Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
GRIGIONI
13 min
Creata una via in un orrido stupendo
Il percorso turistico all'interno della gola del Cavagliasco in Valposchiavo è in piena fase di costruzione.
VAUD
34 min
Test gratuiti ed estate: centri Covid-19 sotto stress
Il centro drive-in e walk-in di Yverdon è stato preso d'assalto negli ultimi giorni.
SVIZZERA
46 min
Immunità di gregge: «Scelto il test sierologico del CHUV»
L'esame verrà utilizzato nel programma Corona Immunitas che dovrà stimare l'immunità della popolazione svizzera.
FOTO
BERNA
1 ora
Un pellicano in fuga catturato nell'Aare
Il volatile è fuggito martedì mattina dalla gabbia dello zoo Dählhölzli di Berna.
SVIZZERA
2 ore
Record in terapia intensiva: il 10 aprile
I posti letto occupati hanno toccato un picco del 99 per cento due mesi fa
ZURIGO
2 ore
Coronavirus: un buttafuori digitale può salvare la scena dei club?
Più veloce, più sicura e impersonale. Una macchina è in grado di occuparsi dei controlli all'ingresso delle discoteche.
SVIZZERA
3 ore
In Svizzera 142 nuovi contagi
Salgono a 33 290 i casi dall'inizio della pandemia. Nessun nuovo decesso
GRIGIONI
7 ore
Pizzicato a 116 chilometri orari sui cinquanta
Si tratta di un motociclista che domenica è incappato in un radar sulla strada dello Julier
BERNA
7 ore
Ecco come sarà la futura sede del DDPS
Lo studio d'architettura Büro B si è aggiudicato il concorso per la progettazione dell'ampliamento
SVIZZERA
7 ore
Richemont, vendite a picco tra aprile e giugno
L'azienda numero due al mondo nei beni di lusso non ha avanzato previsioni per il resto dell'esercizio 2020/21
GRIGIONI
8 ore
Trading online: venticinque persone truffate nei Grigioni
La polizia cantonale mette in guardia: «Attenzione agli investimenti finanziari non trasparenti»
SVIZZERA
8 ore
I super-ricchi vogliono raccogliere i frutti dei loro investimenti
La conseguenza? I mercati azionari potrebbero indebolirsi nel resto del 2020
GINEVRA
8 ore
Incendio nella notte a Ginevra, 14 intossicati dal fumo
Due persone sono state portate in ospedale
GINEVRA
19 ore
Il "volto" del telegiornale di RTS lascia
Darius Rochebin, presentatore di punta dell'appuntamento con l'informazione, tenterà la fortuna in Francia.
VALLESE
21 ore
Caduta fatale da una finestra
La tragica fatalità è avvenuta questa mattina in un hotel di Sion.
SVIZZERA
22.09.2018 - 11:160

Monito dall'Europa: «Nessuna nuova intesa senza l'accordo quadro»

Il commissario Johannes Hahn fa pressione sulla Svizzera per una chiusura rapida delle trattative: «Ottimi rapporti di lavoro con Cassis, ma i negoziati non possono diventare una storia infinita»

BERNA - Non ci saranno nuovi accordi settoriali tra Ue e Svizzera senza la previa conclusione di un accordo quadro istituzionale: lo ribadisce in una intervista pubblicata oggi dalla "Neue Zürcher Zeitung" il commissario europeo Johannes Hahn, che esclude anche - in mancanza di una tale intesa - un riconoscimento dell'equivalenza della Borsa svizzera oltre la fine del 2018.

«Da parte dell'Ue abbiamo sviluppato molta flessibilità e creatività per venire incontro alle sensibilità della Svizzera», «i negoziati non possono diventare una storia infinita», «tutto è messo sul tavolo», adesso è il momento di «chiudere il sacco», afferma Hahn, responsabile «per la politica di vicinato e i negoziati per l'allargamento» nella Commissione europea presieduta da Jean-Claude Juncker.

In questa funzione l'austriaco 60enne è l'interlocutore principale del neo ministro degli esteri elvetico Ignazio Cassis, con il quale afferma peraltro di «aver sviluppato negli ultimi mesi ottimi rapporti di lavoro».

