Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
48 min
Italiano e romancio «minacciati» in Svizzera: se ne discute in un convegno
A organizzarlo è l'Ufficio federale della cultura con la partecipazione del Consiglio d'Europa
SVIZZERA
1 ora
Oltre 1'200 franchi al mese tra tavola e tempo libero
Ogni economia domestica svizzera impiega 577 franchi al mese per lo svago e 636 franchi per mangiare
SVIZZERA
1 ora
L'inquinamento atmosferico causa fino a 2800 morti premature all'anno
La Confederazione ha avviato uno studio pilota per valutare la fattibilità di un programma nazionale di biomonitoraggio.
SVIZZERA
1 ora
Aumento delle indennità per le imprese di AutoPostale
Migliorano i rapporti con le aziende collaboratrici indipendenti
SVIZZERA
1 ora
In aeroporto con un totale di 7 kg di cocaina: arrestati tre passeggeri
La droga proveniva in entrambi i casi dal Brasile ed era diretta a Copenhagen e Nizza, nascosta nel doppiofondo delle valigie
SVIZZERA
1 ora
Quelli che su TikTok (un giorno) ci faranno i soldi
In molti posano con prodotti di marca e, per gli analisti, il social delle miniclip è un Eldorado con un potenziale tutto da scoprire
SVIZZERA
1 ora
Traffico pesante da record nel 2018
Il valore di 10,7 miliardi di tonnellate-chilometro è il più alto mai registrato. La progressione annua è stata del 4,7%
SVIZZERA
2 ore
Salari e invecchiamento alimentano i costi della sanità: spendiamo 10'261 franchi pro capite l'anno
L'incremento, secondo lo studio semestrale del KOF, raggiungerà quest'anno il 3,6%
SVIZZERA
2 ore
Sonova, forte crescita nel primo semestre
Il gruppo che controlla il marchio Phonak ha fatto segnare vendite per 1,4 miliardi
VAUD
2 ore
Donna pugnalata alla gola a Morges
L'aggressore è stato arrestato dalla polizia vodese, mentre la vittima è stata ricoverata al CHUV. Ignoti i motivi che hanno portato al fatto di sangue
SVIZZERA
3 ore
Ottobre nero, crollano export e import
Il comparto maggiormente toccato dal calo delle vendite è stata l'industria chimico-farmaceutica. In negativo anche il segmento gioielleria e bigiotteria. Segno più per auto e orologi
VAUD
4 ore
Quando l'appartamento su Airbnb viene affittato dalle prostitute
Brutta esperienza per un losannese: «Ho trovato preservativi usati e un biglietto da visita di un gruppo di professioniste del sesso». La polizia: «Sappiamo dell'esistenza di questa pratica illegale»
SVIZZERA
4 ore
Julius Bär lancia un programma di riacquisto
La banca ha compensato i deflussi di cassa causati dalla performance negativa di Kairos
FRIBURGO
15 ore
Ballottaggio, due cittadini presentano ricorso
Ritengono di non aver ricevuto il materiale di voto entro i termini stabiliti
GINEVRA
16 ore
Minacce con il coltello e furti notturni, è paura in riva al lago
Diverse persone sono state derubate lo scorso mese nei pressi di un centro autogestito a Ginevra. La polizia al momento brancola nel buio
BASILEA
18 ore
Uomo in sedia a rotelle muore cadendo nel Reno
Il malcapitato è deceduto poco dopo il ricovero in ospedale
FRIBURGO
19 ore
Le donne sono considerate meno competenti degli uomini
Nessuna evoluzione in 50 anni nei campi considerati tipicamente maschili
BERNA
21 ore
Lobby a Palazzo federale: pubblicato un vademecum per i neoparlamentari
Le Camere federali hanno sviluppato una guida sulla (non) accettazione di vantaggi e sul segreto d'ufficio
BERNA
22 ore
Auto elettriche: un automobilista svizzero su due è interessato a comprarne una
Lo rivela un sondaggio pubblicato dal TCS. Gli interpellati sperano che l'uso di questi veicoli protegga di più l'ambiente
BASILEA CAMPAGNA
23 ore
Ritrovate monete di epoca romana
Sarebbero state sotterrate attorno all'anno 180 dopo Cristo. Verranno restaurate, catalogate ed esposte al Museo di Liestal
SVIZZERA
23 ore
«Non c'è nemmeno spazio per uno zaino»
L'associazione traffico e ambiente stima che negli ultimi anni lo spazio per i bagagli sui treni FFS sia diminuito drasticamente
BERNA
1 gior
Il PPD cerca un nuovo capogruppo
La ricerca segue la mancata elezione Lombardi al Consiglio degli Stati
ZURIGO
1 gior
I bimbi sordi a scuola da Google
Il colosso della Silicon Valley offrirà lezioni di robotica a una trentina di allievi nella lingua dei segni
SVIZZERA
1 gior
UBS: il piano di Ermotti è di rimanere in carica fino al 2021?
Completando così 10 anni da CEO. In 8 anni alla guida di Ubs il manager ha guadagnato come un ticinese in 1400 anni
SVIZZERA
1 gior
«Una legge unica per le attività di sorveglianza»
Mister dati ha di nuovo criticato il fatto che attualmente queste attività siano disciplinate da un gran numero di atti legislativi speciali e di norme
SVIZZERA
09.03.2018 - 14:370
Aggiornamento : 18:05

