Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
16 min
Vacanze a tinte rossocrociate per molti svizzeri
Le montagne elvetiche restano meta ambitissima, va un po' meno bene alle città.
SVIZZERA
48 min
Alcune norme della legge anti-terrorismo saranno introdotte in autunno
Dopo l'approvazione alle urne, il Consiglio federale ha posto in consultazione oggi la relativa ordinanza.
ZURIGO
1 ora
Vaccino Covid, centinaia al giorno non si presentano al loro appuntamento
«Con l’inizio dell’estate e degli Europei queste cifre sono aumentate», dichiara il Dipartimento della sanità zurighese.
SVIZZERA
1 ora
Accesso al mercato italiano: «Nessuna discriminazione sistematica»
Un rapporto adottato dal Consiglio federale rivela «maggiori difficoltà» di accesso al confine ticinese.
SAN GALLO
1 ora
Beccato un ladro: aveva compiuto sessanta furti
L'uomo, un serbo di 29 anni, aveva colpito diversi garage di San Gallo tra il 2019 e il 2020.
SVIZZERA
3 ore
Incidenti in bici, più di 1'300 legati all'alcol
Secondo Suva, la tendenza sarebbe in aumento.
ARGOVIA
4 ore
Il vaccino di Pfizer/BioNTech verrà prodotto anche in Svizzera
Ad occuparsene sarà Novartis, che produrrà le fiale nel suo sito di Stein, nel Canton Argovia
LUCERNA
4 ore
Investe un ausiliare del traffico e se ne va
L'incidente si è verificato a Lucerna poco più di due settimane fa. Ancora sconosciuta l'identità del conducente.
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
4 ore
Temporali violenti, Cressier è finita sott'acqua
Ai residenti è tuttora sconsigliato di bere acqua dal rubinetto
ZURIGO
17.08.2018 - 10:060
Aggiornamento : 12:14

Nazionalità dei criminali, riuscita l'iniziativa Udc

È riuscita nel canton Zurigo l'iniziativa dell'UDC mirante ad assicurare che la polizia, nei suoi comunicati, citi le nazionalità di autori e vittime di reati

ZURIGO - È riuscita nel canton Zurigo l'iniziativa dell'UDC mirante ad assicurare che la polizia, nei suoi comunicati, citi le nazionalità di autori e vittime di reati. La soglia prescritta di 6000 firme è stata superata, ha indicato oggi il Dipartimento della giustizia e dell'interno.

Lo scorso 7 novembre, il municipale di Zurigo Richard Wolff, esponente della formazione di sinistra Lista alternativa e allora responsabile del dicastero sicurezza cittadino (dopo le elezioni del 4 marzo è passato alle Opere pubbliche), aveva annunciato che la polizia comunale non avrebbe più comunicato di propria iniziativa la nazionalità delle persone sospettate di reati.

I rappresentanti della stampa possono ancora chiedere chiarimenti in materia, se lo ritengono necessario. La nuova strategia - aveva affermato Wolff - è stata decisa sulla base di un postulato del Partito socialista e dei Verdi liberali sostenuto due anni prima dal parlamento cittadino (con 72 voti contro 46) ed è volta ad evitare «inutili pregiudizi».

Una maggioranza del consiglio comunale aveva ritenuto che citare la nazionalità dei delinquenti equivalga a suggerire che il reato o i reati commessi si possano spiegare con essa, perdendo di vista le "vere cause" come la povertà, un basso livello di istruzione o la dipendenza dalla droga.

L'UDC del canton Zurigo ha subito accusato la Città a governo rosso-verde di condurre una «politica della censura» e ha lanciato all'inizio di quest'anno un'iniziativa popolare cantonale con cui chiede che la polizia informi il pubblico sui crimini «in modo trasparente». Ciò significa che nei comunicati e nelle conferenze stampa devono essere specificati età, sesso e nazionalità di colpevoli, sospetti e vittime. Inoltre, su richiesta, devono essere annunciate anche le persone con un passato migratorio, «per quanto sia disponibile l'informazione».

L'iniziativa, corredata di circa 9'500 firme, è stata consegnata lo scorso 23 maggio, sette settimane prima della scadenza. Secondo i promotori sussiste un chiaro interesse pubblico a conoscere la nazionalità, in quanto la popolazione ha il diritto di essere informata in maniera completa e trasparente in merito alla sicurezza pubblica.

Citare la la nazionalità delle persone sospettate di reati nei comunicati della polizia è una prassi introdotta da diversi anni praticamente in tutta la Svizzera. A dare lo spunto erano state proprio due iniziative popolari dell'UDC approvate nei cantoni di Soletta e San Gallo. Anche la Conferenza dei comandanti delle polizie cantonali ha deciso, dopo un lungo dibattito, di seguire questa strada.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Monello 2 anni fa su tio
Ottimo questa notizia mi fa estremamente piacere ...almeno anche i nostri sinistroidi apri-barriere si renderanno conto di quello che stanno facendo al popolo svizzero !! Bravo UDC ...sono con voi !!!
GI 2 anni fa su tio
si "sciacquano la bocca" con poco.....a che serve conoscerne la nazionalità se poi la giustizia non li condanna dovutamente ??
Lonely Cat 2 anni fa su tio
@GI Serve a fare capire a tutti che forse è meglio smetterla di importare criminali.
Danny50 2 anni fa su tio
A che punti bisogna arrivare. I criminali stranieri in CH devono essere protetti nella loro identità, poverini, altrimenti si deprimono negli alberghi “prigione” e magari quando escono l’assistenza che paghiamo loro dovrà essere aumentata come per Carlos.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-23 12:43:36 | 91.208.130.86