https://eu-diktat-nein.ch/it/
SVIZZERA
25.02.2019 - 13:400

Legge sulle armi, ecco la campagna per il "no"

«Per l'adesione a Schengen i tiratori erano dalla parte del Governo. Adesso però non ci resta che il referendum: senza armi non possiamo sparare»

BERNA - Vietando ai privati cittadini di possedere armi da fuoco, la direttiva UE sulle armi condurrà a un disarmo progressivo in Svizzera. È quanto sostiene il comitato referendario che si oppone alla revisione parziale della legge in votazione il prossimo 19 maggio. Gli oppositori se la sono presa anche con la consigliera federale Karin Keller-Sutter rea, a loro avviso, di diffondere menzogne per rassicurare la popolazione.

Il comitato denominato "No al diktat dell'UE che ci disarma" ha presentato oggi a Berna gli argomenti contrari alla modifica della legge sulle armi. Essa si prefigge di limitare la diffusione di quelle semiautomatiche, come richiesto dalla Direttiva dell'Unione europea, in seguito agli attentati terroristici di Parigi.

Le modifiche per la Svizzera - Dieci giorni fa la responsabile del Dipartimento di giustizia e polizia aveva dichiarato ai media che la Svizzera è riuscita a mitigare alcuni aspetti della direttiva e a preservare alcune sue peculiarità legate alle armi in quanto Stato membro di Schengen.

Secondo Karin Keller-Sutter, nell'attuazione il Consiglio federale e il Parlamento hanno sfruttato il margine di manovra concesso dalla direttiva salvaguardando in questo modo la tradizione svizzera del tiro.

Questi argomenti non hanno però convinto il comitato referendario. Oltre l'80% delle armi utilizzate da chi pratica il tiro sportivo saranno immediatamente vietate se la revisione fosse approvata in votazione, ha spiegato oggi in una conferenza stampa a Berna Olivia de Weck, vicepresidente di ProTell, associazione che rappresenta gli interessi di cacciatori, tiratori e collezionisti di armi.

A suo avviso, le armi normalmente in commercio verranno proibite, malgrado tutte le promesse di autorizzazioni eccezionali. Secondo Olivia de Weck, il diritto di detenere armi è di importanza fondamentale per garantire la libertà individuale.

Più nessuna arma sarà disponibile per talune discipline, le ha fatto eco il consigliere nazionale Werner Salzmann (UDC/BE) co-presidente del comitato referendario. Inoltre, il democentrista bernese deplora il giro di vite che sarà applicato ogni cinque anni e che potrebbe portare a un divieto assoluto della detenzione di armi semi-automatiche, senza eccezione alcuna.

Clausola del bisogno - La revisione della legge introduce pure una clausola del bisogno, secondo la quale il possesso di un'arma diventa un privilegio. Tuttavia il popolo aveva bocciato questa clausola nel 2011 respingendo l'Iniziativa per la protezione dalla violenza perpetrata con le armi, ha spiegato Luca Filippini, presidente della Comunità di interessi del tiro svizzero (CIT), che riunisce 14 organizzazioni del settore.

Si tratta di un voltafaccia opportunistico del Consiglio federale e del Parlamento, deplorano gli iniziativisti. «Per l'adesione a Schengen i tiratori erano dalla parte del Governo. Adesso però non ci resta che il referendum: senza armi non possiamo sparare», ha sottolineato Luca Filippini.

La modifica della legge non servirà affatto in materia di lotta anti-terrorismo, ha aggiunto Werner Salzmann. Non v'è alcun adeguamento tra gli inasprimenti che essa contiene e l'obiettivo ricercato in materia di sicurezza. Secondo il democentrista, nessun attentato compiuto in Europa è stato commesso con armi legali.

Altro argomento avanzato dagli oppositori: la revisione parziale della legge genererà ulteriore burocrazia. A loro avviso, la polizia sarà sviata dai suoi compiti di sicurezza sul terreno, comprese le misure di lotta contro il terrorismo. I controlli effettuati oggi sono già sufficienti e opportuni, ha testimoniato Tobias Dillier, funzionario di polizia del canton Obvaldo.

Gli oppositori hanno pure respinto al mittente l'accusa di rimettere in discussione la partecipazione della Svizzera a Schengen-Dublino, in caso di no. A loro avviso, è semmai il Consiglio federale a sviare l'attenzione sulla vera posta in gioco della modifica della legge.

