Keystone
SVIZZERA
05.09.2018 - 10:000

La SEM difende le misure nei confronti degli eritrei

Chiunque sia minacciato di persecuzioni in patria continuerà a ricevere protezione. Ma chi non è minacciato deve far ritorno nel suo paese

BERNA - Mario Gattiker, direttore della Segreteria di Stato della Migrazione (SEM), difende le misure restrittive di recente adottate nei confronti dei migranti eritrei ammessi sul suolo svizzero a titolo provvisorio.

In un'intervista al Blick Gattiker afferma che la Svizzera non spinge nessuno verso la clandestinità. La SEM invita i migranti a rientrare in patria, ma a condizione che non siano minacciati di persecuzioni e che le autorità locali diano il loro assenso.

Chiunque sia minacciato di persecuzioni in Eritrea continuerà a ricevere protezione da parte della Svizzera, spiega Gattiker. L'obiettivo è di offrire protezione a tutti coloro che in patria temono per la loro vita: se ragioniamo in senso inverso ciò significa che chi non è minacciato deve far ritorno nel suo paese.

Dei circa 2'800 eritrei ammessi temporaneamente la SEM calcola che la protezione potrebbe essere ritirata solo a un centinaio di persone. Vi è però da considerare che le autorità dell'Eritrea, finora, non hanno dato nessuna disponibilità a collaborare.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-14 13:47:03 | 91.208.130.89