Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
4 ore
L'iniziativa sui pesticidi mette a rischio la sicurezza alimentare?
La portavoce Natalie Favre respinge le argomentazioni: «Tutti i mezzi consentiti nel biologico rimangono tali»
SVIZZERA
7 ore
Il cocktail anti-Covid è arrivato in Svizzera (anche in Ticino)
Sono state consegnate le 3'000 dosi ordinate dalla Confederazione
SCIAFFUSA
8 ore
Sola sull'autobus a 4 anni, la polizia la riporta a casa
La bambina ha abbandonato la propria scuola dell'infanzia senza attendere l'arrivo del papà.
SVIZZERA
9 ore
Accordo quadro, esclusa l'interruzione dei negoziati
Il Consiglio Nazionale chiede che un compromesso sia raggiunto a tutti i costi.
SVIZZERA
11 ore
«L'esclusione dei ricercatori elvetici dai programmi UE va evitata»
Il comitato di swissuniversities chiede al Governo federale d'instaurare relazioni durature con Bruxelles
GRIGIONI
12 ore
Brienz scivola sempre più giù
Il paesino si sta spostando verso il basso di 1,6 metri all'anno. Un ritmo mai registrato da inizio delle misurazioni.
SVIZZERA
12 ore
Mobility pricing: i partiti sostengono i progetti pilota
Per il modello proposto dal Governo federale c'è però il malcontento di UDC e TCS
BERNA
12 ore
Variante indiana: inglesi a rischio quarantena
Nel Regno Unito la revoca delle misure anti Covid è messa a repentaglio della nuova mutazione.
BERNA 
13 ore
Casse malattia: nel 2020 calo dei reclami
Complessivamente sono stati inoltrati 4457 dossier, rispetto ai 4968 del 2019.
SAN GALLO
13 ore
Bandiere arcobaleno distrutte, l'ira della comunità LGBTQ+
Sconosciuti al momento gli autori del gesto
SVIZZERA
29.06.2018 - 07:000
Aggiornamento : 08:11

La preoccupazione più grande? I costi del sistema sanitario

Se le elezioni federali si svolgessero questo mese avrebbero la meglio i Verdi Liberali e il Pbd. Il Ppd perderebbe una parte di elettori. Questo è quanto emerge dal sondaggio Tamedia

ZURIGO - La data delle elezioni, in calendario il 20 ottobre 2019, sembra ancora lontana, ma l’editore di 20 minuti ha già chiesto ai cittadini svizzeri per quale partito intendono votare e cosa, ora come ora, li preoccupa di più.

La seconda fase del sondaggio rivela che il Partito Verde Liberale (+1,1%), rispetto alle ultime elezioni federali del 2015, sta collezionando il maggior numero di consensi. È seguito dal Pbd (+ 0,6%) e dai Verdi (+ 0,1%), mentre c’è meno entusiasmo in casa Ppd (- 1,6%) e Ps (- 0,8%).

Ricordiamo, comunque, che nella prima fase del sondaggio, la perdita di elettori per il Partito Popolare Democratico era maggiore, con un - 2,5%.

A questo link sono visualizzabili i risultati del 2015.

La preoccupazione più grande: i costi del sistema sanitario - Il sondaggio di Tamedia non si focalizza, come detto, soltanto sulle prossime elezioni, ma anche sulle preoccupazioni dei cittadini svizzeri. Tant’è vero che i costi del sistema sanitario, con un 70%, sono considerati il problema più urgente. Seguono, la previdenza per la vecchiaia (57%) e la migrazione (49%). A preoccupare meno, sorprendentemente, l'abuso di droga (5%).

Alla luce di questi risultati, non sorprende quindi che il 71% degli svizzeri dichiari di sostenere l'iniziativa Ppd, che mira a frenare la spesa nel settore sanitario. Il testo prevede che la Confederazione e i cantoni adottino misure entro un anno al massimo, quando l’aumento dei costi medi annui per ogni assicurato sarà superiore di un quinto all’evoluzione dei salari nominali. Scopo dell'operazione: aumentare i costi per gli assicurati in proporzione al salario medio e all'economia.

Il testo lanciato dal Partito Popolare Democratico sembra essere sostenuto all'unanimità. Convince infatti gli elettori di tutti i partiti. Non sorprende che l'approvazione sia più alta in casa Ppd, con l’89%. Seguono Udc (71%),  Verdi Liberali (70%) e Ps (70%).

Il Ppd non è comunque l’unico partito a preocupparsi dei costi del sistema sanitario elvetico. Il Ps, dal canto suo, sta mettendo a punto un'iniziativa volta a limitare il costo dei premi dell'assicurazione malattia obbligatoria al 10% del reddito degli assicurati. Il sondaggio Tamedia rivela che il 62% degli svizzeri è attualmente favorevole al testo, mentre il 35% è contrario. Un'analisi dell'approvazione in base alle preferenze politiche mostra che attualmente solo gli elettori del Plr - nella misura del 56% - si oppongono all’iniziativa socialista.

Alcune informazioni sul sondaggio - La seconda fase del sondaggio online è stata condotta tra il 21 e il 22 giugno sui siti delle diverse testate di Tamedia. Hanno partecipato 14'851 persone sparse sull’intero territorio elvetico. I politologi Lucas Leemann e Fabio Wasserfallen hanno lavorato all’indagine applicando variabili demografiche, geografiche e politiche in modo da portare al minimo dell’1,5% il margine di errore.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
nordico 2 anni fa su tio
Fino a poco tempo fa il costo della salute veniva giustificato anche dall'allungamento della vita media. Ora però la durata di vita non si allunga praticamente più, e noi viviamo sempre lungamente ma sempre più malati, anche perchè nessuno invita alla prevenzione. Maggiori cure e sempre più medicamenti fanno salire i costi della salute. Qualche giorno il bubbone scoppierà. Oppure, con un piccolo adeguamento dell'IVA, si troverà una soluzione palliativa.
VISIO 2 anni fa su tio
ridurre i salari dei medici e i guadagni dei farmacisti (costi dei medicinali) e controllare i contributi allae diverse Lobbi
Mattiatr 2 anni fa su tio
@VISIO I FARMACI, perché diminuire solo gli stipendi, non sono solo quelli a lievitare i costi. A rimetterci sarebbero unicamente gli infermieri e quelli che hanno stipendi civili, non i medici con i 10 mila mensili.¶ La lacuna del sistema sanitario Svizzero è che paga i farmaci a qualsiasi cifra, senza opposizioni. Si lascia alle case farmaceutiche la totale libertà di scegliere a quanto vendere i loro prodotti. Così facendo li alzano il più possibile. Se guardi in altre nazioni come Italia, Germania, ... i prezzi dei farmaci sono inferiori alla CH? Perché? Perché qua si calano le braghe senza farsi problemi.
siska 2 anni fa su tio
...ahha ma se fosse solo una semplice preoccupazione.. dai dai sondaggisti smettetela di dare il mena via alle persone.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-18 03:52:13 | 91.208.130.89