5 mesi fa Legge sulle armi: un "no" sarebbe pericoloso per la sicurezza
5 mesi fa Referendum sulle armi, gli ufficiali si dividono
6 mesi fa Referendum sulle armi: oltre 125mila firme, si voterà in maggio
6 mesi fa Legge sulle armi, parola ai cittadini
9 mesi fa L'UDC Ticino sostiene il referendum sulle armi
9 mesi fa La Legge sulle armi è "antisvizzera", lanciato un referendum
1 anno fa Nuova legge sulle armi, i tiratori minacciano un referendum
Commenti
 
shooter01 4 mesi fa su tio
Referendum legge sulle armi un NO secco a un diktat straniero che lede il diritto Svizzero e d è perfettamente INUTILE oltre che DANNOSO. Lo sport del tiro è bello ed ha una sana tradizione nel nostro paese, CHE NON HA PROBLEMI DI ORDINE PUBBLICO. E' assolutamente inutile regalare diritti a un parlamento straniero a fondo perso, solo per accontentare i capricci di qualcuno
sedelin 4 mesi fa su tio
"senza armi non possiamo sparare": osservazione acuta! che bisogno c'è di sparare? a chi? perché?
Thor61 4 mesi fa su tio
@sedelin Anche a dei semplici bersagni! Ho praticato il tiro IPSC e servono apposite armi assai costose, oltre che una attrezzatura non indifferente per la gestione di questi attrezzi sportivi, alcuni genericamente le definiscono armi, eppure in MOLTISSIMI in tutto il mondo lo chiamano SPORT praticato anche alle Olimpiadi, tanto per ricordare! A chi? A bersagli cartacei e non! Perchè? Perchè fino a prova contraria siamo ancora in una nazione di DIRITTO e, se uno sport per essere praticato abbisogna di un'arma perchè impedirmi di praticarlo? Con lo stesso principio si potrebbe vietare tutto! Questa è la stessa balla dell'ambiente, lo scopo finale e disarmare i cittadini onesti, con quali intenzioni lo sanno solo coloro che hanno pensato l'idiozia di turno.
Nikooo777 4 mesi fa su tio
@sedelin e' uno sport, come tanti altri. Potrei farti la stessa domanda con lo sci o con il paracadutismo: a cosa serve sciare? a cosa serve gettarsi da un aeroplano? E' una passione, e la liberta' di esercitare una passione non dev'essere limitata senza buone ragioni. In un paese come il nostro dove valorizziamo le nostre liberta' e' importante difenderle ove non esiste ragione di eroderle. Se leggi la mia risposta sotto a CF magari cambierai leggermente opinione, o per lo meno comprenderai perche' noi amanti del tiro al bersaglio non vogliamo questa legge europea
Tato50 4 mesi fa su tio
@sedelin Che bisogno c'è di accoltellare un padre o fare una rapina con la stessa arma !
Thor61 4 mesi fa su tio
@Nikooo777 Prendo spunto dal tuo commento, per chiedere ai contrari, se possono dire quanti tiratori, di TUTTE le discipline del tiro, sono arrivate alle cronache perchè hanno sparato a qualcuno e, quanti si sono feriti durante la pratica sportiva! Sveglia parliamo di quello che conosciamo e lasciamo perdere i bandi politici.
Nikooo777 4 mesi fa su tio
@Thor61 Io personalmente mi ferii con un arma da fuoco a 15 anni (arma scarica ma ci lasciai dentro un dito nella culatta), ma non per questo ritengo che nuove leggi siano necessarie. Fu' una mia svista, un incidente che non dovrebbe capitare ma che sfortunatamente successe. Purtroppo le liberta' e i diritti vengono con responsabilita'. Anche nello sci tanta gente ci rimette la pelle ogni anno a causa di valanghe, incidenti e sviste. Feci una ricerca sui numeri e ci sono molti piu' morti e feriti nello sci che non nello sport di tiro, eppure non vedo nessuno chiedere permessi eccezionali per comprare sci, patenti di sci o piu' leggi severe per sciatori... Riflettiamo...
cf. 4 mesi fa su tio
"il diritto di detenere armi è di importanza fondamentale per garantire la libertà individuale" ha capito tutto... io mi vergognerei a dire una cosa simile
Nikooo777 4 mesi fa su tio
@cf. Se non ti soffermassi sulla singola frase magari riusciresti anche a capire l'altra campana. Io mi vergognerei di piu' a regalare diritti all'UE in cambio di niente!
sedelin 4 mesi fa su tio
@cf. la libertà individuale: c'é chi crede che libertà individuale significa poter fare ciò che si vuole; questo é il livello mentale di certi personaggi!
Nikooo777 4 mesi fa su tio
@sedelin e' abbastanza radicale credere nella liberta completa individuale. Quello che si propone con il referendum e' di NON TOCCARE le leggi, si chiede di rimanere esattamente come si e' ora. Non mi sembra che al momento stiamo avendo problemi... anzi... abbiamo uno dei tassi di criminalita' piu' bassi d'europa, forse, e dico forse, e' l'EU che dovrebbe prendere esempio da noi
Thor61 4 mesi fa su tio
@sedelin SI, finchè la mia libertà non arreca danno ad alcuno sono libero di fare come e cosa meglio credo! Poi quando arriveranno altre leggi ed altre norme, allora vedremo di adeguarci, forse, ma fino ad allora libertà significa proprio questo, almeno in DEMOCRAZIA!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-07-21 11:14:57 | 91.208.130.86