Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BASILEA CITTÀ
39 min
I numeri (rubati) di poliziotti e agenti di sicurezza su un sito di estrema sinistra
Nel mirino persone legate al centro di asilo federale Bässlergut
FRANCIA / SVIZZERA
55 min
Ramadan indagato per stupro su una quinta donna
Già nel 2018 la procura di Parigi aveva chiesto la sua iscrizione nel registro degli indagati per questo caso
ZURIGO
2 ore
Swiss: il CEO non vede necessità di ulteriori crediti
Klühr ha dichiarato che entro fine anno avrà a disposizione ancora un miliardo di franchi.
VALLESE
3 ore
I club di fitness si oppongono alla chiusura
Sarebbe già pronto un ricorso di diritto amministrativo al Tribunale cantonale.
SVIZZERA
4 ore
Gli esperti bocciano la distanza di 1,5 metri
Gli esperti chiedono all’UFSP d'inserire nella sua strategia di difesa anche le infezioni attraverso le goccioline
SVIZZERA
4 ore
Il 2020 di Valora dovrebbe essere positivo, nonostante tutto
C'è stata una ripresa dopo la perdita registrata - causa lockdown - nei primi sei mesi dell'anno
ZUGO
4 ore
Per una coccinella, scontro tra tre auto
Singolare la dinamica: lo scontro si è verificato per salvare la vita al piccolo insetto.
SVIZZERA
4 ore
«Un secondo lockdown va evitato a ogni costo»
È l'indicazione emersa dalla tavola rotonda promossa dal Dipartimento federale dell'economia
BERNA
4 ore
Svizzera arrestata in Bielorussia: sedici parlamentari ne chiedono il rilascio
La donna rischia fino a cinque anni di carcere per aver tolto il passamontagna a un poliziotto.
BERNA
4 ore
Dopo l'urto contro un ponte la perforatrice cade sulla strada
Le operazioni di recupero del pesante macchinario sono ancora in corso
SVIZZERA
5 ore
Giornata nazionale di solidarietà, raccolti quasi 1,9 milioni di franchi
Simonetta Sommaruga ha sottolineato che in Svizzera è buona abitudine guardare oltre le proprie frontiere
SVIZZERA
6 ore
Accordo quadro: Calmy-Rey invita a non avere fretta
Secondo l'ex consigliera federale si dovrebbe anche aspettare la Brexit
SVIZZERA
27.01.2019 - 11:520

Ricostruire l'economia del Medio Oriente, l'idea di Cassis

Il consigliere federale propone di lanciare un'iniziativa, coinvolgendo i Paesi confinanti con la Svizzera

BERNA - Lanciare un'iniziativa per la ricostruzione economica del Medio Oriente coinvolgendo i Paesi confinanti con la Svizzera. È quanto propone il ministro degli esteri Ignazio Cassis, in modo da creare delle prospettive concrete in una regione dove attualmente non si assiste ad alcun progresso sul piano politico.

«Il processo di pace dell'Onu è in fase di stallo», ritiene il consigliere federale in un'intervista pubblicata oggi dalla NZZ am Sonntag, proponendo di «adottate misure concrete per creare prospettive economiche, ad esempio sostenendo le start-up». I giovani - prosegue - «non devono concentrarsi su chi è il loro avversario, ma su come accrescere la loro prosperità».

Malgrado il suo impegno e i suoi buoni uffici, da sola la Svizzera può tuttavia ben poco, ammette Cassis, che intende coinvolgere altri Paesi. «Ne ho parlato al WEF con il ministro degli esteri austriaco e ne discuteremo più approfonditamente la prossima settimana durante la sua visita a Berna. Ne ho già discusso anche con il ministro degli esteri tedesco. La situazione nella regione è stata anche oggetto di un precedente incontro con il ministro degli esteri russo Lavrov», precisa il ticinese.

Non si tratta però di una sorta di Piano Marshall, ma un progetto «che possa sostenere l'economia del Medio Oriente», puntualizza il consigliere federale.

Nell'intervista Cassis parla anche delle difficoltà a cui si va in contro trattando con Paesi di cultura molto diversa dalla nostra, come la Cina o quelli appartenenti al mondo arabo. In questo caso «bisogna considerare i diversi contesti», rileva. «I miei diplomatici mi raccomandano costantemente ciò che posso e non posso dire.» Sulla Cina in particolare, Cassis afferma che la situazione evolve, si muove forse di millimetri, ma si muove.

