Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
5 ore
«Sono arrabbiata con chi non vuole vedere quello che sta succedendo»
Turni di dodici ore, quasi senza pause. E la struttura sanitaria sovraccarica. Ma c'è chi mette in dubbio la pandemia
VALLESE / CONFINE
7 ore
La preoccupazione affolla anche i treni dei frontalieri
Il caso segnalato riguarda i collegamenti regionali tra Domodossola e il Vallese
SVIZZERA
11 ore
Covid, nuovi giri di vite in diversi cantoni
Raduni ridotti a Soletta. Mascherine per i docenti a Berna per gli allievi delle medie in Vallese
BERNA
13 ore
Covid, Swiss Olympic: «Servono misure uniformi per lo sport»
In alcuni cantoni gli allenamenti e le gare si svolgono ancora, mentre altrove gli impianti sportivi sono già chiusi.
SVIZZERA
14 ore
Più gioco d'azzardo a causa della pandemia (e del lockdown)
In Svizzera scatta una campagna di sensibilizzazione digitale pensata in particolare per i giovani
BERNA
14 ore
Imprese responsabili: iniziativa «ad alto rischio»
È l'opinione espressa da un comitato contrario alla modifica costituzionale.
SVIZZERA
15 ore
Un utile da 15 miliardi per la Banca nazionale svizzera
L'istituto centrale ha approfittato della relativa quiete estiva per riprendersi dagli effetti del confinamento
BERNA
15 ore
Pandemia e anziani: «Scaricate SwissCovid»
L'invito del Consiglio Svizzero degli Anziani: «È essenziale essere registrati»
SVIZZERA
16 ore
La Svizzera primeggia nel 5G
Il tasso d'adozione nel nostro Paese è il più alto al mondo.
SVIZZERA
16 ore
«I numeri peggiorano di giorno in giorno»
Il Consigliere federale promette nuove misure: «Potrebbero restare a lungo, dobbiamo valutarle attentamente».
VALLESE
16 ore
Schianto di un elicottero: trovato vivo dopo sette ore e mezza
L'incidente è avvenuto nelle vicinanze del Breithorn, in Vallese. Una persona è deceduta
BERNA
16 ore
Bambino piccolo travolto e ucciso da un treno
Il bimbo era finito sulle rotaie a Münsingen ed è morto sul posto in seguito alle ferite riportate
SVIZZERA
17 ore
Il tira-e-molla di Berset
Mascherine all'aperto: il governo sta decidendo le misure da annunciare mercoledì. Il ministro della Sanità cede terreno
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: in Svizzera 17'440 casi, 259 ricoveri e 37 decessi nel weekend
Nelle ultime 72 ore sono stati effettuati 82'026 tamponi: il tasso di positività è del 21,3%
SVIZZERA
17 ore
La seconda ondata probabilmente non porterà con sé una crisi del lavoro
Secondo Adecco, potrebbe addirittura portare delle nuove opportunità: «Dimostra che l'home office funziona»
SVIZZERA
18 ore
C'è sete d'informazione, ma gli introiti dei media sono in calo
Con la pandemia crescono i fruitori, che sono però raramente disposti a pagare per i contenuti
VALLESE
18 ore
Escursionista morto
Si tratta di un 64enne lucernese trovato senza vita sulle montagne vallesane
BASILEA CAMPAGNA
18 ore
Un giovane finisce con l'auto nel ruscello
L'incidente si è verificato ieri sera a Gelterkinden. Non si registrano feriti
SVIZZERA
24.09.2018 - 18:110

Berna si prepara ad affrontare il dossier europeo

La posizione ufficiale verrà presentata venerdì, ma oggi il Consiglio federale ha riaffermato che «un accordo istituzionale spianerebbe la strada alla conclusione di nuovi accordi»

BERNA - Il Consiglio federale presenterà venerdì la sua posizione sul dossier europeo. Il ministro degli affari esteri Ignazio Cassis dovrà tuttavia già affrontare giovedì il tema delle relazioni tra la Confederazione e l'UE. Quel giorno al Nazionale è infatti previsto un dibattito d'attualità incentrato sui negoziati in corso in vista di un accordo istituzionale con Bruxelles.

In risposta a cinque interpellanze urgenti di UDC, PLR, PBD, Verdi e Verdi liberali, il governo ha riaffermato oggi la sua posizione. Un accordo istituzionale offrirebbe una maggiore certezza giuridica, garantirebbe l'accesso al mercato europeo e spianerebbe inoltre la strada alla conclusione di nuovi accordi. Con l'accordo quadro istituzionale il Consiglio federale intende consolidare la via bilaterale.

Interessi di Berna e di Bruxelles - Tuttavia, l'esecutivo darà il suo avallo alla conclusione dei negoziati soltanto se gli interessi della Svizzera saranno presi in considerazione. «La qualità di un accordo è in ogni caso più importante della rapidità della sua conclusione», ha sottolineato il Consiglio federale.

