Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
2 ore
In carcere per il fallimento di una fiduciaria
L'uomo aveva effettuato un totale di 702 transazioni illegali con denaro di conti bancari dei suoi clienti, dopo aver perso privatamente sei milioni di franchi in borsa
GINEVRA
2 ore
Ginevra chiude il fascicolo sull'oligarca Khrapunov
Il procedimento era stato avviato nel 2012 per un sospetto arricchimento fraudolento
BASILEA CITTÀ
2 ore
Un nuovo nemico naturale contro i batteri multiresistenti
Un team internazionale di ricercatori, con la partecipazione dell'Università di Basilea, ha scoperto un antibiotico naturale per eliminare la concorrenza di altri batteri
SWAZILAND
3 ore
37 svizzeri rimasti feriti in un incidente di ritorno da un safari
Il pullman che li trasportava si è cappottato. 10 persone hanno subito ferite importanti e sono state ricoverate, il tour operator: «Sono stati fortunati»
FOTO
SVIZZERA
5 ore
«Bambini, fate valere i vostri diritti»
Parola di Alain Berset, oggi in piazza a Berna per la Convenzione sui diritti del fanciullo: «Un giorno non di promesse, ma di impegno»
SAN GALLO
6 ore
Ragazzino in bici investito da un furgone
L'incidente è avvenuto questa mattina a Berneck: il dodicenne ha rimediato ferite lievi
SCIAFFUSA
6 ore
Per «risparmiare tempo» non dichiarano oltre 160 chili di carne
Il furgone è stato notato nelle vicinanze delle cascate del Reno. Al suo interno si trovavano anche 52 chilogrammi di formaggio
GRIGIONI
6 ore
«Sì alla traduzione simultanea in Parlamento»
La conferenza dei presidenti del Legislativo ha di recente appoggiato una proposta del granconsigliere socialista Tobias Rettich
BERNA
7 ore
Moutier, c'è il sospetto di una frode elettorale
La giustizia ha aperto 16 istruttorie per verificare se alcuni elettori abbiano votato pur non essendo domiciliati nella cittadina
BERNA
7 ore
Le monete svizzere sono prodotte in Corea del Sud
La coniatura, però, avviene in Svizzera. Lo prevedono le norme sugli acquisti pubblici. Finora, una parte di pezzi grezzi veniva fabbricata in Germania
SVIZZERA
7 ore
Il Consiglio federale in breve
Ecco tutti i temi trattati dal'esecutivo nella seduta odierna in un colpo d'occhio
SVIZZERA
8 ore
Rapparono insulti sessuali contro Natalie Rickli: «Condanna da riesaminare»
Lo ha decretato il Tribunale Federale, a processo il gruppo hip-hop bernese Chaostruppe che potrebbe essere accusato anche di calunnia
SVIZZERA
9 ore
Donne imprenditrici: la Svizzera offre buone condizioni
L'imprenditoria femminile fiorisce soprattutto nelle economie ad alto reddito e sviluppate
BERNA
9 ore
Conto alla rovescia per la centrale di Mühleberg
Il 20 dicembre, tra un mese, il sito sarà disattivato dopo 47 anni di attività. Gli elementi combustibili saranno rimossi nel 2024 e la radioattività sarà eliminata nel 2031
BERNA
10 ore
Scambi studenteschi non solo con l'Ue
Il Consiglio federale vuole che il sostegno a queste iniziative non sia più limitato all'Erasmus
SVIZZERA
22.09.2018 - 11:160

Monito dall'Europa: «Nessuna nuova intesa senza l'accordo quadro»

Il commissario Johannes Hahn fa pressione sulla Svizzera per una chiusura rapida delle trattative: «Ottimi rapporti di lavoro con Cassis, ma i negoziati non possono diventare una storia infinita»

BERNA - Non ci saranno nuovi accordi settoriali tra Ue e Svizzera senza la previa conclusione di un accordo quadro istituzionale: lo ribadisce in una intervista pubblicata oggi dalla "Neue Zürcher Zeitung" il commissario europeo Johannes Hahn, che esclude anche - in mancanza di una tale intesa - un riconoscimento dell'equivalenza della Borsa svizzera oltre la fine del 2018.

«Da parte dell'Ue abbiamo sviluppato molta flessibilità e creatività per venire incontro alle sensibilità della Svizzera», «i negoziati non possono diventare una storia infinita», «tutto è messo sul tavolo», adesso è il momento di «chiudere il sacco», afferma Hahn, responsabile «per la politica di vicinato e i negoziati per l'allargamento» nella Commissione europea presieduta da Jean-Claude Juncker.

