SVIZZERA
12.09.2018 - 15:240

Previdenza professionale: «Un attacco alle rendite»

La Federazione associazioni dei pensionati e d’autoaiuto in Svizzera non condivide la proposta della Commissione di ridurre il tasso d'interesse allo 0.75%

BERNA - La decisione della Commissione federale della previdenza professionale di ridurre il tasso d’interesse minimo allo 0.75% rappresenta un ulteriore attacco alle rendite. Ne è convinta la Federazione associazioni dei pensionati e d’autoaiuto in Svizzera (FARES).

La FARES respinge la proposta: con un tasso d’interesse minimo ancora più basso, «la garanzia di uno livello di vita accettabile durante la vecchiaia viene ulteriormente indebolita». I futuri beneficiari delle rendite non potrebbero più contare su una vecchiaia priva di preoccupazioni.

Il Consiglio federale è quindi invitato a rivedere e correggere quanto la Commissione propone. La FARES fa notare che le casse pensioni, nel corso del 2017, hanno potuto consolidare le loro riserve in maniera consistente, conseguendo rendite tra il 7% e l‘8%. «Non è pertanto assolutamente opportuno richiedere una riduzione del tasso minimo d’interesse».  Anzi, la FARES propone un aumento all‘1.25% di tale tasso.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 03:41:45 | 91.208.130.87