Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA / UNIONE EUROPEA
52 min
Il dossier Svizzera nelle mani di Maros Sefcovic
Sarà lui l'interlocutore di Ignazio Cassis
SVIZZERA
1 ora
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal primo 1° potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
1 ora
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
SVIZZERA
2 ore
Condannati tre manifestanti in bici
Avevano partecipato a una manifestazione a maggio 2020, infrangendo le norme anti-Covid
SVIZZERA
3 ore
A caccia del certificato nelle farmacie di Costanza
Sei elvetici hanno presentato dei libretti di vaccinazione fasulli in due farmacie di Costanza venerdì e sabato scorso.
SVIZZERA
5 ore
«La Confederazione paghi i test»
Lo chiedono gli studenti universitari, in una lettera diffusa oggi
SVIZZERA
5 ore
Il detenuto Carlos è quasi un brand
Sul web si vendono magliette dedicate a lui. Giocattoli e altri gadget. L'iniziativa di un collettivo di artisti
SVIZZERA
5 ore
Infezioni e ricoveri: «La situazione si sta calmando»
Si è tenuta oggi la conferenza stampa degli esperti della Confederazione sull'evoluzione epidemiologica in Svizzera.
BERNA
6 ore
1'235 nuovi positivi e quattro vittime
Continua a calare la pressione sugli ospedali e anche nelle unità di terapia intensiva.
SVIZZERA
7 ore
In treno invece che in aereo
Il Consiglio nazionale ritiene che i viaggi inferiori alle sei ore debbano essere affrontati in treno.
SVIZZERA
10.10.2018 - 10:530

Migrazione, Berna approva il patto ONU

Secondo il Consiglio federale il documento risponde agli interessi della Svizzera

BERNA - Il Patto mondiale per la migrazione delle Nazioni Unite risponde agli interessi della Svizzera, che inoltre, in diversi ambiti politici, ne segue già le raccomandazioni. Con queste motivazioni il Consiglio federale ha deciso di approvare questo trattato durante la sua seduta odierna.

Dopo una prima discussione sull'argomento il mese scorso, l'esecutivo, si legge in un comunicato, aveva incaricato la struttura di cooperazione interdipartimentale in materia di migrazione internazionale (IMZ) di analizzare più approfonditamente le possibili ripercussioni del patto (denominato ufficialmente Global Compact for Safe, Orderly and Regular Migration) sulla politica interna ed estera. Il testo sarà formalmente adottato in occasione di una conferenza dei capi di Stato e governo prevista il 10 e l'11 dicembre in Marocco.

Riguardo alla migrazione, Berna conta sulla cooperazione internazionale per esempio per quanto concerne la riduzione di quella irregolare, il rafforzamento della protezione nelle regioni d'origine o l'attuazione efficace dei rimpatri. La Confederazione, viene sottolineato nella nota, ha fornito il proprio appoggio al processo di negoziazione del patto, definito una "soft law", ossia un documento che, pur non essendo giuridicamente vincolante, produce effetti politici.

Il suo obiettivo è definire parametri condivisi dalla comunità internazionale per permettere una migrazione ordinata. Comprende dieci principi fondamentali e 23 obiettivi, nonché un elenco di strumenti di attuazione volontari. Stando al governo, il contenuto corrisponde pienamente alla politica della Svizzera sulla migrazione.

Rientrano nei punti del patto dell'ONU, che non riguarda chi gode della protezione della Convenzione di Ginevra sui rifugiati, l'intensificazione dell'aiuto sul posto, la lotta contro la tratta di esseri umani, la sicurezza dei confini, il rispetto dei diritti umani, il ritorno, la reintegrazione e l'integrazione durevole. Dal punto di vista della politica interna, non è richiesto alcun intervento.

Gli strumenti di attuazione volontari sono esempi a disposizione degli Stati per consentire il raggiungimento degli obiettivi: poiché per alcuni esiste un margine di interpretazione, il Consiglio federale ha deciso di esaminare più da vicino la situazione. In un caso, concernente la detenzione amministrativa di minori a partire dai 15 anni, è emersa una discrepanza rispetto alle basi legali svizzere.

Con la scelta di approvare il patto, inviso agli Stati Uniti e all'Ungheria, l'esecutivo afferma di ribadire l'importanza della collaborazione con le Nazioni Unite nel campo della migrazione. Un aspetto fondamentale, prosegue la nota, anche per Ginevra, impostasi come centro della governance mondiale in questo settore, in quanto sede delle più importanti organizzazioni internazionali.

Il Consiglio federale ha incaricato il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) di consultare le competenti commissioni parlamentari in merito alla decisione odierna e di informarlo dei loro pareri. L'UDC aveva chiesto di non aderire al patto, giudicato non compatibile con una gestione indipendente dell'immigrazione e con l'autodeterminazione della Svizzera.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
shooter01 2 anni fa su tio
altra calata di braghe. Che schifo. C'è da avere vergogna ad essere rappresentati da quelli lì
limortaccituoi 2 anni fa su tio
@shooter01 Certo che tu e il compagno di merende qui sotto avete delle argomentazioni inattaccabili! Ma volete per una volta dire cosa ne pensate, cosa c'è di sbagliato nell'accordo, cosa proponi e quali conseguenze avrebbero le tue proposte al posto di vomitare slogan vuoti letti su un giornalaccio di serie D e ripetuti a pappagallo?
Danny50 2 anni fa su tio
Ma come no ! ONU, UE, dixit, CF calat (braghe)
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 20:26:17 | 91.208.130.87