Keystone
GINEVRA
27.02.2019 - 18:050
Aggiornamento : 19:28

È Maudet il più spendaccione del Governo ginevrino

Le spese effettive del consigliere di Stato, nel periodo 2014-2018, sono di oltre 86mila franchi

GINEVRA - Il consigliere di Stato PLR Pierre Maudet è stato il membro del governo cantonale ginevrino più spendereccio nella legislatura 2013-2018: è quanto emerge dal conto spese dei sette consiglieri e della cancelliera pubblicato oggi.

Dopo la pubblicazione del rapporto della Corte dei conti sulle note spese dei membri del Municipio di Ginevra lo scorso primo novembre, il Consiglio di Stato aveva deciso di far redigere una lista esaustiva delle proprie spese, ha ricordato oggi in una conferenza stampa la vicepresidente del governo cantonale Anne Emery-Torracinta (PS).

In un primo tempo era stato pubblicato un elenco relativo alle spese per il 2017 e i primi mesi del 2018. Ora è disponibile una lista completa per l'intera legislatura, che è stata consegnata alla commissione di controllo e gestione del Gran Consiglio, organo di controllo dell'esecutivo, e alla commissione delle finanze.

Dalla lista si desume che Pierre Maudet, consigliere di Stato responsabile di Sicurezza ed Economia prima di essere in buona parte esautorato in seguito ai suoi guai giudiziari, arriva in testa. Le sue "spese effettive" ammontano a 86'354 franchi per gli anni dal 2014 ai primi cinque mesi del 2018. La somma non comprende tuttavia i costi legati a missioni economiche.

Al secondo posto figura l'ex consigliere del PPD Luc Barthassat, che dirigeva il Dipartimento dell'ambiente, dei trasporti e dell'agricoltura, con 84'213 franchi per lo stesso periodo. Con 75'092 franchi di spese la ex cancelliera dello Stato Anja Wyden Gelpa arriva in terza posizione. A titolo di paragone, Michèle Righetti che le è succeduta ha speso 498 franchi da giugno a dicembre 2018.

Il consigliere di Stato Mauro Poggia dell'MCG, che era capo del Dipartimento dell'impiego, degli affari sociali e della sanità prima di rilevare parte delle competenze che erano di Maudet in un dipartimento ristrutturato, ha registrato spese professionali per 48'251 franchi, il che lo situa in quarta posizione. Seguono i colleghi Serge Dal Busco (PPD, 43'788 franchi), Antonio Hodgers (Verde, 36'821), François Longchamp (PLR, 30'534) e Anne Emery-Torracinta (PS, 11'650).

«Le spese dipendono dai dipartimenti, alcuni magistrati viaggiano più di altri», ha commentato la vicepresidente del governo. Il Consiglio di Stato ritiene che le cose funzionino bene, e che quanto emerso dovrebbe rassicurare il Gran Consiglio.

Da notare che ogni consigliere di Stato ginevrino riceve una indennità forfettaria di 34'500 franchi all'anno «per coprire tutte le spese difficilmente quantificabili legate all'esercizio della funzione», come l'acquisto di abiti o «attenzioni ai collaboratori». Per la cancelliera l'indennizzo ammonta ammonta a 28'000 franchi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
albertolupo 1 anno fa su tio
Ma come? Non è mica quello che le spese glie le pagavano gli arabi? Vuoi vedere che sti furbastri poi mettono fuori le fatture!?!?
Evry 1 anno fa su tio
segue l'esempio di Lombardi agli Stati ?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-10 23:58:06 | 91.208.130.87