Caccia e difesa antiaerea, sarà il popolo a decidere

Per il Governo gli svizzeri devono poter dire la sua sull'acquisto dei nuovi jet da combattimento e di un sistema di difesa terra-aria. Il gruppo una Svizzera senza Esercito: «Lanceremo un referendum»

BERNA - Il popolo deve poter dire la sua sull'acquisto dei nuovi jet da combattimento e di un sistema di difesa terra-aria. È la conclusione cui è giunto oggi il Consiglio federale, che chiederà al Parlamento di considerare il progetto - 8 miliardi di franchi al massimo - di «ampia portata» affinché possa essere attaccabile mediante referendum. Un'eventuale votazione dovrebbe avere luogo al più tardi a fine 2020, prima della scelta del tipo di velivolo.

Nella sua seduta odierna, il governo ha deciso di sottoporre il Programma Air2030 al Parlamento sotto forma di una «decisione programmatica». Secondo la legge sul Parlamento, le decisioni programmatiche sono decisioni preliminari che indicano come determinati obiettivi debbano essere perseguiti.

Se risultano di «ampia portata», esse sono soggette a referendum, ha dichiarato ai media il consigliere federale Guy Parmelin, aggiungendo che a sua conoscenza «è la prima volta che questo articolo viene utilizzato». Stando a Parmelin, «la consultazione dovrebbe durare fino a giugno ed entro fine anno il decreto programmatico dovrebbe giungere sui banchi del Parlamento».

L'ampia portata è data, ha aggiunto il ministro della difesa democentrista, «dall'importanza fondamentale della protezione e della difesa dello spazio aereo per la sicurezza della popolazione e dal considerevole onere finanziario per il rinnovo dei mezzi per la protezione dello spazio aereo».

Per Parmelin è importante garantire la protezione dello spazio aereo e della popolazione, «dal momento che non è escluso che in futuro il nostro Paese possa trovarsi coinvolto in un conflitto armato».

I nuovi aerei da combattimento e un nuovo sistema di difesa terra-aria saranno quindi presentati come un pacchetto di difesa aerea sul quale la popolazione potrà esprimersi, previo nullaosta delle Camere federali, tramite referendum facoltativo.

Uno dei motivi che hanno spinto il Governo verso questa direzione sono anche i precedenti con le votazioni sugli F/A-18 nel 1993 e la proposta di acquisto dei Gripen nel 2014, ha indicato il consigliere federale vodese. «Non vi è un obbligo legale di organizzare una votazione, ma le consultazioni precedenti hanno lasciato sul dossier la loro impronta politica».

Nell'attesa di un eventuale voto, il Dipartimento della difesa, dovrà elaborare il progetto di decreto programmatico. Il calendario prevede in seguito, ha aggiunto Parmelin, l'apertura di una consultazione e successivamente l'eventuale votazione referendaria il prima possibile, ma al più tardi nel 2020, ossia ancora prima che il Consiglio federale scelga un tipo di velivolo.

Agendo in questo modo, ha spiegato il consigliere federale, s'intende fare chiarezza in fretta evitando lavori di pianificazione inutili. In seguito il Consiglio federale potrebbe proporre l'acquisto al Parlamento verosimilmente col messaggio sull'esercito 2022.

Secondo Parmelin, votando anticipatamente sull'acquisto del velivolo e di un sistema di difesa terra-aria si vuole «evitare che la campagna referendaria sia influenzata dalle discussioni sulla scelta del futuro modello di aereo militare».

Parmelin non ha escluso in ogni caso che anche dopo una decisione di principio positiva su Air2030, qualcuno possa lanciare un'iniziativa popolare contro i nuovi aerei da combattimento. A suo dire, però, agendo in questa maniera «si spingerebbe la democrazia ai limiti».