Hahn si aspetta che «al più tardi a fine ottobre sia chiaro se possiamo concludere qualcosa insieme o no». Certo, questa scadenza non è «iscritta da nessuna parte», aggiunge: «Ma si tratta anche di chiarire come configuriamo le nostre relazioni nell'importante anno elettorale europeo 2019».

Dal 2014 - spiega - l'Ue ha preso la chiara decisione che senza accordo quadro non ci saranno più nuove intese bilaterali. «Così abbiamo riconosciuto l'equivalenza della regolamentazione borsistica svizzera solo fino alla fine del 2018 (...). È stata una espressione della nostra flessibilità garantire l'equivalenza borsistica ancora per un anno», ma «vista la menzionata decisione non posso immaginarmi che prolungheremo di un altro anno l'eccezione».

Quali altre conseguenze si arrischiano senza accordo quadro?. «Ci sono parecchi altri progetti, come l'accordo sull'elettricità», risponde Hahn alla "NZZ": «Tutto ciò non potrebbe essere oggetto di ulteriori trattative. Non è nell'interesse di nessuno». E anche gli accordi bilaterali attualmente in vigore potrebbero essere minacciati sempre più con il passare degli anni, avverte.

Interrogato sulla possibilità di un compromesso riguardo alla recente "pietra d'inciampo" all'accordo quadro costituita dalle misure di accompagnamento per la protezione dei salari (al centro delle discussioni è soprattutto la regola degli otto giorni, che obbliga le aziende estere a notificare alle autorità elvetiche con tale preavviso l'invio di manodopera e a versare una cauzione), Hahn risponde in modo secco. Per la Svizzera - afferma - non possono esserci «eccezioni permanenti», a Bruxelles non si accetta la «tattica del salame», non ci sarà un «accordo quadro light», né successivi accordi.

Hahn fa notare che in fatto di protezione dei salari «anche nell'Ue abbiamo delle regole e abbiamo proposto alla Svizzera di andarsele a vedere». Anche qui occorre dar prova di flessibilità, argomenta il commissario.

La questione dell'accordo istituzionale con Bruxelles è stata ancora ieri al centro delle discussioni del Consiglio federale. Una decisione sul proseguimento delle trattative è stata annunciata per la settimana prossima: il governo si riunirà di nuovo venerdì, come è d'uso nelle settimane di sessione parlamentare. Il ministro degli esteri Cassis ha sottolineato più volte nei mesi scorsi la necessità di giungere ad un'intesa entro la fine dell'anno, per evitare che i negoziati slittino al 2019, anno di elezioni sia in Europa che in Svizzera.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas 1 anno fa su tio
ma forse ci comandano un po' tutti perché abbiamo il governo che ci meritiamo? quei politucoli calabraghe li eleggiamo poi sempre noi, azzzzzoooooo
dan007 1 anno fa su tio
Ci stanno rovinando dopo gli americani l’Europa a stringere il cappio al collo dovevamo restare un felice isola fiscale con delle frontiere ben salvaguardate
WGWG 1 anno fa su tio
@dan007 .... e chiuse ...
WGWG 1 anno fa su tio
... e questi dovrebbero essere nostri amici alleati, quelli che ti mettono la corda al collo, che si rinunci a bilaterali meglio nangiar patate tutti i giorni ....
rojo22 1 anno fa su tio
Mandateli a quel paese!
roma 1 anno fa su tio
Basta intese con l'ue.
jena 1 anno fa su tio
Nessun accordo con i dittatori europei!!! Tanto tra poco l’europa si sfalda grazie alla loro miope politica
Equalizer 1 anno fa su tio
Caro Hahn, se devi spingere vai al gabinetto. Niente pressioni su di noi, ci hanno spacciati per morti dopo la votazione del '92 invece siamo ancora qui e facciamo parte del gruppo di testa, quindi vai altrove a fare il comandina.
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Ignazio, ora tocca a te!... :-))))
patrick28 1 anno fa su tio
Forza Ue ! Sempre
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-16 16:29:11 | 91.208.130.87