Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
2 ore
Urtato da un'auto che se ne va
Il 30enne, che spingeva la bici a piedi, ha picchiato la testa al suolo. La polizia cerca testimoni
SVIZZERA
2 ore
UBS si prepara ad acquisire una grande banca europea?
Secondo la "SonntagsZeitung" sarebbe in cantiere un'operazione di assoluto profilo
SOLETTA
2 ore
In motorino in autostrada e senza casco
Il 21enne ha spiegato di avere imboccato per sbaglio l'entrata dell'A1
FRIBURGO
4 ore
Litiga con alcuni giovani e spara con un fucile da caccia
L'uomo di 78 anni, che ha esploso un unico colpo per terra, è stato arrestato dalla polizia. Nessuno è rimasto ferito.
SVIZZERA
5 ore
Giovedì 12 marzo? «Il giorno in cui le cose sono davvero cambiate»
Un libro mostra i retroscena della pandemia, e del lockdown, nel nostro paese
GRIGIONI
5 ore
Contro il guardrail in moto, 30enne in ospedale
Il centauro stava viaggiando sul passo dello Julier con un gruppo di altri motociclisti.
GLARONA
6 ore
Motociclista scivola e si ferisce durante un sorpasso
La sua passeggera è invece uscita indenne dall'incidente avvenuto a Glarona.
SVIZZERA
7 ore
«Ora stiamo usando un bisturi, a marzo ci voleva un'ascia»
Il capo della Task force Covid-19 della Confederazione sostiene la strategia finora adottata da Berna.
SVIZZERA
7 ore
Un salario minimo di 23 franchi all'ora? Si vota a Ginevra
Non solo nazionali: anche a livello cantonale sono previste settimana prossima delle votazioni rilevanti
GIURA
19 ore
Pedone investito da una bici: muore sul posto
L'incidente è avvenuto sabato pomeriggio a Glovelier
FOTO
GRIGIONI
21 ore
Il masso sulla Tesla interrompe la vacanza
Brutta disavventura per una coppia diretta in Engadina
GINEVRA
22 ore
Gli infermieri chiedono una negoziazione degli orari
Al centro delle loro rivendicazioni vi è una modifica del piano orario che impone una pausa di un'ora a metà giornata
LUCERNA
23 ore
Le opere del lockdown raccolgono 36'300 franchi
Il ricavato degli "schizzi" di solidarietà finirà a una Fondazione che sostiene gli artisti figurativi
SVIZZERA
1 gior
«I migranti devono essere più informati sulla propria salute»
È quanto prevede il piano d'azione adottato oggi da PS Migranti
SVIZZERA
13.06.2018 - 12:190

Uccidere i lupi sarà più facile

Il Consiglio degli Stati ha accolto la modifica della legge federale sulla caccia. Ambientalisti e animalisti non ci stanno e minacciano il referendum

BERNA - In Svizzera l'abbattimento di lupi - ma anche di linci, castori e orsi - sarà facilitato. È quanto preconizza la modifica della legge federale sulla caccia, accolta oggi - con 28 voti contro 14 e 2 astenuti - dal Consiglio degli Stati.

La revisione - contro cui potrebbe essere lanciato un referendum - prevede che la regolazione degli effettivi di alcune specie protette possa essere agevolata, al fine di impedire «grossi danni o pericoli» per l'uomo. Il dossier passa ora al Nazionale.

Il tema ha dato adito a un lungo e animato dibattito agli Stati, durato quasi sei ore tra la settimana scorsa e oggi, nel corso del quale la destra è riuscita in vari punti a rafforzare il progetto. Dal canto suo, la sinistra ha dapprima tentato invano di rinviarlo al Governo - proposta bocciata con 29 voti contro 14 - e poi di limitarne la portata.

Nel voto finale, come era prevedibile, non ci sono state sorprese e nella proporzione di due a uno i "senatori" hanno accettato il progetto governativo, con le modifiche apportate dalla maggioranza di destra. In particolare, essa è riuscita a far passare una proposta che impedisce i ricorsi contro decisioni cantonali relative a specie che possono essere cacciate.