In ogni caso, un "no" alle urne nel 2020, o anche in seguito, ritarderebbe l'intero processo di ammodernamento delle forze armate. «Si creerebbe un'enorme lacuna a livello di protezione dello spazio aereo», secondo il ministro della difesa. Circa gli 8 miliardi a disposizione, Parmelin ha dichiarato che, al momento attuale, si tratta di un quadro finanziario «che si potrà rispettare».

Parmelin ha ribadito l'importanza di ammodernare la protezione aerea. I jet da combattimento F/A-18 raggiungeranno infatti la fine del periodo di utilizzazione nel 2030, mentre già ora i rimanenti Tiger F-5 possono essere impiegati solo di giorno e col bel tempo. Anche i sistemi di difesa terra-aria (Rapier, Stinger e DCA media) giungeranno prossimamente al termine della loro durata di utilizzazione.

Nell'attesa che si voti, Armasuisse ha già preso contatto con i governi di Stati Uniti, Germania, Svezia e Francia per valutare aerei da combattimento e sistemi di difesa terra-aria. Gli aerei da testare sono il Rafale francese, l'Eurofighter tedesco, l'F-35 americano e il Gripen svedese.

Svizzera senza esercito: «Lanceremo un referendum» - Il Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE) ha annunciato che lancerà il referendum contro l'acquisto di nuovi aerei da combattimento. Critica tuttavia il modo di procedere del Consiglio federale. Il governo ha deciso oggi di sottoporre il Programma Air 2030 al Parlamento sotto forma di una «decisione programmatica». In un comunicato il GSsE giudica la scelta «non democratica» visto che in questo modo non vengono precisati i costi esatti e neppure il modello e il numero dei jet. Con questa variante il popolo non potrà decidere con cognizione di causa, sostiene il GSsE. Questo metodo fornisce al Consiglio federale un assegno in bianco, aggiunge la nota. Il GSsE ricorda che nel 2014 il popolo svizzero ha respinto l'acquisto di nuovi caccia Gripen per 3,1 miliardi di franchi.

Le reazioni politiche - L'opzione scelta dal Consiglio federale trova invece l'approvazione della Società svizzera degli ufficiali (SSU), come pure di PLR e PPD e anche dell'UDC. È normale - afferma la SSU - che il popolo abbia l'occasione di dire la sua sul principio, ma le questioni della scelta del modello e del numero di aerei da acquistare deve rimanere competenza del governo. A suo avviso, prima si vota meglio è.

Dopo il rifiuto del Gripen, proporre un progetto che consenta il referendum è necessario, ritiene il PPD. È «politicamente legittimo», dice dal canto suo il PLR, che sostiene il rinnovamento completo della flotta degli aerei militari. E 8 miliardi «non sono di gran lunga troppi», ha detto all'ats la portavoce Karine Barras. Il PLR vede tuttavia un rischio nel metodo scelto. Il decreto di pianificazione sottoposto al popolo essendo onnicomprensivo, un no agli aerei comporterebbe anche il rifiuto di un nuovo sistema di difesa terra-aria, che il partito giudica indispensabile.

L'UDC, infine, si rallegra in una nota della decisione di pianificare finanziariamente per i 12 anni a venire la somma di 8 miliardi di franchi destinata all'acquisto dei jet da combattimento e al rinnovamento della difesa contraerea al suolo. A suo avviso, è evidente che i fondi previsti costituiscono il minimo necessario per la protezione della popolazione svizzera.

Riparato e riconsegnato il primo F/A-18 con le crepe - Il primo dei cinque aerei da combattimento F/A-18 bloccati a terra da fine gennaio-inizio febbraio dopo la scoperta di crepature sugli apparecchi è stato riconsegnato oggi alle Forze aeree elvetiche. Lo ha annunciato il consigliere federale Guy Parmelin nel corso della conferenza stampa odierna riguardante le decisioni del governo. Il 29 gennaio scorso, in occasione di un controllo intermedio, era stata individuata la rottura di una cerniera di fissaggio dell'aletta di atterraggio di un F/A-18. Per precauzione si era quindi deciso di esaminare tutti i 30 velivoli di questo tipo in dotazione alle Forze aeree elvetiche. Incrinature erano state riscontrate su cinque apparecchi.