La Commissione europea, per bocca del suo presidente Jean-Claude Juncker, ha già invitato Berna a trovare un'intesa con Bruxelles al più presto. «Il tempo stringe», ha affermato Juncker in una recente intervista rilasciata alla televisione RTS.

«Negoziate con me, concludete con me, perché entro un anno non ci sarò più e vedrete», ha aggiunto il presidente della Commissione europea. Dopo la sua partenza, «potrebbe essere francamente» più difficile per la Svizzera, ha messo in guardia Juncker. «Il tempo stringe perché stiamo negoziando con il Regno Unito», ha precisato ancora alla RTS, spiegando di non volere che i due negoziati si accavallino.

I rischi per Berna sono molteplici: rottura dei negoziati su dossier quali l'elettricità, la sanità e la sicurezza alimentare, l'incertezza giuridica concernente le attualizzazioni degli accordi d'accesso al mercato UE o la non conclusione di un accordo sulla partecipazione della Svizzera al prossimo programma europeo di ricerca, nonché il mancato riconoscimento dell'equivalenza della Borsa svizzera.

Tribunale arbitrale - I negoziati vertono sui meccanismi istituzionali: un tribunale arbitrale paritetico dovrebbe decidere in maniera autonoma sulle controversie tra Bruxelles e Berna. La Svizzera disporrà di termini sufficienti (fino a tre anni) per riprendere ogni sviluppo del diritto europeo, con possibilità di lanciare un referendum. Una ripresa automatica è invece esclusa.

Un consenso sembra delinearsi nell'ambito dei trasporti terrestri (divieto di circolare la notte, limite delle 40 tonnellate). Per quanto riguarda gli aiuti di Stato, proscritti da Bruxelles, l'intesa sembra molto vicina, ha affermato il Consiglio federale.

Berna prevede che nell'accordo istituzionale dovranno figurare solo principi generali. Le disposizioni specifiche saranno negoziate nel quadro di futuri accordi d'accesso al mercato, come quello sull'elettricità.

Pomo della discordia - Il pomo della discordia tra Bruxelles e Berna riguarda in particolare le misure di accompagnamento alla libera circolazione delle persone in vigore in Svizzera a protezione dei lavoratori.

L'UE è insorta contro la cosiddetta «regola degli otto giorni», che obbliga le imprese europee ad annunciare alle autorità elvetiche con tale preavviso l'invio di manodopera e a versare una cauzione. Bruxelles vorrebbe concessioni da parte della Confederazione su questo punto, mentre i sindacati hanno più volte affermato di non voler allentare il livello di protezione della forza lavoro.

Secondo il governo, l'UE non rimette in discussione le misure in quanto tali, ma chiede piuttosto un'applicazione proporzionata. L'esecutivo si è limitato a precisare che deciderà a tempo debito le prossime tappe.

Miliardo di coesione - Il Consiglio federale deve ancora decidere se proseguire o no con il contributo svizzero all'allargamento dell'UE (il cosiddetto «miliardo di coesione»). Aveva indicato che avrebbe preso una decisione in merito in funzione dello stato complessivo delle relazioni tra Berna e Bruxelles.

L'UDC sospetta che l'UE voglia esigere dalla Svizzera il versamento di contributi alla coesione per una durata indeterminata per far avanzare l'accordo istituzionale. Secondo il governo, invece, il contributo elvetico è autonomo e Berna non si impegna, per mezzo dell'accordo, a versare il miliardo di coesione per un periodo indeterminato.

All'UDC, partito che maggiormente si oppone alla negoziazione in corso, il governo ha risposto che l'intesa istituzionale si applicherebbe unicamente ai cinque accordi esistenti e ai tre futuri accordi di accesso al mercato. Quello di libero scambio risalente al 1972 non è contemplato. A sua volta, la direttiva UE sulla cittadinanza non sarebbe ripresa nell'ambito dell'accordo istituzionale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Danny50 2 anni fa su tio
Il CF si sta adoperando con zelo per svendere ancora di più il paese Svizzera sull’altare di una marcia ed arrogante accozzaglia di dittatorelli sadici a bruxelles. Arriveranno certamente a farsi sopraffare, tanto chi ne soffrirà sarà il popolino che comunque continua a votare come un gregge di pecoroni.
shooter01 2 anni fa su tio
alla conclusione di nuovi accordi che riempirebbero le VOSTRE tasche. Che bello avere dei lustrascarpe che fanno i politici.
roma 2 anni fa su tio
...i nostri hanno già i calzoni alle caviglie
madras 2 anni fa su tio
Non azzardatevi a disobbidire al popolo o ve la vedrete con lo stesso. Noi non vogliamo accordi con i dittatori UE !!
lo spiaggiato 2 anni fa su tio
Bene, allora é cosa quasi fatta... :-)))))
Bandito976 2 anni fa su tio
Si prepara, certo, sempre a 90 e a braghe calate
patrick28 2 anni fa su tio
Forza UE ! Sempre
Danny50 2 anni fa su tio
@patrick28 E vacci, tu e lo spiaggiato, la coppia più bella su TIO.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-27 05:34:06 | 91.208.130.87