Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
14 min
Tutto tranquillo nelle centrali atomiche elvetiche
Sono ventidue gli eventi nucleari o radiologici di lieve entità segnalati nel 2021.
SVIZZERA
23 min
Medicamento anti Covid, presentata la domanda di omologazione
Il farmaco Paxlovid si compone di due principi attivi sintetici: Nirmatrelvir e Ritonavir.
BERNA
32 min
«Il picco potrebbe essere stato raggiunto»
Da Berna, gli esperti della Task Force federale fanno il punto sulla situazione pandemica in Svizzera
ZUGO
33 min
Ritrovato morto dopo più di dieci mesi
Il corpo senza vita del 39enne è stato ritrovato sabato scorso sul Rigi da alcuni alpinisti.
SVIZZERA
1 ora
In Svizzera altri 29'142 contagi in ventiquattro ore
Nelle cure intense del nostro paese, il 30,3% dei posti letto è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
1 ora
L'eruzione si è fatta sentire in Svizzera dopo venti minuti
Tanto ci hanno messo le onde sismiche ha raggiungere il nostro paese. Movimenti sono stati registrati per dodici ore
NEUCHÂTEL
1 ora
L'orso Haydibay non c'è più
L'animale viveva allo zoo di La Chaux-de-Fonds ormai da 29 anni.
SVIZZERA
2 ore
Se avete queste borracce, non utilizzatele più
I consumatori possono rimandare il prodotto a ZEFAL SA e ottenere un rimborso, specifica l'Ufficio prevenzione infortuni
BERNA
3 ore
Quasi 100 armi dell'esercito andate perse nel 2021
Sono state smarrite una settantina di fucili e una ventina di pistole
SAN GALLO
4 ore
Colaticcio nel torrente, muoiono un migliaio di pesci
Il materiale proveniva da un allevamento di maiali. L'allevatore 68enne è stato denunciato al Ministero pubblico.
FOTO
SVIZZERA
4 ore
«Non usatela, non protegge»
La Suva ha deciso di richiamare il prodotto: «La scarsa efficacia protettiva potrebbe risultare dannosa per la salute».
SVIZZERA
8 ore
Malati che muoiono a causa del rinvio di interventi chirurgici
Il settore sanitario è sotto pressione. Si temono gravi conseguenze sulle condizioni dei pazienti
SVIZZERA
16 ore
Covid-pass aggiornato? Ora non ci si dovrà più mettere il dito
Niente più verifica manuale, ora l'app Covid Certificate esegue il refresh automaticamente.
SVIZZERA / MONDO
18 ore
«Vaccinare il mondo per fermare la pandemia»
Il messaggio del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres al WEF di Davos.
FOTO
ZURIGO
19 ore
Con l'auto dritto contro l'albero, ferito un 67enne
Per cause ancora da chiarire, il veicolo dell'uomo è uscito di strada mentre approcciava una curva.
SVIZZERA
20 ore
Sostegno al 2G, ma solo sino a fine febbraio
Le risposte dei cantoni alla consultazione federale sui provvedimenti anti-coronavirus
GINEVRA
15.01.2019 - 23:050
Aggiornamento : 16.01.2019 - 16:05

Pierre Maudet mantiene la fiducia del partito

Con 341 sì, 312 no e 56 astensioni il PLR ha confermato il sostegno al consigliere di Stato

GINEVRA - Di misura, ieri i delegati del PLR ginevrino hanno testimoniato fiducia al loro consigliere di Stato Pierre Maudet, al centro di indagini in particolare per accettazione di vantaggi. La presidenza del partito, che auspicava le dimissioni del magistrato, rinuncia al proprio mandato. Intanto oggi Maudet ha inoltrato al ministero pubblico una domanda di ricusazione dei procuratori che indagano sul suo viaggio controverso del 2015 ad Abu Dhabi, vicenda poi seguita da altre rivelazioni compromettenti.

Riuniti ieri sera in assemblea straordinaria, i delegati, con 341 voti contro 312 e 56 astenuti, hanno rinnovato il loro sostegno al magistrato.

L'assemblea era stata convocata su richiesta dei sostenitori dello stesso Maudet, per i quali era fondamentale che i militanti potessero esprimersi. La direzione della sezione ginevrina del partito aveva invece già deciso: il 3 dicembre aveva chiesto formalmente al consigliere di Stato di assumere le sue responsabilità e di rassegnare le dimissioni dall'esecutivo cantonale. Poco prima, il 28 novembre anche il comitato direttivo del PLR svizzero aveva invitato Maudet a dimettersi.