Regolazione facilitata del lupo - Sin dalla sua riapparizione nel 1995, lo statuto del lupo in Svizzera ha suscitato parecchie discussioni. «Si ha l'impressione che il solo problema del Paese sia il lupo», ha commentato la ministra dell'ambiente Doris Leuthard. Il Consiglio federale ha già sin d'ora annunciato che chiederà un suo declassamento da «specie assolutamente protetta» a «protetta» nell'ambito della Convenzione di Berna. Questa modifica deve essere portata davanti al Consiglio d'Europa.

Nel contempo, il Governo ha sottoposto al Parlamento una revisione della legge sulla caccia. Senza mettere in discussione lo statuto del lupo, la modifica legislativa prevede che il predatore possa essere abbattuto più facilmente in Svizzera.

La revisione fa esplicitamente riferimento all'uccisione di animali isolati. I Cantoni non saranno inoltre più obbligati a provare un danno concreto. Previa consultazione dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), potranno effettuare «interventi regolatori negli effettivi» non soltanto per i lupi, a anche per talune altre specie protette che sono fonte di controversie. Tra queste figurano lo stambecco, la lince o il castoro.

Dal canto suo, Roberto Zanetti (PS/SO) ha tentato invano di convincere il plenum che si aprirebbe la porta a ogni genere di abusi. Con 25 voti contro 20, il "senatore" socialista è tuttavia riuscito a far passare una sua proposta, affinché le regolazioni non avvengano a scapito della protezione dei biotopi e della conservazione della diversità delle specie.

Referendum in vista - Per le associazioni in difesa dell'ambiente e di protezione degli animali, ci si è però spinti troppo lontano. Per questo motivo esse hanno già minacciato il lancio del referendum contro il progetto, che è stato definito una "legge d'abbattimento". Nel frattempo, auspicano che il campo rosso-verde possa riuscire a limitarne la portata al Nazionale. «Il progetto non è equilibrato. Occorre prendere delle misure per fronteggiare il lupo, ma si è voluto rivedere completamente la legislazione», ha deplorato Robert Cramer (Verdi/GE).

La regolazione infatti non riguarda soltanto il lupo (dal primo settembre al 31 marzo), ma anche lo stambecco (dal primo agosto al 30 novembre) e altre specie. La Camera dei cantoni ha infatti deciso di inserire nell'articolo sulla regolazione degli effettivi pure il castoro (dal primo settembre al 15 marzo) e la lince (dal primo febbraio al 15 marzo).

La revisione, infine, consentirà pure l'abbattimento di orsi solitari che penetrano in maniera regolare nei villaggi alla ricerca di cibo nonostante le misure di dissuasione.

Federalismo necessario - Non sarà il "Far West", ha tuttavia assicurato Werner Hösli (UDC/GL). Al contrario occorre lasciare un margine di manovra alle autorità locali, poiché la situazione varia fortemente da un cantone all'altro. Inoltre, le istanze cantonali hanno tutte le competenze necessarie in materia, hanno affermato diversi oratori.

Se non si prendono provvedimenti regolatori, gli effettivi dei lupi rischiano di aumentare massicciamente al punto da diventare incontrollabili, come in Francia, ha aggiunto Beat Rieder (PPD/VS). A suo avviso, il lupo non è minacciato in Europa e il suo statuto di protezione è eccessivo.

Pur sostenendo il progetto, il "senatore" Werner Lüginbühl (PBD/BE) ha invitato la destra e gli esponenti dei cantoni alpini a non spingersi troppo lontano, in particolare per quanto riguarda le condizioni poste per consentire misure di regolazione.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
budo76 2 anni fa su tio
Bene
ugobos 2 anni fa su tio
secondo me tutti e 2 sono completamente fuori. perché non addormentarli e metterli in posti dove possono vivere in pace e non essere un pericolo? sicuramente si trovano posti adatti anche in svizzera. non vedo nessun problema per un progetto del genere.
pontsort 2 anni fa su tio
@ugobos A meno che come posto adatto intendi uno zoo, la vedo dura trovarlo in svizzera. Anche a portarlo a ginevra in una settimana puo senza problemi tornare nei grigioni. Come il lupo che avevano dato iol permesso di uccidere in ticino, ma lui era gia in germania....

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-20 17:06:52 | 91.208.130.87