Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
28 min
Giovani, chiedetevi: «Devo veramente andare a quella festa?»
È l’appello del capo delle emergenze dell’Oms, Mike Ryan
SVIZZERA
4 ore
«Automobile al sole: una trappola mortale». Parola del TCS
Qualche consiglio utile per evitare brutte sorprese in questi giorni di canicola
OBVALDO
5 ore
Titlis: boom di turisti elvetici, ma non è sufficiente
Gli impianti di risalita sono presi d'assalto, ma manca comunque circa il 70% dei visitatori
SVIZZERA / LIBANO
6 ore
Nessun aiuto svizzero al Governo libanese
Gli aiuti andranno direttamente alla popolazione, tramite la Croce Rossa
SVIZZERA
6 ore
Quella fragola è pericolosa
La Confederazione mette in guardia su una formina refrigerante venduta da Depot
SVIZZERA
6 ore
Sviluppata una membrana che distrugge batteri e virus
Il procedimento potrebbe essere utile anche in chiave anti Covid-19
FRIBORGO
7 ore
Si cercano i testimoni dell'aggressione sul treno
L'aggressore aveva assalito una 27enne con una bottiglia su un InterCity.
SVIZZERA
7 ore
Panne per Postfinance: ritardi nell'elaborazione dei pagamenti
Numerosi pensionati si sono lamentati: la loro pensione non sarebbe arrivata
SVIZZERA
8 ore
Anche Berna, Argovia e Turgovia chiedono le liste degli arrivi a Kloten
Il canton Zurigo ha iniziato mercoledì a raccogliere questi dati per verificare il rispetto dell'obbligo di quarantena.
SVIZZERA
8 ore
Nel canton Zugo 20 procedimenti per truffe con i prestiti Covid
L'importo complessivo dei raggiri raggiunge i 3,8 milioni di franchi
SVIZZERA
8 ore
Mascherine a scuola? Le diverse soluzioni dei Cantoni
Tra obbligo di mascherina e distanze di sicurezza, i Cantoni si preparano per il rientro a scuola
GRIGIONI
24.03.2018 - 12:540
Aggiornamento : 14:55

UDC: «Il Consiglio federale nasconde un avvicinamento all'Ue»

Con il suo discorso Rösti ha lanciato la campagna in vista delle elezioni federali dell'autunno 2019. Blocher ha denunciato un «colpo di Stato» e uno «smantellamento della democrazia diretta»

KLOSTERS - Il presidente dell'UDC Albert Rösti accusa il Consiglio federale di «nascondere (...) un avvicinamento all'Ue» nel dibattito sull'accordo quadro istituzionale tra Confederazione e Unione europea. Qualsiasi intesa del genere è «inaccettabile», ha sottolineato il consigliere nazionale bernese oggi a Klosters (GR) in occasione dell'assemblea dei delegati democentristi.

Infatti, secondo Rösti, l'idea del capo del Dipartimento federale degli affari esteri Ignazio Cassis di sottoporre eventuali vertenze giuridiche tra Berna e Bruxelles a un tribunale arbitrale sbatte contro la volontà dell'Unione di appellarsi unicamente alla propria Corte di giustizia.

Il presidente democentrista non ha dubbi: un accordo quadro significherebbe in definitiva che l'Ue potrebbe decidere a che ora e con quale carico i camion europei potranno attraversare la Svizzera, a quali condizioni i cittadini dell'Ue potranno stabilirsi nella Confederazione e accedere alle prestazioni AVS, AI, e per perdita di guadagno (IPG). L'intesa potrebbe persino conferire il diritto di cittadinanza ai sensi del diritto europeo.

Con il suo discorso Rösti ha lanciato la campagna in vista delle elezioni federali dell'autunno 2019 insistendo in particolre sui meriti dell'iniziativa popolare federale "Per un'immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione)". Il partito potrebbe anche sostenere un'eventuale iniziativa delle società di tiro contro una restrizione del possesso di armi a domicilio per effetto della pressione dell'Ue.

Difendere la democrazia diretta - Il consigliere federale Ueli Maurer e i suoi colleghi di partito Christoph Blocher e Adrian Amstutz davanti ai delegati dell'UDC riuniti oggi in assemblea a Klosters (GR) hanno insistito sul valore della democrazia diretta, a loro dire messa a repentaglio dalle autorità.

Per il capo del Dipartimento federale delle finanze, la democrazia diretta è «garante dell'indipendenza, della sicurezza, della prosperità e della stabilità della Svizzera».

Il responsabile della campagna elettorale in vista delle elezioni federali dell'autunno 2019, Adrian Amstutz, ha puntato il dito contro la maggioranza del Consiglio federale, del parlamento e del Tribunale federale, che pongono il diritto internazionale al di sopra di quello elvetico. Il consigliere nazionale bernese rimprovera ai tre poteri di non applicare le iniziative democentriste sull'immigrazione e sul rinvio dei criminali stranieri accolte in votazione da popolo e Cantoni.

Ha chiesto l'impegno della base del partito in vista delle elezioni federali evocando un «colpo di Stato in sordina volto ad allontanare il popolo dal potere». Al mancato rispetto della Costituzione partecipano anche i media, ha aggiunto.

Amstutz ha preso la parola dopo Christoph Blocher, di cui oggi dovrebbe essere eletto successore nella direzione dell'UDC quale responsabile della strategia. Il leader carismatico dei democentristi infatti si ritira dai vertici del partito.

Anche l'ex consigliere federale ha denunciato un «colpo di Stato» e uno «smantellamento della democrazia diretta» che deve incitare l'UDC ad «aprire gli occhi al popolo svizzero». Blocher ha fatto riferimento in particolare alla mancata applicazione dell'articolo costituzionale sull'immigrazione di massa, tacciando governo, Camere e Tribunale federali di «sindacato di furfanti».

Come nel discorso iniziale del presidente dell'UDC Albert Rösti, Blocher ha messo in guardia contro un accordo quadro istituzionale tra Svizzera e Unione europea. A suo avviso l'intesa contempla norme decise a Bruxelles, che dovranno essere applicate in Svizzera. Prima della votazione sullo Spazio economico europeo, nel 1992, la situazione politica era come quella odierna, ha deplorato.


 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
mark72 2 anni fa su tio
Alla maggioranza dei consiglio federale non gliene frega niente della volontà del suo popolo sono anni che ci provano a fare andare la Svizzera nell'Unione europea finora ogni volta la risposta è stata sempre no ce solo da sperare che la Svizzera non entri mai nell'Unione europea sarebbe la fine di tutto e del nostro benessere
Pepperos 2 anni fa su tio
Rösti & Servokabel.....vedremo con la guerra commerciale con u.s.a già iniziata, dove andrà ha chiedere sostegno per l'economia Svizzera.
rojo22 2 anni fa su tio
Ma che novità. Grazie CF e soprattutto UFC per aver contiubuito all’elezione di Cassis, le cui posizioni “pragmatiche” erano note e arcinote. Azzo volete adesso??? Traditori!

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-07 23:53:05 | 91.208.130.89