Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
LUCERNA
2 ore
Esplosione a Wolhusen, «tutti sanno che ama armeggiare. Lo aveva già fatto»
La polizia di Lucerna sta indagando per capire come il 16enne vittima della deflagrazione si sia procurato sostanze esplosive
LUCERNA
4 ore
Abbandona l'auto fuori uso e scappa, lo ritrova il cane poliziotto Dodge
L'uomo è in stato di arresto. Guidava ubriaco e sotto l’effetto di droghe
GRIGIONI
7 ore
In auto sulla pista di sci di fondo, bloccato
Acciuffato un 18enne senza patente
GINEVRA
7 ore
In 2500 alla Coppa di Natale: sempre più partecipanti alla nuotata
L'81esima edizione ha registrato un incremento del 10% rispetto alla precedente
BERNA / SPAGNA
8 ore
Cop25: Svizzera preoccupata per la mancanza di regole sulle emissioni all'estero
L'Ufficio federale dell'ambiente esprime rammarico per l'esito della conferenza sul clima di Madrid
SVIZZERA
8 ore
Nuove frecce all'arco dei servizi segreti
Revisione per la Legge federale sulle attività informative: più strumenti per sorvegliare gli estremisti
SVIZZERA
10 ore
«Trasferire due miliardi all'anno dalle riserve della BNS all'AVS»
L'idea piace a UDC e PS che stanno rinegoziando. Un progetto in tal senso era stato bocciato lo scorso febbraio
SVIZZERA
10 ore
Banche: malgrado i tassi negativi affari a gonfie vele nei crediti
Gli affari che dipendono dal differenziale degli interessi costituiscono oramai la maggior fonte di entrate del settore
OBVALDO
11 ore
Titlis, snowboarder provoca una valanga e rimane ferito
È stato elitrasportato in ospedale con la Rega
SVIZZERA
01.10.2018 - 09:300

Borsa svizzera: «Qual è il piano B se non c’è equivalenza?»

Giovanni Merlini ha interpellato il Consiglio federale per «mantenere alta la pressione affinché eviti scaltri colpi bassi da parte dei nostri partner internazionali»

BERNA - In caso di mancata equivalenza della Borsa svizzera da parte delle autorità di Bruxelles, le altre piazze europee dovranno chiedere alla FINMA - autorità di sorveglianza dei mercati finanziari - un riconoscimento per poter continuare a negoziare titoli di aziende svizzere. Lo ha deciso in giugno il Consiglio federale quale misura a tutela delle borse elvetiche. Una condizione per gli operatori esteri che il consigliere federale Ueli Maurer aveva definito “Piano B”. Il piano A, ossia l'ideale, è che Bruxelles riconosca l'equivalenza della Borsa svizzera non solo per un anno, come deciso a fine 2017.

Proprio sul “piano B” Giovanni Merlini ha interpellato il Consiglio federale. Nel caso in cui l’equivalenza non dovesse essere riconosciuta, il consigliere nazionale PLR chiede se il Consiglio federale sia pronto a segnalare all’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) la «manifesta violazione degli impegni multilaterali» in tema di commercio internazionale, avviando la relativa procedura contenziosa, e se è disposto ad abolire l’imposta di bollo, «a tutto vantaggio della competitività della piazza economica svizzera».

L’obiettivo dichiarato dell’atto parlamentare, è «mantenere alta la pressione sul Consiglio federale affinché eviti scaltri colpi bassi da parte dei nostri partner internazionali».

Ecco le cinque domande poste al Consiglio federale:

1. Il Consiglio federale ha deciso di adottare un piano B nel caso in cui la Commissione europea non riconoscesse sine die, entro la fine del prossimo mese di novembre, l'equivalenza delle regole borsistiche elvetiche con quelle comunitarie. Tale piano B consiste sempre ancora nell'obbligo che verrebbe imposto alle piazze finanziarie europee di richiedere alla FINMA l'autorizzazione a negoziare titoli emessi da aziende svizzere?

2. Il regime autorizzativo verrebbe stabilito dalla pertinente Ordinanza del CF, con effetto a decorrere dal 1. dicembre 2018 ?

3. Il piano B comprende anche, a medio termine, la ventilata abolizione dell'imposta di bollo sull'emissione di titoli, a vantaggio della competitività della piazza finanziaria elvetica?

4. L'anticipazione del licenziamento del messaggio del Consiglio federale relativo allo stanziamento del già annunciato contributo di coesione di 1,302 mia. di CHF, destinato alla riduzione delle disparità economiche tra gli Stati membri dell'UE, potrebbe propiziare una decisione favorevole della Commissione europea in tema di equivalenza borsistica?

5. Se il riconoscimento dell'equivalenza borsistica sine die non giungesse nel termine utile, è pronto il Consiglio federale a sottoporre la decisione della Commissione europea che discrimina la Svizzera rispetto ad altri Stati terzi (USA, Australia, ecc.) all'esame degli organi competenti dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC), avviando la relativa procedura contenziosa per manifesta violazione degli impegni multilaterali in tema di commercio internazionale?

Commenti
 
pulp 1 anno fa su tio
Piano C... legiferare per avere delle SICAV come in Lussemburgo, in modo da entrare in concorrenza diretta con il granducato...ma con il marchio made in switzerland. Poi vedi che di calmano anche a Bruxelles.
Danny50 1 anno fa su tio
Cornuti e mazziati. Questo é quanto accade a chi si piega sempre sempre sempre al volere altrui. Macedonia e Danimarca insegnano alla ricca Svizzera che si puó avere anche un po’ di dignità e che la codardia non sempre paga.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-16 00:25:15 | 91.208.130.86