 ore
Assalti ai furgoni blindati: «Finché sulle strade gireranno certe somme...»
Canton Vaud nel mirino delle bande francesi: Un criminale di Lione fornisce l'identikit del rapinatore tipo: «Ha tra i 28 e i 42 ed ha un passato migratorio e spesso proviene dal Maghreb»
SVIZZERA
12 ore
Lo "Jass del vescovo" va al Governo solettese
Nel tradizionale torneo di carte, i membri dell'esecutivo si sono imposti «al fotofinish» su i rappresentanti della diocesi di Basilea
SVIZZERA
15.03.2019 - 11:400

Videogiochi, l'età minima va fissata a livello nazionale

Una nuova legge è stata inviata oggi in consultazione dal Consiglio federale

BERNA - L'età minima per guardare un film o acquistare un videogioco va uniformata a livello nazionale. È quanto prevede una nuova legge in materia inviata oggi in consultazione dal Consiglio federale fino al 24 giugno. Lo scopo è meglio proteggere i minorenni dai contenuti mediali inadeguati.

Attualmente non esistono norme federali in materia. La competenza di legiferare spetta pertanto ai Cantoni. Per quel che concerne i film - proiezioni cinematografiche, acquisto di DVD e Blu-ray - esiste una Commissione svizzera del film e della tutela dei giovani che formula raccomandazioni in merito all'età minima. Se praticamente tutti i cantoni vi hanno aderito (solo Ticino e Zurigo non lo hanno fatto), soltanto i due Basilea, Neuchâtel, Vaud e Vallese hanno disposizioni legali in materia.

Regolamentazione frammentaria - Nei videogiochi si è assistito a una autoregolamentazione a livello europeo tramite il sistema PEGI. Esso indica l'età a partire dalla quale un videogame è adeguato. Attualmente oltre il 90% dei giochi è venduto con l'etichetta PEGI. Tuttavia, anche qui sono solo i due Basilea, Neuchâtel, Vaud e Vallese ad aver emanato disposizioni legali.

Insomma, le regolamentazioni in materia di protezione dei minori per film e videogiochi sono in Svizzera molto frammentarie e eterogenee. Presentano anche diverse lacune e carenze a livello normativo nonché problemi sul piano esecutivo, sottolinea il governo.

Da qui la necessità di agire a livello federale. L'obiettivo, afferma il governo, è «proteggere i minorenni da rappresentazioni di cruda violenza o di natura sessuale e da altri contenuti inadeguati, che potrebbero nuocere al loro sviluppo».

Una volta la nuova legge entrata in vigore, tutti i cinema, le videoteche, i venditori al dettaglio online, i punti di vendita e i portali video in Svizzera saranno tenuti a indicare l'età minima richiesta e a effettuare controlli d'età. Per chi non dovesse applicare le nuove disposizioni sono previste multe fino a 40'000 franchi.

Spetterà agli operatori del settore, in associazione con le organizzazioni per la protezione dei minori, fissare le regole per l'indicazione dell'età minima e per il suo controllo. Al Consiglio federale toccherà poi dichiararle vincolanti per tutti.

Tuttavia, se due anni dopo l'entrata in vigore della nuova legge non sarà ancora stata dichiarata vincolante alcuna regolamentazione in materia, il Consiglio federale potrà emanare prescrizioni per il settore in questione (film o videogiochi).

La nuova legge prevede anche obblighi per i fornitori di media audiovisivi a richiesta ("video on demand") con sede in Svizzera (come Swisscom, Sunrise e UPC). Questi, in linea con la recente direttiva dell'UE sui servizi di media audiovisivi, dovranno implementare un sistema di controllo dell'età.

Per via del principio di territorialità rimane il problema di come considerare i fornitori di servizi esteri. Se per i grossi gruppi con sedi o filiali nell'UE, come YouTube o Netflix, non dovrebbero esserci problemi (nell'Unione europea valgono requisiti analoghi a quelli previsti in Svizzera), non è invece chiaro in che misura i bambini e i giovani potranno ripiegare su piattaforme alternative, meno regolamentate o non regolamentate affatto, per accedere a contenuti inappropriati.

La futura legge non concerne invece i programmi televisivi. La Legge federale sulla radiotelevisione contempla comunque già una norma di protezione dei minori.

Commenti
 
KilBill65 8 mesi fa su tio
Non deve essere solo una questione di eta', ma anche di responsabilita'.....I genitori dovrebbero prima controllare a cosa giocano i figli e imporre un orario (min. 1 ora al giorno) perlomeno.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 23:54:40 | 91.208.130.85