PLR svizzero: Maudet si dimetta

Contattato oggi da Keystone-ATS, il partito nazionale afferma di rimanere fedele alla posizione dello scorso autunno. "L'assemblea di ieri ha soprattutto messo in evidenza il fatto che Pierre Maudet, con il suo comportamento, divide e nuoce al PLR di Ginevra", scrive la formazione politica, aggiungendo che seguirà da vicino la campagna della sezione in vista delle elezioni federali di ottobre. "Gli elettori hanno capito che il comportamento di Maudet non riflette in alcun modo i valori del PLR", dichiara il partito.

Maudet: non sono infallibile

Il "ministro" cantonale, che ha sempre resistito alle pressioni venute dal suo partito, ha affermato che terrà conto del voto dei delegati. Intervistato stamani dalla radio romanda RTS ha ammesso che il sostegno ricevuto è misurato, ma resta il fatto che la maggioranza gli ha accordato fiducia. Il voto, a suo avviso, va interpretato anche come un segnale alla direzione, che negli scorsi mesi non ha gestito correttamente la crisi nata dal suo controverso viaggio negli Emirati Arabi.

Davanti ai delegati Maudet ha detto di essere cosciente dello scompiglio creato nel suo partito. "Bisogna essere esemplari, ma ciò non significa essere infallibili", ha tuttavia aggiunto. Prima del voto dei militanti, il consigliere di Stato ha chiesto loro se i dodici anni di lavoro per la città di Ginevra prima e il cantone poi potessero essere completamente cancellati.

Due fronti opposti inconciliabili

Già durante l'assemblea, i delegati sono apparsi divisi e poco ricettivi nei confronti degli argomenti sviluppati dal campo opposto. I sostenitori di Maudet hanno messo in risalto il ruolo di locomotiva elettorale del magistrato, ritenendo inimmaginabile abbandonarlo, quando la giustizia ancora non si è pronunciata.

Le persone favorevoli alle dimissioni del consigliere di Stato, hanno invece insistito sulle sue ripetute menzogne. "Hai mentito al consiglio di Stato, alla commissione di controllo del Gran Consiglio, alla stampa e all'opinione pubblica", ha rilevato il consigliere nazionale Christian Lüscher, che è pure membro del comitato direttivo del PLR ginevrino.

Le bugie al centro della discordia

In un primo tempo, Maudet aveva affermato che il suo viaggio negli Emirati, con la sua famiglia e il suo capo di gabinetto, era stato di natura privata ed era stato offerto da un suo amico. In seguito si è poi saputo che il soggiorno ad Abu Dhabi aveva un carattere ufficiale ed era stato pagato dallo sceicco Mohammed Bin Zayed Al Nahyan.

I sostenitori di Maudet hanno minimizzato questo strappo alla verità. Uno di loro ha persino affermato che tutti i consiglieri di Stato una volta o l'altra hanno mentito. Questa dichiarazione ha fatto reagire l'ex consigliera di Stato ginevrina Martine Brunschwig Graf. "No, non è normale mentire per un magistrato", ha dichiarato.

Diversi oratori si sono anche dichiarati scioccati dalle rivelazioni seguite alla vicenda del viaggio, quali l'esistenza di associazioni segrete a sostegno di Maudet e le "acrobazie finanziarie" del magistrato per ottenere deduzioni fiscali. È di una settimana fa la notizia di un ulteriore problema per Maudet: la procura cantonale si sta infatti interessando ai rapporti tra il consigliere di Stato e il gruppo alberghiero Manotel, sospettando una seconda accettazione di vantaggi.

Presidenza del PLR ginevrino si dimette

Conformemente a quanto annunciato in precedenza, prendendo atto del voto dell'assemblea, contrario agli auspici della direzione del partito, il presidente del PLR ginevrino Alexandre de Senarclens ha confermato che lascerà il suo incarico. La designazione del nuovo presidente potrebbe avvenire all'inizio di marzo. "Il PLR è messo male. È invischiato in una vicenda che rischia di non finire più", ha detto de Senarclens rammaricandosi per il fatto che Maudet "non ha più alcuna considerazione per il partito".

Il consigliere di Stato vede le cose in altro modo: la nuova presidenza dovrà affrontare un discorso di fondo e riunire i membri attorno ai valori del partito, ha detto alla RTS.

Chiesta ricusazione dei procuratori

Maudet oggi ha agito anche sul piano legale. Attraverso i suoi avvocati, ha inoltrato al ministero pubblico una domanda di ricusazione dei procuratori che stanno istruendo il dossier legato al viaggio negli Emirati. Il "ministro" rimprovera alla procura di aver trasmesso al Consiglio di Stato, lo scorso 9 gennaio, estratti di un verbale di un'audizione nei quali ammette di aver avuto un comportamento indegno della sua funzione. Potrebbe trattarsi di violazione del segreto d'ufficio, hanno comunicato i legali di Maudet.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-18 14:43:58 | 91.208.130.89