La crepa del primo biposto è stata riparata dagli specialisti della RUAG Aviation, precisa il Dipartimento federale della difesa (DDPS) in una nota: l'aereo è ora a disposizione delle Forze aeree per il servizio di volo senza alcuna limitazione. Le riparazioni degli altri F/A-18 interessati sono tuttora in corso: i velivoli vengono aggiustati uno dopo l'altro. Se non ci saranno complicazioni, si prevede che un secondo aereo da combattimento possa tornare in servizio di volo tra due-tre settimane. In seguito sarà eseguita la riparazione sull'F/A-18 con la cerniera di fissaggio rotta.

 

Commenti
 
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Voglio complimentarmi con il polliziotto solettese che ha fatto fuori la mucca assassina!... :-))))))
MIM 1 anno fa su tio
Non vedo l'ora di votare
limortaccituoi 1 anno fa su tio
Se pensi che l'esercito svizzero abbia la forza per contrastare un qualsiasi altro esercito (compreso quello italiano), allora vorrei venire a vivere sulla tua isoletta felice e irreale.
beta 1 anno fa su tio
Che li comperino e che li usino ! Sicuramente farebbero meno danni di certi " elementi " che bazzicano nel blog . Buona giornata anche a quelli che hanno ... acidità .
limortaccituoi 1 anno fa su tio
Ma basta con questi inutili giochi da bambini che vogliono sentirsi machi comprando gli aerei più grandi e più forti. Se un paese estero volesse invadere la svizzera non saranno questi aerei a fermarlo. L'unica soluzione razionalmente efficace è la creazione di un unico esercito europeo, in grado di difendere davvero l'europa da eventuali attacchi. Pensate davvero che Francia e Germania entrino ancora in guerra fra loro? Sveglia, il XX secolo è finito.
Mattiatr 1 anno fa su tio
@limortaccituoi Hahahaha esercito europeo che difende la Svizzera. Sbaglio o siamo neutrali perché non abbiamo alleati? L'UE porterebbe solo svantaggi come ne ha portati in Italia.
F.Netri 1 anno fa su tio
@limortaccituoi Ma tu pensi davvero che Germania e Francia darebbero le proprie forze militari per un esercito comune? Sveglia!!
Evry 1 anno fa su tio
Purtroppo ci sono dei cittadini e partiti irresponsabili e che vogliono fermamente l'eliminazione della nostra Svizzera. Fate come gli struzzi...
kenobi 1 anno fa su tio
Berna, 09.12.2016 – La prontezza all’impiego nel servizio di polizia aerea verrà costantemente ampliata fino alla fine del 2020, quando due velivoli armati saranno pronti all’impiego 24 ore su 24, 365 giorni all’anno. L’inizio della prossima fase di ampliamento è previsto per il 2 gennaio 2017: da questa data infatti la prontezza sarà estesa a 365 giorni all’anno, per cui sarà garantita anche durante i fine settimana e i giorni festivi, dalle 8.00 alle 18.00.
USS Cole 1 anno fa su tio
Inconcepibile che le spese x questo dipartimento possa decidere il Popolo!
miba 1 anno fa su tio
Tanto saranno operativi solo durante gli orari d'ufficio :):):)
Zico 1 anno fa su tio
@miba +1
TI.CH 1 anno fa su tio
@Zico Che saranno operativi soltanto durante le ore d'ufficio non è vero, il DM e CF fanno deciso che saranno operativi 24 ore su 24. (Non so se tu fai parte di Svizzera senza esercito) però voglio ricordarti che la storia ha sempre dimostrato che un esercito valido e credibile mantiene la pace nazioni senza esercito proprio hanno sempre avuto un esercito ma un esercito di occupazione.
miba 1 anno fa su tio
@TI.CH Come non è vero??? Ma se ne ha parlato tutta la stampa locale, nazionale ed internazionale facendosi beffe proprio di questo.....
Zico 1 anno fa su tio
@TI.CH adesso daih io di CH senza esercito! par piasee! il mio motot è: ''meglio avere una spada e mai doverla estrae, che non averla ed averne bisogno''. se girano 24h su 24 me lo auguro e ne sarei felice!
limortaccituoi 1 anno fa su tio
@TI.CH Se si vuole essere puntigliosi la storia insegna, senza nessun esclusione, che le guerre sono sempre state fatte da eserciti validi e credibili ;)
Mattiatr 1 anno fa su tio
@Zico E più la lama è affilata meglio è visto che siamo circondati da guerrieri armati di spada laser.
Nikooo777 1 anno fa su tio
@miba e' cambiata la situazione. Informati. gia' a partire da gennaio sono in volo molte piu' ore di quelle d'ufficio e a partire dal 2019 (se non vado errando) saranno operativi 24/24
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-19 12:28:17 | 91.208.130.87