Keystone
Filippo Lombardi, suo il voto decisivo in Commissione
SVIZZERA
26.10.2018 - 16:000

Un "sì" a denti stretti per il miliardo di coesione

La Commissione della politica estera del Consiglio degli Stati raccomanda al plenum l'approvazione

BERNA - Bisogna ristabilire la fiducia tra le parti: con questa motivazione, la Commissione della politica estera del Consiglio degli Stati (CPE-S) raccomanda al plenum, grazie al voto decisivo del suo presidente Filippo Lombardi, di approvare il credito di 1,3 miliardi (suddiviso in due decreti) quale contributo di coesione elvetico all'Ue. La messa a disposizione di tale somma, ripartita su dieci anni, non va subordinata a miglioramenti nelle relazioni con Bruxelles.

La decisione di non vincolare il contributo elvetico è passata solo grazie al voto decisivo del suo presidente, ossia il consigliere agli Stati Filippo Lombardi (PPD/TI).

La metà della commissione voleva introdurre nel decreto governativo un nuovo articolo secondo cui il Consiglio federale «può attuare i decreti soltanto se si costatano segni chiari di miglioramento delle relazioni bilaterali con l'UE e se quest'ultima non adotta alcuna misura discriminatoria nei confronti del nostro Paese». Come già indicato, tale proposta è stata respinta per 6 voti a 6 e il voto decisivo del "senatore" ticinese.

La maggioranza della CPE-S considera inopportuno «tradurre tale percezione politica in un articolo di legge la cui interpretazione giuridica sarebbe problematica», si legge in una nota odierna dei servizi parlamentari.

Una dichiarazione durante il dibattito nel Consiglio degli Stati sarebbe sufficiente, tanto più che il Consiglio nazionale potrà dibattere sull'oggetto nel primo trimestre 2019, traendo le conseguenze dalle ultime decisioni dell'UE, in particolare per quanto concerne l'equivalenza della borsa (che l'Ue ha vincolato alla conclusione di un accordo istituzionale con Berna, n.d.r). In votazione finale i decreti sul miliardo di coesione sono stati adottati, con 6 voti a 6 e il voto decisivo di Lombardi.

Il 12 di ottobre, la Commissione delle istituzioni politiche degli Stati aveva proposto, all'indirizzo della CPE-S, di sospendere l'esame di questo nuovo versamento finché i negoziati con Bruxelles non avessero fatto passi avanti e che la Svizzera non avesse ottenuto una equivalenza illimitata per la Borsa.

Per la CPE-S, la sospensione del trattamento di questi due crediti manderebbe un cattivo segnale all'UE, laddove è prioritario il ripristino di una relazione di fiducia tra le parti.

A Keystone-Ats, il consigliere agli Stati Filippo Lombardi ha detto che la CPE-S ha sempre criticato il legame fatto dall'Ue tra l'equivalenza delle Borsa svizzera e la firma di un accordo istituzionale. Secondo il ticinese si tratta di un legame indebito tra due oggetti che non hanno nulla in comune. Per questo la maggioranza della CPE-S considera inopportuno un rilancio della Svizzera, che stabilirebbe a sua volta un legame formale ingiustificato.

Commenti
 
Tato50 11 mesi fa su tio
Buona parte di quei soldi vanno ai paesi dell'Est per l'aiuto e l'integrazione dei rifugiati. MA SE NON NE PRENDONO NEMMENO UNO !!!!!!! Qui li useranno per far studiare qualcuno che un bel giorno farà comodo a qualche industria Svizzera per stabilirsi la. Quindi paghiamo per farci fregare due volte ;-(((
Evry 11 mesi fa su tio
Pippone il (s)parlamentare dai discorsi ROBOANTI, ma purtroppo ci sono ancora troppi che credono ! p.f chiudi la GANASA
volabas 11 mesi fa su tio
in mezzo alle corna di chi vota questo credito ,in primis a mister lombardi. l'UE ci tratta come pezze da piedi e continua a voler imporre leggi e diktat, ma col cavolo che si meritano questo bel malloppo .semplicemente vergognoso
nessuno 11 mesi fa su tio
per me è uno sbaglio foraggiare l'UE è un segno di inferiorità e di sudditanza. poru-mi indua i van a fini i mè danee di impost!
Liberopensiero 11 mesi fa su tio
Poveri noi! In che mani.....
beta 11 mesi fa su tio
Lombardi ? Il nulla nel posto sbagliato ???????? Come gettare soldi al vento senza almeno un .... grazie !
Mat78 11 mesi fa su tio
Più quelli ci ricattano e più questi calano le braghe...imbarazzanti...il tutto senza alcuna contropartita, ma solo per non fare "innervosire" l'UE...Ignavi e vigliacchi!
streciadalbüter 11 mesi fa su tio
Un`altra calata di braghe.
madras 11 mesi fa su tio
Avanti regaliamo soldi all'UE, intanto sono soldi dei contribuenti e non dei parlamentari. E intanto l'UE mette centomila condizioni maco poi che facessimo parte dell'unione. Ma per piacere vergognatevi e in primis il presidente PPDino !!
jena 11 mesi fa su tio
ma anche no!!!
GI 11 mesi fa su tio
beh, visto come stanno andando le cose con i vicini....forse una qualche condizione l'avrei posta......loro lo farebbero di certo ?
Thor61 11 mesi fa su tio
@GI In realtà LORO non pongono condizioni, loro RICATTANO, che è ben altra cosa.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-18 04:18:29 | 91.208.130.86