Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SOLETTA
3 ore
Giornate di Soletta, premiato un giovane grigionese
Il premio per le nuove leve del cinema svizzero è stato attribuito a Dejan Barac, già vincitore la scorsa estate del "Pardino d'oro"
VALLESE
4 ore
Centra un albero e perde la vita
L'incidente è avvenuto questa mattina tra Gampel e Tourtemagne. La vittima è un 50enne della regione
GINEVRA
4 ore
Ecco i cinque ostacoli che contrastano «l'effetto Greta»
Basandosi su oltre 400 studi, il ricercatore Tobias Brosch ha scovato le barriere che impediscono alle persone di agire in favore dell'ambiente
SVIZZERA
4 ore
La pornografia dura aumenta il rischio di violenza sulle donne
Diversi esperti concordano: il consumo regolare di pornografia può generare un effetto di assuefazione che abbassa l'asticella del tollerabile
SVIZZERA
5 ore
Coronavirus, Berna decide di alzare il livello di guardia
La Confederazione ha rafforzato l'obbligo di notifica: i casi sospetti saranno da segnalare entro due ore
ZURIGO
6 ore
Ricevono la disdetta e ritrovano i loro appartamenti su Airbnb
Un inquilino racconta l'incredibile vicenda e promette battaglia per restare nella sua casa
SVIZZERA
6 ore
«Pronto a diventare presidente dei Verdi»
Il capogruppo ecologista alle Camere federali Balthasar Glättli conferma la sua candidatura. Il successore di Regula Rytz verrà designato il 28 marzo
FOTO
SVIZZERA
7 ore
Altro duo per la presidenza del PS
I consiglieri nazionali Mathias Reynard e Priska Seiler Graf hanno deciso di correre insieme per la co-presidenza
VALLESE
18 ore
La terra ha tremato in Vallese
Una lieve scossa di grado 3 è stata avvertita questa sera, nella zona di Grächen
GINEVRA
19 ore
Quei flirt (pericolosi) tra secondini e detenuti
L'ultimo caso è avvenuto nella prigione-ospedale Curabilis nel Canton Ginevra. Il più eclatante fu quello di Hassan Kiko e Angela Magdici
BERNA
21 ore
Le spara «per passione», arrestato
Una donna di Thun ferita da un colpo di pistola. È in gravi condizioni. In manette un uomo
SVIZZERA
21 ore
Le piazze svizzere contro il 5G
Manifestazioni oggi a Berna, Ginevra e Zurigo. I dimostranti «preoccupati per la salute»
GRIGIONI
22 ore
Tagliata fuori dalla foto con Greta
L'attivista ugandese Vanessa Nakate polemizza con l'agenzia AP: «Discriminata perché di colore»
VAUD
1 gior
Il predatore sordo che la giustizia non ha saputo fermare
Per almeno un decennio un giovane ha abusato sessualmente di diverse ragazze con il suo stesso handicap. E questo nonostante le condanne
SVIZZERA
1 gior
«Pragmatismo e fiducia in se stessi», ecco il Maurer-pensiero
Il consigliere federale democentristasi è battuto per una politica ambientale pragmatica e una politica estera consapevole
SVIZZERA
1 gior
Albert Rösti lancia la campagna per limitare l'immigrazione
Secondo il presidente dell'UDC l'accordo di libera circolazione deve essere abolito: «È dannosa per economia e natura e causa carenza di alloggi»
FOTO
ARGOVIA
1 gior
Il piede incastrato tra gas e freno, poi lo schianto
Il tamponamento, avvenuto ieri sera ad Aarburg, ha provocato il ferimento di sei persone
NIDVALDO
1 gior
Camionista ubriaco fermato sull'A2
L'uomo, diretto verso sud, è stato intercettato ieri sera a Beckenried. La polizia nidvaldese gli ha ritirato la patente
ARGOVIA
1 gior
Minaccia un tassista con il coltello: arrestato un 26enne ad Aarau
Fuggito a mani vuote, l'aggressore è stato in seguito fermato dalla polizia
SVIZZERA
1 gior
Gli 007 elvetici «non sorvegliano i politici»
Il direttore del SIC difende l'operato dei servizi segreti svizzeri e smonta la polemica. Anche se i dubbi su certe attività rimangono
SVIZZERA
19.09.2018 - 21:220

