Keystone
SVIZZERA
05.02.2019 - 10:330
Aggiornamento : 10:53

Sostegno della Commissione alle 2 settimane per i papà

Tra controprogetto e iniziativa, la COFF esprime preferenza per quest'ultima e chiede una protezione contro il licenziamento

BERNA - Anche se si tratta di un passo «estremamente modesto», la proposta della Commissione della sicurezza sociale e della sanità degli Stati di introdurre un congedo paternità di due settimane va sostenuta. Lo indica la Commissione federale per le questioni familiari (COFF).

La proposta, in consultazione fino al 2 marzo, rappresenta un controprogetto indiretto a un'iniziativa popolare che auspica per i papà 4 settimane di stop. Il controprogetto prevede in particolare un congedo paternità pagato di due settimane, cui il padre potrà far capo nei 6 mesi successivi alla nascita del figlio, in un'unica volta o sotto forma di riduzione del grado di occupazione, anche con singoli giorni.

Tra controprogetto e iniziativa, la COFF esprime preferenza per quest'ultima. Nella situazione politica attuale viene ritenuto accettabile anche un congedo limitato a due settimane.

Nella sua presa di posizione, la COFF chiede anche di concedere ai padri una protezione contro il licenziamento durante i mesi in cui possono beneficiare del congedo di paternità.

Per il futuro la Commissione rimane convinta che sia necessario concedere ai padri un congedo più lungo al fine di rafforzare in modo duraturo il legame con il figlio.

La COFF aveva presentato una soluzione nell'agosto dello scorso anno. Constatando che in questo ambito della politica famigliare la Svizzera risulta agli ultimi posti, davanti solo a Messico e Stati Uniti, la Commissione proponeva una congedo parentale di 38 settimane, di cui almeno otto per il padre e quattordici per la madre; il resto da spartire secondo i bisogni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-07 23:44:45 | 91.208.130.86