Tipress
VALLESE
14.06.2018 - 17:550

Canapa: si pensa ai controlli alla fonte

Il Gran Consiglio ha adottato oggi una mozione presentata da UDC, PLR e PPD

SION - I deputati vallesani auspicano di affidare i controlli relativi alla coltivazione e al commercio di cannabis legale - o no - ad altri servizi, in modo da alleviare la polizia e la giustizia da questo compito. Una mozione in questo senso è stata adottata oggi dal Gran consiglio.

Il testo, portato avanti da UDC, PLR e PPD chiede al Consiglio di Stato di modificare la legislazione cantonale in modo da permettere al servizio dell'agricoltura, oppure ad altri enti o uffici del Cantone, di controllare se le coltivazioni di canapa superano o no la soglia legale della sostanza psicoattiva (THC) dell'1%.

Lo stesso dovrebbe accadere per i prodotti proposti alla vendita. L'obiettivo è duplice: alleviare il ministero pubblico e la polizia cantonale da queste mansioni e anticipare la messa in circolazione di forme illegali di cannabis.

Dal 2011, la canapa è considerata non stupefacente se contiene meno dell'1% di THC. Ciò rappresenta un problema in caso di controlli, perché - in assenza di test - è impossibile distinguere alla vista e all'odore l'erba "classica" da quella "light".

Commenti
 
Tags
controlli
canapa
consiglio
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-14 16:31:14 | 91.208.130.87