In questa funzione l'austriaco 60enne è l'interlocutore principale del neo ministro degli esteri elvetico Ignazio Cassis, con il quale afferma peraltro di «aver sviluppato negli ultimi mesi ottimi rapporti di lavoro».

Hahn si aspetta che «al più tardi a fine ottobre sia chiaro se possiamo concludere qualcosa insieme o no». Certo, questa scadenza non è «iscritta da nessuna parte», aggiunge: «Ma si tratta anche di chiarire come configuriamo le nostre relazioni nell'importante anno elettorale europeo 2019».

Dal 2014 - spiega - l'Ue ha preso la chiara decisione che senza accordo quadro non ci saranno più nuove intese bilaterali. «Così abbiamo riconosciuto l'equivalenza della regolamentazione borsistica svizzera solo fino alla fine del 2018 (...). È stata una espressione della nostra flessibilità garantire l'equivalenza borsistica ancora per un anno», ma «vista la menzionata decisione non posso immaginarmi che prolungheremo di un altro anno l'eccezione».

Quali altre conseguenze si arrischiano senza accordo quadro?. «Ci sono parecchi altri progetti, come l'accordo sull'elettricità», risponde Hahn alla "NZZ": «Tutto ciò non potrebbe essere oggetto di ulteriori trattative. Non è nell'interesse di nessuno». E anche gli accordi bilaterali attualmente in vigore potrebbero essere minacciati sempre più con il passare degli anni, avverte.

Interrogato sulla possibilità di un compromesso riguardo alla recente "pietra d'inciampo" all'accordo quadro costituita dalle misure di accompagnamento per la protezione dei salari (al centro delle discussioni è soprattutto la regola degli otto giorni, che obbliga le aziende estere a notificare alle autorità elvetiche con tale preavviso l'invio di manodopera e a versare una cauzione), Hahn risponde in modo secco. Per la Svizzera - afferma - non possono esserci «eccezioni permanenti», a Bruxelles non si accetta la «tattica del salame», non ci sarà un «accordo quadro light», né successivi accordi.

Hahn fa notare che in fatto di protezione dei salari «anche nell'Ue abbiamo delle regole e abbiamo proposto alla Svizzera di andarsele a vedere». Anche qui occorre dar prova di flessibilità, argomenta il commissario.

La questione dell'accordo istituzionale con Bruxelles è stata ancora ieri al centro delle discussioni del Consiglio federale. Una decisione sul proseguimento delle trattative è stata annunciata per la settimana prossima: il governo si riunirà di nuovo venerdì, come è d'uso nelle settimane di sessione parlamentare. Il ministro degli esteri Cassis ha sottolineato più volte nei mesi scorsi la necessità di giungere ad un'intesa entro la fine dell'anno, per evitare che i negoziati slittino al 2019, anno di elezioni sia in Europa che in Svizzera.

Commenti
 
volabas 1 anno fa su tio
ma forse ci comandano un po' tutti perché abbiamo il governo che ci meritiamo? quei politucoli calabraghe li eleggiamo poi sempre noi, azzzzzoooooo
dan007 1 anno fa su tio
Ci stanno rovinando dopo gli americani l’Europa a stringere il cappio al collo dovevamo restare un felice isola fiscale con delle frontiere ben salvaguardate
WGWG 1 anno fa su tio
@dan007 .... e chiuse ...
WGWG 1 anno fa su tio
... e questi dovrebbero essere nostri amici alleati, quelli che ti mettono la corda al collo, che si rinunci a bilaterali meglio nangiar patate tutti i giorni ....
sedelin 1 anno fa su tio
abbiamo o no il diritto di comandare in casa nostra?! da noi si fa come decidiamo noi, porca sedèla!
rojo22 1 anno fa su tio
Mandateli a quel paese!
roma 1 anno fa su tio
Basta intese con l'ue.
jena 1 anno fa su tio
Nessun accordo con i dittatori europei!!! Tanto tra poco l’europa si sfalda grazie alla loro miope politica
Equalizer 1 anno fa su tio
Caro Hahn, se devi spingere vai al gabinetto. Niente pressioni su di noi, ci hanno spacciati per morti dopo la votazione del '92 invece siamo ancora qui e facciamo parte del gruppo di testa, quindi vai altrove a fare il comandina.
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Ignazio, ora tocca a te!... :-))))
patrick28 1 anno fa su tio
Forza Ue ! Sempre
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-20 21:48:18 | 91.208.130.89