Comunque «possiamo, ad esempio, esigere che le questioni ambientali e del mercato del lavoro siano incluse quando facciamo affari con altri paesi», precisa. «Questo è il motivo per cui gli accordi di libero scambio di terza generazione includono sistematicamente capitoli legati all'ambiente e al sociale.»

Sul recente e contestato tweet scritto dopo una visita a una miniera di rame del gruppo Glencore in Zambia, usato dall'azienda per farsi pubblicità, in barba alle critiche di varie ong sulle condizioni di lavoro e sull'inquinamento, Cassis afferma che lo scriverebbe allo stesso modo. Nella miniera «non è ancora tutto perfetto, ma sta andando nella giusta direzione. Ho semplicemente espresso quanto ero sorpreso positivamente. Il resto lo hanno fatto i media».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 anno fa su tio
Povero PLR, con un consigliere federale che vive in un limbo tutto suo.Non sarebbe ora di richiamarlo alla realtà?Ma come può un ministro svizzero proporre di ricostruire una economia in Medio Oriente , quando i relativi paesi sono sempre in uno stato de belligeranza accresciuta? Che tipo di influenza si immagina di poter esercitare su questi paesi, dove l'unico metodo di convincimento è la fornitura di miliardi in armi?Ci sono ben altri problemi che il nostro ministro dovrebbe finalmente affrontare.Il WEF sembra che lo abbia ulteriormente estraniato dalla realtà.
Mattiatr 1 anno fa su tio
@vulpus Il problema non è l'idea di ricostruire il medio oriente, quello sarebbe anche possibile con anni di sforzi. Il problema è che lo propone a nome della Svizzera, siamo ancora un paese neutrale e con le nazioni estere che sono in guerra aiutare un paese piuttosto che un altro potrebbe portarci ad avere dei fraintendimenti, perdendo quindi ciò che di più caro abbiamo, la neutralità. Non possiamo avere una politica estera come con un qualsiasi altro paese, dobbiamo essere attenti a quello che facciamo. Non possiamo andare dietro all'Unione europea come se fosse dio in terra, abbiamo il dovere di considerare tutti i paesi nello stesso modo. Dobbiamo trattare con la Russia e con la Cina esattamente come trattiamo con gli Stati Uniti e con la Germania. Cercare di ricostruire una parte di mondo con i soldi CH significherebbe dover dare soldi a tutti per rimanere imparziali. Diciamo che come Svizzero preferirei una politica un po' più attenta su sti temi.
streciadalbüter 1 anno fa su tio
Meglio isolati e liberi che connessi e schiavi di qualche unione(E).Morat e San jacobo non obliar!
seo56 1 anno fa su tio
Una ne fa e cento ne pensa!!
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Ewwai Ignazio ! ! !... :-)))))
streciadalbüter 1 anno fa su tio
Che si occupi in prima linea degli Svizzeri che pagano il suo lavoro.
miba 1 anno fa su tio
@streciadalbüter Concordo in pieno...ma ciò è molto più difficile che non andare in giro per il mondo a raccontare cavolate a chi crede ancora che la Svizzera è rimasta il Bengodi del mondo.....
Galium 1 anno fa su tio
@streciadalbüter Ma che cosa volete da un Ministro degli Esteri? Che stia a Berna a scaldare la scrivania? Deve viaggiare se vuole difendere i nostri interessi. A meno che non si voglia isolare completamente la Svizzera dal resto del mondo
Mattiatr 1 anno fa su tio
@Galium Il ministro degli esteri deve concentrarsi sui trattati che coinvolgono CH ed esterni. Il ministro degli esteri deve pensare solo alla Svizzera visto che essa è neutrale e pertanto non ha il diritto di metter mano su altre nazioni, non ha il diritto di coinvolgersi in battaglie, discussioni o altro che non coinvolgono la Svizzera direttamente. Non è giusto che un paese neutrale inizi a parlare di nazioni straniere, anche se si tratta di economia. Altrimenti molliamo la neutralità, allora sì che ne avremo il diritto, però per noi sarebbe una grande sconfitta.
Galium 1 anno fa su tio
@Mattiatr Non ci si può cristallizzare su un concetto così estensivo di neutralità. Non è più al passo con i tempi. Non sono un estimatore di Cassis, soprattutto per come si è comportato prima della sua elezione. Credo tuttavia che in questo caso agisca in accordo con gli interessi, diretti o indiretti della Svizzera. Questo è quanto importa.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-22 22:39:39 | 91.208.130.87