Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
56 min
Riciclaggio, le banche svizzere non sono da meno
Nell'inchiesta del CIGI figurano anche transazioni collegate a Credit Suisse, UBS, Raiffeisen, Julius Bär e ZKB
FOTO
BERNA
1 ora
Piazza Federale è stata occupata
Gli attivisti si sono dati appuntamento quando ancora era buio. È il calcio d'inizio alla settimana Stand Up for Change
SVIZZERA
10 ore
Denaro sporco, riciclaggio in diverse grandi banche
Lo rivelano le conclusioni di una ricerca effettuata dal Consorzio internazionale dei giornalisti investigativi
FRIBURGO
11 ore
Tre giovani in fuga dalla polizia su un'auto rubata
I ladri hanno commesso diverse infrazioni prima di abbandonare la vettura. Sono stati fermati a Cugy
FOTO
SVIZZERA
13 ore
Cleanup Day: raccolti 5262 kg di rifiuti
1114 chilogrammi potranno essere riciclati
GRIGIONI
17 ore
Urtato da un'auto che se ne va
Il 30enne, che spingeva la bici a piedi, ha picchiato la testa al suolo. La polizia cerca testimoni
SVIZZERA
17 ore
UBS si prepara ad acquisire una grande banca europea?
Secondo la "SonntagsZeitung" sarebbe in cantiere un'operazione di assoluto profilo
SOLETTA
17 ore
In motorino in autostrada e senza casco
Il 21enne ha spiegato di avere imboccato per sbaglio l'entrata dell'A1
FRIBURGO
20 ore
Litiga con alcuni giovani e spara con un fucile da caccia
L'uomo di 78 anni, che ha esploso un unico colpo per terra, è stato arrestato dalla polizia. Nessuno è rimasto ferito.
SVIZZERA
20 ore
Giovedì 12 marzo? «Il giorno in cui le cose sono davvero cambiate»
Un libro mostra i retroscena della pandemia, e del lockdown, nel nostro paese
GRIGIONI
21 ore
Contro il guardrail in moto, 30enne in ospedale
Il centauro stava viaggiando sul passo dello Julier con un gruppo di altri motociclisti.
NEUCHÂTEL
12.02.2019 - 11:250
Aggiornamento : 12:52

Clottu lascia il Nazionale, al suo posto Perrin?

Il parlamentare era stato escluso dall'UDC neocastellano nell'aprile del 2017 per il mancato pagamento dei contributi e le sue critiche alla direzione del partito

NEUCHÂTEL - Raymond Clottu, escluso dall'UDC neocastellana nell'aprile 2017 per il mancato pagamento dei contributi e le sue critiche alla direzione del partito, rinuncia a sollecitare un nuovo mandato al Consiglio nazionale alle prossime elezioni federali di ottobre. Al suo posto si ricandida Yvan Perrin che già aveva occupato il seggio prima di lui dal 2003 al 2013.

«Non è una buona notizia», ha detto oggi alla stampa a Couvet (NE) Walter Willener, presidente dell'UDC neocastellana, evocando la rinuncia de 51enne Clottu. Quest'ultimo, che siede ormai come indipendente a Berna (pur rimanendo nel gruppo UDC) dopo essere stato eletto quale rappresentante democentrista, avrà trascorso sei anni alla Camera del popolo e ci si aspettava oggi una sua ricandidatura dopo un rientro nel partito.

Sulla lista per il Consiglio nazionale tornerà invece Yvan Perrin, 52enne vicepresidente del partito, che ha già rappresentato il suo cantone a Berna ed è stato anche brevemente consigliere di Stato tra il 28 maggio 2013 e il 16 giugno 2014, quando ha dovuto gettare la spugna a causa di un burn-out. Egli non era tuttavia presente alla conferenza stampa a Couvet, nel suo feudo della Val-de-Travers, allorché tutti si aspettavano l'annuncio ufficiale di una "riconciliazione" con Clottu, con il quale c'erano stati dissapori, per affrontare insieme la lotta elettorale.

L'assemblea generale del partito designerà ufficialmente i candidati il 13 marzo. Per il Consiglio nazionale l'UDC di Neuchâtel dispone di sei candidati compreso Perrin. "Ci sarà una candidatura al Consiglio degli Stati", ha detto Walter Willener, ma il nome del candidato sarà rivelato soltanto in altra data.

Escluso nel 2017 - Raymond Clottu era stato escluso nella primavera 2017 dall'UDC neocastellana per non aver pagato le quote dovute - 5000 franchi all'anno - e per aver criticato la direzione del partito dopo i cattivi risultati alle elezioni cantonali. Il consigliere nazionale aveva deciso di sospendere i versamenti sostenendo che si doveva prima chiarire la situazione finanziaria del partito.

L'eletto residente a La Brévine si era già dimesso nel gennaio 2016 dal comitato direttivo dell'UDC neocastellana, giudicando prematuro un ritorno dell'ex consigliere di Stato ed ex consigliere nazionale Perrin alla presidenza della sezione cantonale del partito.

Lo scorso 21 gennaio Walter Willener, eletto presidente dell'UDC neocastellana nell'ottobre 2018, aveva indicato che Clottu non aveva ancora chiesto una riammissione nel partito e che il termine per farlo eventualmente era stato fissato all'8 febbraio. «Se dovesse candidarsi, la sua riammissione sarà una pura formalità», aveva proseguito.

Clottu e Perrin si erano infatti incontrati a inizio dicembre e avevano in apparenza appianato le loro divergenze. Per questo motivo una lista UDC con i loro due nomi avrebbe offerto una buona possibilità al partito di conservare il seggio al Nazionale, aveva dichiarato Willener. Secondo molti osservatori, con la sola candidatura trainante di Perrin l'UDC rischia invece fortemente di perdere il seggio a Berna.

«Lunga riflessione» - Willener ha precisato oggi di aver avuto non meno di 40 contatti con Clottu nelle ultime settimane per convincerlo a tornare nei ranghi. Da parte sua, l'interessato ha detto di aver "riflettuto molto" prima di prendere una decisione. «Il fatto di presentarsi con Perrin non ha svolto alcun ruolo», ha assicurato, invocando unicamente una questione di motivazione e l'intenzione di concentrarsi sull'attività professionale (esperto contabile ndr.). La voglia di continuare - ha affermato - deve venire "dal fondo del ventre. Bisogna saper dire basta a un dato momento".

Perrin aveva lasciato il Consiglio di Stato neocastellano nel 2014 dopo essere rimasto vittima di una depressione e di un burn-out. Nell'aprile 2017 aveva rinunciato alla presidenza del partito cantonale, in seguito allo smacco subito dai democentristi alle elezioni cantonali. Perrin aveva pure assunto la carica di vice-presidente del partito svizzero dal 2006 al 2012.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-21 08:30:36 | 91.208.130.87