Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
32 min
Fallimento Thomas Cook: una novantina gli svizzeri interessati
VAUD
1 ora
Pista di ghiaccio a Malley, dopo i lavori spazio all'hockey
SAN GALLO
1 ora
Duemila chilometri in tre giorni, fermato camionista-stacanovista
SVIZZERA / REGNO UNITO
1 ora
Thomas Cook, a Zermatt non piace il "piano Matterhorn"
SVIZZERA
1 ora
Credit Suisse ai dipendenti: «Concentratevi sui clienti, non su Khan»
TURGOVIA
3 ore
Tremila pazienti psichiatrici sottoposti a test con farmaci
ZURIGO
3 ore
Ora parla Swiss Life: «L'offerta di Manor era irrealistica»
SVIZZERA
3 ore
Meno morti e meno feriti sulle strade svizzere
VAUD
4 ore
Il Governo vodese sostiene l'iniziativa per una cassa malati cantonale
SVIZZERA
5 ore
Prima viaggi, poi paghi. Dall'anno prossimo lo si potrà fare
SVIZZERA / BRASILE
6 ore
Evase a Zugo nel 2010, riacciuffato in Brasile
URI
6 ore
Ubriaco, cerca di scappare dalla polizia. Nei guai un 33enne
SVIZZERA
6 ore
Il contenuto della valigia di Emeka Obi sarà trasmesso all'Italia
ZURIGO
6 ore
Trema la Bahnhofstrasse, la Manor se ne va
ZURIGO
7 ore
Manor via dalla Bahnhofstrasse: «La città è profondamente rammaricata»
GINEVRA
28.03.2018 - 17:580

«Stauffer è un parassita, non usi il nome "En Marche"»

È scontro tra il deputato ginevrino di "Genève en Marche" e il movimento politico di Emmanuel Macron sull'utilizzo della denominazione

GINEVRA - "Genève en Marche", il nome scelto dal deputato ginevrino Eric Stauffer per il suo nuovo partito, non piace in Francia. La République en Marche, la formazione del presidente francese Emmanuel Macron, ha chiesto al politico di cessare di utilizzare tale denominazione.

In caso di rifiuto, La République en Marche minaccia di adire alle vie legali. L'informazione è stata rivelata oggi dalla Tribune de Genève. L'ats ha ottenuto una copia della lettera inviata a Stauffer dagli avvocati ginevrini del movimento di Macron.

Gli autori di questa missiva rimproverano all'ex leader del Mouvement citoyens genevois «una parassitismo nel senso della legge contro la concorrenza sleale». A loro avviso, il deputato ginevrino avrebbe scelto il nome "En Marche" unicamente per approfittare dei successi del movimento di Macron durante le elezioni francesi dello scorso anno e soddisfare così «le sue ambizioni elettorali».

Nella lettera si sottolinea pure come La République en Marche abbia «un'attività abbastanza intensa» in Svizzera e più particolarmente a Ginevra. Il movimento conta 2'100 aderenti ripartiti in undici cantoni elvetici. Attraverso questa struttura, cerca di raggiungere i 180'000 cittadini francesi residenti in Svizzera, nonché i lavoratori frontalieri.

Per il pubblico non avvertito o poco attento, "Genève en Marche" potrebbe essere confusa come «l'antenna ginevrina o svizzera de "La République en marche" o come un movimento politico avente le stesse idee e gli stessi valori», sottolineano gli avvocati.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 18:35:17 | 91.208.130.86