Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 min
Il 4% delle reclute è positivo al coronavirus
Tutti i giovani che negli scorsi giorni sono entrati in servizio sono stati sottoposti al test
SVIZZERA
22 min
La task force Covid-19 cambia pelle
Ci sono state una dozzina di dimissioni da quando l'organo è stato istituito nel marzo 2020
SVIZZERA
27 min
Telelavoro, il piede del virus sul pedale di una rivoluzione già in corso
Vantaggi, svantaggi, stress, produttività. La pandemia ha accelerato i cambiamenti nel mondo del lavoro
SVIZZERA
28 min
Un altro caso di aviaria sul lago di Costanza
Le autorità ordinano ulteriori misure per proteggere il pollame
VALLESE
1 ora
Penuria di vaccini in Vallese
Il cantone romando non riceverà rifornimenti fino a inizio febbraio.
SVIZZERA
1 ora
«42 reazioni avverse al vaccino»
Il dato è stato comunicato da Swissmedic: in Svizzera per ora sono state vaccinate quasi 170'000 persone.
SVIZZERA
2 ore
Altro calo dei contagi in Svizzera
Nelle ultime 24 ore sono pure state ospedalizzate 92 persone.
FOTO
BERNA
2 ore
Cinquanta vitelli morti in un incendio
Il rogo è divampato la scorsa notte in una fattoria di Cortébert.
FOTO
GRIGIONI
2 ore
Uno schianto in mezzo alla bufera
Uno scontro frontale sul Passo del Bernina ha provocato il ferimento di una donna ieri sera.
SVIZZERA
3 ore
Bambini in affidamento: bisognerà ascoltare la loro opinione
In Svizzera sono circa 18mila i bambini con genitori affidatari. Che ora avranno diritto anche a"una persona di fiducia"
GINEVRA
4 ore
Investito da una moto, muore pedone di 83 anni
Il centauro è rimasto gravemente ferito ma la sua vita non è in pericolo
SVIZZERA
4 ore
Armi nucleari: trattato di proibizione in vigore senza la Svizzera
L'accordo vieta l'uso, lo sviluppo, la produzione, i test. Ma anche di assistere chiunque in queste attività
SVIZZERA
4 ore
Quel box di sterilizzazione dell'aria che provoca danni a occhi e pelle
Richiamati i prodotti della Yves Swiss. Il problema si presenta solo sui vecchi modelli
BERNA
11.12.2018 - 10:030

Preventivo "incagliato" sul Controllo finanze

Il Consiglio nazionale vuole tagliare 2 milioni. Il dossier tornerà domani alla Camera dei cantoni

BERNA - Permane una "sola" divergenza tra i due rami del Parlamento in merito al preventivo 2019 della Confederazione. Oggi in terza lettura il Consiglio nazionale ha ribadito di voler tagliare 2 milioni al Controllo federale delle finanze (CDF). Le due Camere si erano invece già accordate per concedere 101,2 milioni supplementari alla formazione e la ricerca. Il dossier ritorna domani alla Camera dei cantoni.

I "senatori" avevano in un primo momento respinto diversi "tagli" decisi dal Nazionale rispetto alla versione governativa. Ieri avevano mantenuto la loro opposizione su due economie. La Camera dei cantoni non aveva voluto privare l'Organo d'esecuzione del servizio civile di 1,6 milioni di franchi, ostacolando la sua trasformazione in ufficio federale. Oggi il Nazionale ha seguito i "senatori", eliminando questa divergenza.

Ieri gli Stati non avevano neppure voluto assecondare la volontà del Nazionale e togliere 2 milioni al CDF rispetto al progetto governativo. Oggi la Camera del popolo, con 116 voti contro 70 e 7 astenuti, ha ribadito tale economia. La sinistra ha tentato invano di convincere il plenum a non diminuire i mezzi per questo organo di sorveglianza, i cui effettivi dovrebbero essere al contrario rafforzati, ha spiegato Samuel Bendahan (PS/VD).

