Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
4 ore
Cade per 10 metri, morto un operaio
Il 33enne stava lavorando nella stazione centrale di Zurigo
BASILEA/VAUD
4 ore
Coronavirus: due casi positivi e uno accertato
Per Basilea manca ancora la conferma da parte del Centro nazionale di riferimento per le infezioni virali emergenti
SVIZZERA
8 ore
Discriminati perché sieropositivi
Gli episodi sono stati 105 l'anno scorso. La denuncia di Aiuto Aids svizzero
SVIZZERA
8 ore
RUAG International taglia 90 posti a Emmen
I tagli avverranno nei prossimi due anni nel settore delle aerostrutture
SVIZZERA
9 ore
Contagiati due bambini nei Grigioni. Un caso in Argovia e uno a Zurigo
Annullata la maratona di sci engadinese, avrebbe attratto 17'000 persone. Il quinto caso in Argovia, il sesto a Zurigo
SVIZZERA
10 ore
Coronavirus, in Svizzera quattro casi tutti importati
Le autorità sanitarie federali hanno aggiornato la popolazione sulla situazione
ZURIGO
10 ore
Coronavirus: ospiti cinesi dimezzati
Le aspettative di Svizzera Turismo: un calo del 50% nel primo trimestre dell'anno
SVIZZERA
12 ore
Si nasconde la droga negli stivali (ma non benissimo)
Il tentativo maldestro di un 37enne olandese, che viaggiava con 1 kg di stupefacenti, non ha ingannato le autorità
SVIZZERA
12 ore
I patrimoni gestiti da Lombard Odier salgono a quasi 300 miliardi
Il reddito operativo per lo scorso anno è stato di 1,2 miliardi di franchi, in aumento del 3% rispetto al 2018
SVIZZERA
13 ore
Adozioni dallo Sri Lanka, le autorità chiusero gli occhi
Attraverso un commercio organizzato a livello internazionale, 40-50 anni fa più di 700 bambini giunsero in Svizzera
SVIZZERA
13 ore
«La nuova legge sulla caccia è un buon compromesso fra uomo e lupo»
Parola di Simonetta Sommaruga che si è pronunciata sul nuovo disegno che saremo chiamato a votare il 17 maggio prossimo
GRIGIONI
14 ore
Due casi di coronavirus nei Grigioni
Ora in Svizzera i pazienti con la malattia sono quattro, di cui uno in Ticino
SVIZZERA
15 ore
Molta carne al fuoco per la sessione primaverile
Nazionale e Stati discuteranno di dissimulazione del volto, Legge sul CO2, Costituzione ticinese e molto altro
GINEVRA
15 ore
Il coronavirus è arrivato anche a Ginevra
Come indicato dalle autorità cantonali, si tratta di un informatico che era stato a Milano
SVIZZERA
11.06.2018 - 18:450

Rilanciato il progetto sulla qualità delle cure

Il Nazionale ha rilanciato oggi un progetto del consigliere federale Alain Berset, secondo il quale i medici dovrebbero sottoporsi a convenzioni concluse con gli assicuratori

BERNA - Occorre fare degli sforzi per migliorare la qualità delle cure. Il Nazionale ha rilanciato oggi un progetto del consigliere federale Alain Berset, secondo il quale i medici dovrebbero sottoporsi a convenzioni concluse con gli assicuratori. Sul tema dovrebbe inoltre essere istituita una commissione federale.

Il progetto iniziale, che prevedeva un contributo da parte degli assicurati, non aveva convinto il Consiglio degli Stati. Secondo la maggioranza dei "senatori", la legislazione in vigore dà alla Confederazione sufficienti possibilità di promuovere la qualità delle cure. A loro avviso, tocca in primis agli ospedali, ai medici, ai farmacisti e agli assicurati risolvere la questione.

La Camera del popolo ha invece ritenuto necessario legiferare. Il miglioramento della qualità delle cure permetterebbe non solo di evitare sofferenze, ma anche di contenere i costi. Stando al Consiglio federale, il potenziale di risparmio ammonterebbe in centinaia di milioni di franchi.

Obblighi dei medici

La legge federale sull'assicurazione malattie (LAMal) è stata completamente riveduta, con il sostegno di Alain Berset. Due aspetti principali sono previsti. Il primo verte sugli obblighi dei medici. Come negli ospedali, la medicina ambulatoriale dovrebbe essere sottoposta a regole di qualità.

