Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
8 ore
Ecco come hanno scovato il “fabbricante di bombe”
Si tratta del diciassettenne della Svizzera orientale che sui social aveva annunciato di voler compiere una strage
SVIZZERA
10 ore
Berna chiede la liberazione immediata di Alexei Navalny
Per il DFAE la Russia viola le convenzioni che si è impegnata a rispettare.
SVIZZERA/ITALIA
10 ore
«L'Italia meglio della Svizzera nella gestione della pandemia»
Il neuropatologo dell'Università di Zurigo Adriano Aguzzi critica l’approccio di Berna nel contenimento del virus.
URI
10 ore
Il Böögg predice una bella estate
Il fantoccio zurighese è esploso dopo 12 minuti e 57 secondi, un buon segno secondo la tradizione
GLARONA
12 ore
Oltre 25mila mascherine false: scatta la denuncia
Nel pieno dell'emergenza pandemica il canton Glarona è stato vittima di un raggiro
SCIAFFUSA
13 ore
Occupati tutti i posti in terapia intensiva
Ciò fa seguito alla manifestazione non autorizzata che sabato ha riunito migliaia di persone in piazza
SVIZZERA
13 ore
Docente fa dormire due allieve nella sua stanza, ritornerà a insegnare
L'insegnante era uscito con le due studentesse per una notte brava durante un viaggio di studio a Barcellona.
SVIZZERA
15 ore
Voleva uccidere «tutti i musulmani»: giovane in fuga
Si tratta di un diciannovenne residente nella Svizzera orientale che aveva annunciato una strage sui social
URI
15 ore
Il "Böögg" è pronto per essere bruciato
Quest'anno la cerimonia non avrà luogo come di consueto a Zurigo.
SVIZZERA
15 ore
Università, tra chi torna in aula e chi resta davanti al PC
Da oggi può ripartire l'insegnamento in presenza con non più di 50 studenti. Gli istituti si stanno preparando
BERNA
16 ore
Covid, quasi 5mila nuovi casi
Nelle ultime 72 ore si contano anche 16 nuovi decessi legati al virus.
FOTO
LUCERNA
16 ore
Stalla e fienile distrutti, ma il bestiame è in salvo
Nell'incendio di ieri a Ruswil nessuno è rimasto ferito e anche gli animali - una novantina - sono stati salvati.
SVIZZERA
19.12.2018 - 14:100

Voto elettronico, al via la consultazione

Nel corso degli ultimi 15 anni sono stati svolti oltre 300 test

BERNA - I cantoni potranno introdurre il voto elettronico se saranno soddisfatti i requisiti di sicurezza prescritti dal diritto federale. Conclusa la fase sperimentale, il Consiglio federale ha posto in consultazione oggi fino a fine aprile una revisione della legge federale sui diritti politici (LDP) per offrire ai cittadini anche questa possibilità, oltre al voto di persona e per corrispondenza.

Il progetto mira a creare un'ampia base legale e introduce nella la legge i principi più importanti per una procedura di voto elettronico affidabile, precisa un comunicato. Gli elettori devono poter esprimere il proprio voto mediante un sistema completamente verificabile e certificato in base a requisiti di diritto federale.

Le disposizioni di legge quindi prevedono che dal momento del voto fino alla determinazione dei risultati possano essere individuati, grazie a mezzi indipendenti, i malfunzionamenti sistematici dovuti a errori di software, errori umani o tentativi di manipolazione. Le prove crittografiche garantiscono inoltre che tutti i suffragi siano verificabili senza violare il segreto di voto.

Per creare fiducia, è necessario che le procedure siano trasparenti e accessibili al pubblico. I cantoni dovranno costantemente valutare i rischi connessi all'e-voting e per gli scrutini federali continuerà ad essere necessaria l'autorizzazione del governo, anche se con una procedura semplificata.

In base alla nuova normativa, i cantoni potranno inviare solo una documentazione elettronica agli elettori che si sono iscritti per utilizzare l'e-voting a certe condizioni. Inoltre deve essere garantita a tutti la possibilità di votare recandosi alle urne. Il progetto di revisione contiene anche alcune modifiche in relazione al voto anticipato e all'impiego di ausili tecnici nell'accertamento del risultato.

L'introduzione del voto elettronico non è obbligatoria: saranno i Cantoni a decidere se offrire questa possibilità e gli elettori rimarranno liberi di scegliere il metodo di voto che preferiscono.

Un esperimento lungo 15 anni - La fase sperimentale, durata quindici anni, ha permesso a numerosi elettori di votare per via elettronica nel corso di oltre 300 test. Attualmente il voto elettronico viene sperimentato in dieci cantoni. In cinque di essi (FR, BS, SG, NE, GE) possono partecipare alle prove gli aventi diritto di voto residenti sia all'estero sia in Svizzera, mentre negli altri cinque cantoni (BE, LU, AG, TG, VD) possono votare elettronicamente soltanto i residenti all'estero.

Durante la fase sperimentale il numero di partecipati al test è limitato e il numero massimo di persone che può votare elettronicamente durante uno scrutinio federale dipende dallo stato di sviluppo del sistema impiegato. I cantoni utilizzano al momento due sistemi: quello del Cantone di Ginevra e quello della Posta Svizzera. In novembre Ginevra ha deciso che non svilupperà il suo sistema e dal 2020 non gestirà più un sistema proprio. La Posta Svizzera invece sta sviluppando un sistema con verificabilità completa.

Il "no" del Giura - Il canton Giura dal canto suo ha già fatto un passo indietro. Dopo averlo accettato in prima lettura, il parlamento ha fatto oggi marcia indietro, rifiutando per 32 voti contro 27 di inserire questo nuovo strumento nella legge sui diritti politici. La sinistra e l'UDC hanno fatto fronte comune per opporsi all'adesione progressiva all'e-voting a livello cantonale, stimando che il sistema presenta delle falle per quanto riguarda la sicurezza. Alcuni deputati hanno inoltre posto l'accento sui costi, voce importante date le difficoltà finanziarie del Giura.

«L'anonimato dei votanti non è protetto», ha reclamato la parlamentare dei Verdi Erica Hennequin. I contrari hanno anche messo in dubbio il presunto aumento della partecipazione che si registrerebbe durante gli scrutini. Secondo gli oppositori dunque, il sistema elettronico non è ancora affidabile e non vi è fretta di introdurlo. Ginevra, per questioni economiche, ha abbandonato la sua piattaforma di e-voting, hanno poi ricordato gli scettici.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas 2 anni fa su tio
Gia' dubito del risultato di certe votazioni, ma cosi' chissa' che mega inciuci
LAMIA 2 anni fa su tio
Stiamo freschi. Altro passo contro la democrazia.
Thor61 2 anni fa su tio
Mettere anche una votazione in mano a possibili hacker direi che è pura follia, non bastano i brogli? Vogliamo anche parlare di sicurezza quando TUTTI sanno che NON ESISTE nessuna certezza di ciò che è online, meglio alzare le chiappe e recarsi alle urne, fa bene anche alla salute! ;o)))
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-20 05:40:47 | 91.208.130.89