Keystone
SVIZZERA
08.03.2018 - 13:130

Bocciato il giro di vite sulle armi

Il Nazionale ha bocciato la richiesta di limitare la detenzione di armi alle sole forze dell'ordine, ai cacciatori e ai tiratori sportivi.

BERNA - Chi vorrà chiedere un permesso d'acquisto di armi non dovrà dimostrare di averne il bisogno. Il Consiglio nazionale ha infatti bocciato, con 120 voti contro 65 e una astensione, una iniziativa parlamentare di Chantal Galladé (PS/ZH) che de facto avrebbe limitato la detenzione di armi alle sole forze dell'ordine, ai cacciatori e ai tiratori sportivi.

La dimostrazione del bisogno consente di garantire che chi necessita effettivamente di un'arma può continuare ad acquistarla e a possederla, ha spiegato Galladé. Le altre persone non hanno alcun bisogno di possederne, in ogni caso non per l'autodifesa. La polizia deve infatti continuare a disporre del "monopolio della violenza".

Non c'è nessuna necessità di acquistare armi per il solo piacere di possederle. «Non sono oggetti qualsiasi», ha sostenuto Pierre-Alain Fridez (PS/JU), che ha evocato tre casi che l'hanno toccato da vicino. Con meno armi in circolazione, diminuirà anche il rischio di incidenti e di drammi famigliari, ha aggiunto il medico giurassiano.

Niente dimostra che la proposta di Galladé permetterà di diminuire il numero di morti e feriti, ha replicato Philippe Bauer (PLR/NE) alludendo anche al numero di armi illegali in circolazione. L'atto parlamentare in discussione è inoltre contrario al principio della fiducia che lo Stato dà ai suoi cittadini nel nostro Paese, ha sostenuto il neocastellano.

Con la misura proposta ci saranno inoltre persone - due milioni secondo la stessa Galladé - che dovranno consegnare armi malgrado non abbiano niente da rimproverarsi. «Chi le indennizzerà?», si è chiesto Jean-Luc Addor (UDC/VS). Se la proposta dovesse essere accettata anche i collezionisti non potranno più tenere armi in casa, ha ricordato Bauer convincendo il plenum.

Commenti
 
F.Netri 9 mesi fa su tio
Sembra quasi che questi socialisti vogliano a tutti i costi disarmare il popolo. E questa mania si estende a tutto il mondo. Ma chissà perché??
shooter01 9 mesi fa su tio
la gallardé passa il suo tempo a dimostrare il suo odio verso ciò che non le piace, invece di lavorare. Le sue frustrazioni sono più importanti dello svolgere in modo decente il suo mandato. A meno che, il suo mandato non gli derivi dalla criminalità, preoccupata di avere l'esclusiva di detenere armi.
Tags
armi
proposta
bisogno
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-14 02:38:13 | 91.208.130.87