Ti Press (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
37 min
La voce fuori dal coro: «Agli anziani fa bene uscire all'aria aperta»
E dovrebbero approfittarne ogni giorno, parola dell'esperto Beat Villiger: «Fa bene al cuore e alla circolazione»
ARGOVIA
4 ore
Fuga “imbranata”, nel fiume con il Cayenne
Un 38enne ha suo malgrado dato spettacolo a Rottenschwil: denunciato
VAUD
4 ore
Superati i 50 morti a Vaud
I decessi nel cantone romando salgono a 55. I casi positivi sono quasi 3'000
FOTO
SVIZZERA / GERMANIA
6 ore
Quando oltre alla frontiera ci si mette il coronavirus
Le coppie si danno appuntamento da una parta e dall'altra della ramina che separa Kreuzlingen da Costanza.
LUCERNA
7 ore
A votare con l'epidemia
A Lucerna le elezioni comunali non sono state annullate. E l'affluenza è - per ora - regolare
SVIZZERA
8 ore
Il Covid-19 non ferma le reclute
Il coronavirus ha infettato 100 militi, mentre altri 800 sono stati messi in quarantena
SVIZZERA
8 ore
Più di 14'000 contagi in Svizzera
Rispetto a ieri si tratta di 1'123 malati in più. I decessi legati al Covid-19 sono invece almeno 257
SVIZZERA
9 ore
Mascherine sdoganate
L'Ambasciata francese in Svizzera ha precisato che il blocco era stato deciso per evitare speculazioni
SVIZZERA
10 ore
Le stazioni sciistiche non rimborsano
Le società che gestiscono gli impianti di risalita hanno fatto un accordo tra di loro
SVIZZERA
10 ore
Il virus mette in difficoltà anche Coop
Oltre mille punti vendita del Gruppo hanno dovuto abbassare le saracinesche e 13000 dipendenti sono rimasti senza lavoro
SVIZZERA/CILE
11 ore
Svizzeri rimpatriati col più lungo volo Swiss
Un Boeing 777 della compagnia è rientrato oggi da Santiago del Cile: si tratta di una rotta di quasi 12’000 chilometri
SVIZZERA
11 ore
Anche le FFS vogliono il lavoro ridotto
Meno treni, meno dipendenti al lavoro. L'ex regia federale colpita dal Covid-19
SVIZZERA
07.03.2019 - 18:570
Aggiornamento : 19:19

Nuovi meccanismi per la perequazione finanziaria

In futuro i Cantoni "ricchi", ossia a forte potenziale di risorse, dovrebbero versare meno soldi a quelli "poveri"

BENRA - La perequazione fiscale in futuro dovrebbe poggiare su nuovi meccanismi. La Commissione delle finanze (CdF) del Consiglio nazionale sostiene ad ampissima maggioranza (un solo voto contrario e senza astensioni) una riforma lanciata dai governi cantonali, ma non troppo gradita in particolare dai cantoni poco dotati della Romandia. Il progetto contempla un gesto per le regioni periferiche.

Il dibattito nel plenum in agenda il 7 maggio, primo giorno di una sessione straordinaria, promette di essere animato. Saranno infatti difese dodici proposte di minoranza, indica una nota odierna della Segreteria delle commissioni delle finanze.

Con la riforma, i Cantoni "ricchi", ossia a forte potenziale di risorse, verseranno meno soldi a quelli "poveri". Il Consiglio federale determinerà ogni anno i pagamenti dovuti ai Cantoni il cui potenziale di risorse è inferiore alla media svizzera.

L'obiettivo di raggiungere un minimo dell'85% della media nazionale dopo la perequazione sarà rivisto. È già superato nella pratica: il cantone più "povero", il Giura, raggiungerà l'88,2% nel 2019. La riforma sarà introdotta gradualmente nell'arco di tre anni per raggiungere l'86,5% nel 2022. In commissione, una proposta che voleva ridurre gradualmente la dotazione minima fino all'85% è stata bocciata.

Tutti i Cantoni con un potenziale di risorse prima della perequazione inferiore al 70% della media nazionale raggiungeranno esattamente il nuovo obiettivo. Un altro meccanismo dovrebbe migliorare l'effetto incitativo per i Cantoni con un potenziale superiore al 70%.

La quota versata dai Cantoni "ricchi" per la perequazione sarà fissa e corrisponderà ai due terzi della quota della Confederazione, ciò che equivale al minimo legale attuale.

Con la riforma, dal 2022, la Confederazione dovrebbe risparmiare 280 milioni di franchi. Il Consiglio federale, seguito dal Consiglio degli Stati, propone di destinare la metà di questo importo alla compensazione dei costi sociodemografici sostenuti dai centri urbani. Il relativo fondo è attualmente considerato da molti come sottodotato.

La maggioranza della CdF (13 voti favorevoli, 10 voti contrari e 2 astensioni) è di un altro parere: vuole infatti distribuire equamente i risparmi della Confederazione in favore della compensazione degli oneri sociodemografici e quella degli oneri geotopografici (ossia dei costi propri alle regioni periferiche).

L'altra metà dell'importo risparmiato dalla Confederazione andrà ai Cantoni "poveri" per attenuare temporaneamente le perdite legate al cambiamento di sistema. La Commissione ha chiaramente respinto la proposta di ripartire questi 140 milioni in funzione delle perdite che la riforma comporta per ogni singolo Cantone.

I Cantoni "ricchi" non sono riusciti a rivedere il calcolo del potenziale di risorse: la grande maggioranza della commissione non ha voluto prendere in considerazione anche i canoni d'acqua. Con una tale soluzione Cantoni di montagna come Ticino, Grigioni, Vallese o Berna, principali beneficiari delle concessioni per lo sfruttamento dell'oro blu, non risulterebbero più altrettanto "poveri".

Con 14 voti contro 10, la commissione non ha voluto neppure chiedere al Consiglio federale di prendere in considerazione la partecipazione dei Cantoni in imprese come banche e ospedali.

All'unanimità la CdF ha deciso di coordinare questa riforma con quella della fiscalità delle imprese. Quest'ultima, la riforma fiscale e il finanziamento dell'AVS (RFFA) su cui il popolo si esprime il 19 maggio, porterà anche a modifiche della perequazione finanziaria.

Con l'abolizione degli statuti fiscali speciali, gli utili delle multinazionali dovrebbero essere considerati al 100%. Alcuni Cantoni si ritroverebbero improvvisamente molto più "ricchi" sulla carta e sarebbero quindi chiamati a pagare di più. Peggio ancora, l'intero equilibrio del sistema ne risentirebbe.

Un nuovo metodo di calcolo eviterà questo fenomeno. Si terrà conto più dei redditi delle persone che degli utili aziendali, in quanto questi ultimi sono più mobili. Saranno presi in considerazione anche gli effetti dei "patent box", strumenti fiscali che consentono un'imposizione privilegiata degli utili generati dalla proprietà intellettuale.

È stata aggiunta una disposizione supplementare per evitare ulteriori distorsioni dovute in particolare al fatto che alcune imprese desiderano rinunciare al loro statuto speciale su base volontaria, prima della loro abolizione legale.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-29 21:18:25 | 91.208.130.87