A nome della commissione preparatoria, Jean-Pierre Grin (UDC/VD) ha sottolineato come in primis occorra fare una valutazione dei bisogni e poi eventualmente aumentare gli effettivi di 10 posti a tempo pieno, come chiede il Governo.

Tagli in beni e servizi e settore asilo - Per il resto, i "senatori" si erano già allineati al rigore budgetario deciso dalla maggioranza di destra al Nazionale. La Camera dei cantoni ha quindi avallato una riduzione di 19 milioni di franchi nella voce "Spese per beni e servizi".

Gli Stati avevano inoltre accettato di ridurre di 1,4 milioni le spese di funzionamento dell'Ufficio federale della sanità pubblica, affinché si ricorra meno a consulenti esterni.

I "senatori" avevano pure eliminato un'altra divergenza - non da poco - che li opponeva al Nazionale, decidendo di diminuire di 45 milioni l'aiuto sociale nel settore dell'asilo. Non si tratta di un vero e proprio taglio, ma di un adattamento di fronte alla riduzione attesa delle domande d'asilo, aveva spiegato il "senatore" Hannes Germann (UDC/SH) a nome della commissione, precisando che l'anno prossimo il Consiglio federale potrà alla peggio richiedere un aumento in questo settore.

Formazione e ricerca - Le altre divergenze non riguardavano somme iscritte nel budget ma obiettivi da realizzare. La Camera dei cantoni non ha voluto forzare la mano al Consiglio federale obbligandolo a concludere un accordo di cooperazione in materia di migrazione con l'Eritrea entro la fine del 2020. I "senatori" non hanno voluto neppure ridurre del 10% il numero di commissioni extraparlamentari né rivedere la valutazione del personale. Oggi il Nazionale si è allineato a queste decisioni.

I due rami del Parlamento si erano invece già messi d'accordo sulla "manna" supplementare concessa alla formazione e alla ricerca. Le due Camere hanno deciso di accordare a questo settore complessivamente 101,2 milioni in più. Ieri i "senatori" avevano anche acconsentito a un credito supplementare di 3 milioni per gli istituti di ricerca di importanza nazionale.

Eccedenza miliardaria - Come per ogni sessione invernale, i due rami del Parlamento devono votare il preventivo della Confederazione. Il budget 2019 approvato dal Consiglio federale attestava entrate pari a 73,556 miliardi di franchi e uscite per 72,296 miliardi, per un'eccedenza di 1,260 miliardi. Tale avanzo è dovuto a maggiori introiti fiscali, ma anche alla bocciatura della Previdenza vecchiaia 2020 e della Terza riforma della fiscalità delle imprese.

Il preventivo uscito finora dai dibattiti del Nazionale prevede spese supplementari di 38,3 milioni di franchi rispetto alla versione governativa, mentre quello scaturito ieri dalle discussioni agli Stati prevede aumenti per 40,3 milioni rispetto al progetto del governo.

Supplementi accettati - Durante la prima lettura, le due Camere avevano inoltre già dato il loro consenso a diverse spese supplementari. Per quanto riguarda il Corpo delle guardie di confine, è stata approvata un'aggiunta di 2,9 milioni di franchi nel Dipartimento federale delle finanze al fine di creare 44 posti in più. Tale somma sarà compensata in spese per il personale in altri dipartimenti.

Nazionale e Stati avevano anche già deciso di attribuire un credito supplementare di 3 milioni in favore dell'Ufficio federale dello sport in vista dei mondiali di ciclismo su strada di Martigny (VS) e Aigle (VD) del 2020 e si erano già pronunciati a favore di 530'000 franchi supplementari per il Museo alpino di Berna.

Il Parlamento ha inoltre aumentato di 1 milione di franchi il budget destinato al Tribunale penale federale per permettere la creazione di una nuova corte d'appello e meglio gestire i suoi effettivi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-22 15:52:30 | 91.208.130.85