Il Consiglio nazionale in breve

Nella loro seduta odierna i deputati hanno trattato le seguenti tematiche

BERNA - Nella sua seduta odierna, il Consiglio nazionale ha:

- ASSEGNI FAMIGLIARI: approvato - con 137 voti contro 33 e 3 astenuti - una mozione di Isidor Baumann (PPD/UR) che chiede di introdurre la perequazione degli oneri tra le casse di compensazione per gli assegni familiari. Gli Stati avevano fatto altrettanto in marzo;

- TARIFFE ANALISI: approvato - con 124 voti contro 57 - una mozione della Commissione della sanità e della sicurezza sociale degli Stati con la quale si chiede che assicuratori, medici e laboratori possano negoziare liberamente le tariffe delle analisi di laboratorio. Lo scopo è meglio controllare i costi;

- ERRORI MEDICI: accettato - con 178 voti a 1 - una mozione della sua Commissione della sanità e della sicurezza sociale, che domanda di meglio proteggere i pazienti, in particolare contro gli errori medici. La Camera dei cantoni deve ancora pronunciarsi;

- ABUSI NELLE PRESTAZIONI: approvato - per 128 voti a 51 - una mozione volta a lottare contro gli abusi nelle prestazioni complementari. Secondo la Camera del popolo, è necessario che queste vengano concesse solo a chi ne ha veramente bisogno. Il dossier va agli Stati;

- GESTIONE DI PAZIENTI: accolto una mozione degli Stati con la quale si auspica che il personale non medico possa essere associato alla gestione dei pazienti e che i modelli di cure integrate siano rafforzati. Ciò consentirebbe di ottimizzare la presa a carico dei malati cronici;

- TARIFFE OSPEDALI: accolto un'altra mozione degli Stati con quale si chiede al governo di intervenire sulle tariffe di riferimento affinché la libera scelta di un ospedale in tutta la Svizzera per i pazienti si fondi su una reale concorrenza. Attualmente, talune tariffe per i trattamenti fuori cantone sono nettamente più basse rispetto a quelle realmente applicate nei cantoni da cui proviene il paziente;

- PRESCRIZIONE CANAPA: adottato tacitamente una mozione con la quale si chiede che i malati cronici dovrebbero potersi procurare più facilmente canapa per uso medico. Il Consiglio federale aveva dato la propria benedizione. L'atto parlamentare va al Consiglio degli Stati;

- ELENCO CASE DI CURA: approvato - con 120 voti contro 58 - una mozione degli Stati con la quale si chiede al Consiglio federale di creare un diritto di ricorso per le associazioni di assicuratori contro le decisioni prese dai cantoni concernenti l'elenco di ospedali e di case di cura, i cui trattamenti sono rimborsati. Il Nazionale ha chiesto un tale diritto anche per le diverse casse malattia ;

- LISTE NERE: adottato una mozione degli Stati con la quale si chiede che i cantoni con liste nere di persone che non pagano i loro premi di cassa malati devono definire quali siano le prestazioni mediche urgenti alle quali hanno diritto. Obiettivo: evitare casi gravi o persino decessi;

- FATTURAZIONE PRESTAZIONI: approvato - con 168 voti contro 1 - un'altra mozione degli Stati con la quale si incarica il Consiglio federale di vegliare affinché gli assicuratori si assumano integralmente i costi, su una base forfettaria, del materiale utilizzato dal personale infermieristico nelle case di cura. Seguendo una sentenza del Tribunale amministrativo federale, il rimborso deve essere ripartito tra le casse, gli assicurati, i cantoni e i comuni;