Le tariffe e i prezzi saranno determinati in funzione della rimunerazione dei medici che forniscono prestazioni di qualità, in maniera efficiente e vantaggiosa. I fornitori di prestazioni e gli assicuratori sarebbero inoltre tenuti a concludere convenzioni nazionali di qualità vincolanti.

Le prime dovrebbero essere pronte un anno dopo l'entrata in vigore della revisione della legge. Le convenzioni sarebbero sottoposte al Consiglio federale, il quale fisserà autonomamente le regole se le parti non si intenderanno. Qualora un medico non vi si attenesse, le sue prestazioni non saranno prese a carico dall'assicurazione malattie. Sanzioni sono inoltre previste per coloro che non rispettano le esigenze legali o convenzionali.

Crediti

Il ricavato delle multe e delle sanzioni verrà utilizzato dal Consiglio federale per finanziare misure che rafforzano la qualità delle cure. La Confederazione potrebbe stanziare fino a 45,2 milioni di franchi tra il 2019 e il 2022.

Cinque milioni spalmati su quattro anni andrebbero alla produzione di indicatori di qualità, 7,5 milioni a studi in materia, 27,7 milioni a programmi nazionali e 5 milioni a progetti nazionali o regionali. Nei tre primi casi si tratterebbe di indennizzare prestazioni fornite da terzi, nel restante di aiuti finanziari che coprono al massimo il 50% dei costi.

L'Ufficio federale della sanità pubblica potrà procedere a trasferimenti tra i vari crediti dell'ordine di 4 milioni di franchi al massimo. I cantoni dovrebbero pure passare alla cassa.

Commissione federale

Il progetto prevede che la promozione della qualità passi attraverso una Commissione federale istituita dal Governo e che riunisce rappresentanti dei cantoni, fornitori di prestazioni, assicurati, assicuratori e specialisti.

Questo organo ha quale compito quello di realizzare obiettivi fissati ogni quattro anni dal Governo in materia di sviluppo della qualità nonché consigliare le autorità, i fornitori di prestazioni e gli assicuratori. I mandati attribuiti a terzi e il sostegno a progetti passeranno al vaglio di tale commissione.

Il suo finanziamento nonché quello delle indennità sarà assicurato per metà dalla Confederazione e per l'altra metà dai Cantoni. Il centro-destra avrebbe auspicato una ripartizione che includa gli assicuratori. Tale proposta è stata respinta con 119 voti contro 66.

Con ciò si rischierebbe di far aumentare i premi, ha replicato Rebecca Ruiz (PS/VD). Dal canto suo, Heinz Brand (UDC/GR) si è chiesto perché non far passare i medici alla cassa.

Le spese annue non dovranno superare un importo massimo dello 0,07% del premio annuo medio, ovvero circa 3 franchi e 50 all'anno e per assicurato e 20 milioni in totale.

Malcontento tra i liberali-radicali

Il PLR avrebbe voluto evitare la soluzione costituita dalla Commissione federale e basarsi sulle strutture già esistenti (Associazione nazionale per lo sviluppo della qualità negli ospedali e nelle cliniche e fondazione Sicurezza dei pazienti Svizzera). La proposta dei liberali-radicali di rinviare il dossier in commissione è stata però spazzata via con 154 voti contro 27 e 5 astenuti. Neanche l'UDC ha creduto all'argomento dell'inutile burocrazia.

Il Nazionale vuole inoltre rafforzare il progetto autorizzando il Consiglio federale a prevedere che l'accordo del medico di fiducia sia necessario prima dell'esecuzione di talune misure particolarmente costose o che queste ultime vengano prese a carico soltanto quando sono praticate da medici qualificati.

Il dossier ritorna al Consiglio degli Stati.

Commenti
 
siska 1 anno fa su tio
...e non dimentichiamoci di castorino ormai andato in pensione...
siska 1 anno fa su tio
Creare sinergie per implementare cospicue e future convenzioni ed innovazioni nel campo delle cure già costosissime cioé vuol dire: creare sinergie per implementare collaborazioni alfine di implementare sinergie atte a creare future collaborazioni creare...creare...creare....are...are...are...are...are...implementare...implementare...implementare ....tare...tare...tare...tare...taresinergie...sinergie...sinergie....sinergie.....ie...ie...ie..ie. ..ie...ie...ie..ie...ie...ie...ie..ie...ie bastaaaaaaa!
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-28 00:52:38 | 91.208.130.87