- IDENTIFICATORI PERSONALI: accolto tacitamente un postulato della sua Commissione degli affari giuridici con il quale si incarica il Consiglio federale di illustrare, entro la fine della corrente legislatura, in un piano come affrontare i rischi correlati all'utilizzazione del numero AVS a 13 cifre quale numero di identificazione personale unico;

- MALATTIE RARE: accolto un postulato della Commissione della sanità e della sicurezza sociale degli Stati con il quale si chiede un rapporto sulle misure e i mezzi finanziari per migliorare le cure nel settore delle malattie rare;

- SOCIETÀ DIGITALE: sostenuto - con 138 voti contro 52 - un postulato del gruppo PLR che chiede di studiare la creazione di un nuovo statuto professionale per il mercato del lavoro, ovvero quello di "lavoratore di piattaforme" che si situerebbe a metà strada tra salariato e indipendente;

- STUDI SCIENTIFICI SU CANAPA: adottato - con 98 voti contro 92 e 2 astenuti - quattro mozioni identiche di PLR, PS, Verdi e Verdi liberali volte ad autorizzare studi scientifici, limitati nel tempo, sulla vendita controllata di canapa. La Camera dei cantoni deve ancora pronunciarsi;

- PUBBLICITÀ TABACCO: respinto, con 94 voti contro 89 e 7 astenuti, una mozione di Niklaus-Samuel Gugger (PEV/ZH) che chiedeva un divieto della pubblicità sui prodotti del tabacco sui media "facilmente accessibili" allo scopo di proteggere i minori;

- FINANZIAMENTO OSPEDALIERO: adottato - con 100 voti contro 92 - una mozione di Verena Herzog (UDC/TG) con la quale si chiede che le prestazioni di interesse generale fornite dagli ospedali ai cantoni vengano sottoposte al diritto dei mercati pubblici. Il Consiglio degli Stati deve ancora pronunciarsi;

- PREVIDENZA PROFESSIONALE: respinto - con 132 voti contro 59 - una mozione di Susanne Leutenegger-Oberholzer con la quale si chiedeva che gli assicurati possano seguire un programma di formazione sulla previdenza per la vecchiaia e in particolare la previdenza professionale;

- CODICE PENALE: adottato una modifica del Codice penale volta a concedere l'impunità solo in caso di reati di lieve entità, previa riparazione del torto commesso e l'ammissione dei fatti. Il dossier passa al Consiglio degli Stati.

- SISTEMI ELETTORALI: ha accolto l'entrata in materia su due iniziative cantonali (Uri e Zugo) volte a dare ai Cantoni libertà assoluta nel scegliere il proprio diritto elettorale. Il dossier passa ora alla commissione preparatoria per l'esame di dettaglio.

- CENTRI PROFUGHI: accolto una mozione del "senatore" Fabio Abate (PLR/TI) mediante la quale si chiede un sostegno finanziario per la gestione di alloggi temporanei, come quello di Mendrisio/Rancate, destinati ad ospitare profughi che devono lasciare il Paese.

- TERRORISMO: accolto una mozione di Fabio Regazzi (PPD/TI) che chiede l'espulsione degli islamisti pericolosi verso il Paese di origine, sia esso sicuro o meno. Il dossier va agli Stati.

- ORATORI STRANIERI: adottato una mozione per 90 voti a 85 che chiede di reintrodurre l'obbligo di autorizzazione per i politici stranieri che intendono tenere discorsi in Svizzera. Il dossier va agli Stati.

- SICUREZZA: accolto una mozione che domanda di disciplinare a livello nazionale le prestazioni di sicurezza private.

Ordine del giorno di giovedì 20 settembre 2018 (08.00-13.00):

- Interventi parlamentari di competenza del DFGP (continuazione);

- Legge federale sull'imposta preventiva (divergenze);

- Calcolo della deduzione per partecipazioni relative a strumenti too big to fail (legge federale);

- Iniziative parlamentari (continuazione).

Commenti
 
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-26 16:44:02 | 91.208.130.86