Keystone
SVIZZERA
06.03.2018 - 07:070
Aggiornamento 08:42

Sei cittadini su dieci favorevoli a un canone da 200 franchi

Archiviata l'iniziativa No Billag, si pensa già alla prossima proposta. Il futuro della SSR secondo il sondaggio Tamedia

BERNA - Dopo la valanga di “no” all’abolizione del canone radiotelevisivo, il dibattito attorno al futuro della SSR e al suo finanziamento non è ancora terminato. E su più fronti si parla già di una possibile iniziativa per abbassare il canone a duecento franchi. Una proposta, questa, che potrebbe in effetti trovare il consenso di almeno sei cittadini su dieci (si tratta del 62%, per la precisione), come si evince dall’ultimo sondaggio Tamedia condotto in concomitanza con le recenti votazioni federali e a cui hanno preso parte quasi 17’000 persone da tutta la Svizzera.

Un’iniziativa con più possibilità - La possibilità era già stata accennata dall’UDC nel corso della campagna. E ora l’eventuale lancio di un’iniziativa in tal senso sarebbe al vaglio, secondo informazioni di 20 Minuten, di un gruppo vicino ai sostenitori di No Billag. È invece probabile che l’UDC intenda dapprima passare dal Parlamento. Il presidente della sezione ticinese del partito, Alain Bühler, si dice comunque ottimista: «Un’iniziativa per chiedere il mantenimento del servizio pubblico con l’abbassamento del canone avrebbe probabilmente più successo, soprattutto se la SSR non manterrà le sue promesse».

Quale destino per la pubblicità? - Nel frattempo la SSR ha ribadito la promessa di voler prendere sul serio le critiche mosse nei suoi confronti durante il dibattito No Billag. Nella conferenza stampa indetta domenica per commentare l’esito della votazione, la dirigenza ha in particolare parlato di riduzione della spesa. Ma anche di rinuncia alla pubblicità durante i film. Il 72% dei cittadini ritiene comunque che la SSR non debba abolire completamente le interruzioni pubblicitarie.

Offerta pubblica molto seguita - Attualmente a livello nazionale la SSR propone diciassette stazioni radiofoniche e sette emittenti televisive. Troppe? Non secondo il 58% degli intervistati, che si dice contrario alla riduzione dell’offerta a un canale radiofonico e televisivo per regione linguistica. E si tratta di emittenti a cui la popolazione è effettivamente affezionata: quasi l’80% dei cittadini dichiara, infatti, di approfittare dell’offerta SSR quotidianamente o più volte alla settimana. Soltanto il 5% sostiene di non seguire mai le emittenti SSR.

Un “sì” soprattutto UDC - Per quanto riguarda la votazione federale sull’iniziativa No Billag, dal sondaggio Tamedia si rileva che sesso, età, grado di istruzione e reddito dei cittadini non hanno contato in maniera importante sulla decisione di voto. «Il sostegno all’iniziativa è soltanto leggermente più alto nella fascia d’età compresa tra i 35 e i 49 anni» spiegano i politologi Lucas Leemann e Fabio Wasserfallen. Un’ondata di “sì” si rileva inoltre, come previsto, tra i simpatizzanti UDC. Tra questi ultimi il sostegno ha infatti raggiunto una percentuale del 55%.

Il sondaggio

Sono 16’868 le persone provenienti da tutta la Svizzera che dal 2 al 3 marzo hanno preso parte al sondaggio online di Tamedia sulle votazioni federali del 4 marzo. Un sondaggio condotto in collaborazione con la LeeWas GmbH dei politologi Lucas Leemann e Fabio Wasserfallen. I dati sono ponderati sulla base di variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d’errore è di 1,9 punti percentuali. Più informazioni su tamedia.ch/sondage

La lunga giornata No Billag
Commenti
 
matteo2006 9 mesi fa su tio
Salviamo le ragazze immagine all'autosalone! Io mi rifiuto quest'anno di andarci, hanno deciso di non più avere le ragazze immagine a fianco delle automobili; mi rifiuto di essere partecipe della perdita di centinaia di posti di lavoro.
Mirco Drovandi 9 mesi fa su fb
Sopportabile e più equo
Caterina Pedrini Verda 9 mesi fa su fb
Ancora?💴💵💵💰💰 secondo voi questi portali sono pagati o lo fanno così aggratis?
centauro 9 mesi fa su tio
Vorrei che qualcuno mi spiegasse perché 6 persone su 10 si accontentano del canone a 200 fr, le altre 4 sarebbero felici di pagare maggiormente? strano o no?
Andrea Gervasi 9 mesi fa su fb
Ma va la... nn sono quei 165 fr in piú all’ anno ke ti buttano a terra.. siete ridicoli. Un servizio pubblico sano equilibrato e in 4 lingue ha bisogno di sostegno! Spero ke a un qualke buontempone non gli venga di nuovo l idea di lanciare un iniziativa di questo genere perkè nn se ne puó più 😩
Laura LR 9 mesi fa su fb
Io non faccio testo però...Ma dico io? Ma ci voleva il ricatto per ridurre l’importo del canone? Inoltre che lo paghino davvero tutti...e l’unico modo per farlo pagare a tutti è attraverso la dichiarazione d’imposte.
lo spiaggiato 9 mesi fa su tio
Dopo una batosta di simili proporzioni sarebbe meglio che gli sconfitti riflettano un po', si rilassino e pensino ad altre cose invece che al cannone radiotelevisivo!...
beta 9 mesi fa su tio
@lo spiaggiato Il ... cannone dove te lo metti ?
Nora Nori 9 mesi fa su fb
Se dedicaste anche solo il 10% delle energie che usate per scannarvi su questa iniziativa per altre cause o ingiustizie altro che risparmiare 200.- all'anno. Branco di intelligentoni
Igor Guanziroli 9 mesi fa su fb
200fr per tutti, e 800fr per i dipendenti Tsi che non l'hanno mai pagato mi sembra più che giusto..
Liliana Amadò 9 mesi fa su fb
e pensate a dei programmi un po' meno demenziali.......basta con Paganini, Festival di Montreux del 2005 ecc.ecc e basta con quel "piacione" di Di Gioia....possibile che in Ticino ci sia un presentatore + simpatico e con una bella dialettica ?????
Lorenzo Alberto Pool 9 mesi fa su fb
Già che ci siamo facciamo il sondaggio per vedere chi sia Favorevole a 100.-
Luca Civelli 9 mesi fa su fb
Ormai addio! Dai toni usati dai vincitori ho paura che a breve ce lo ritroveremo a mille franchi! La gente ha dimostrato di volere un servizio pubblico di qualità,o no?
Sonia Macchi 9 mesi fa su fb
Ragionamento che non fa una piega, complimenti. Ma anche no
Lucrezia Novelli 9 mesi fa su fb
la domanda deve essere posta sul "di qualità"
Marco Conte 9 mesi fa su fb
io il canone lo metterei a 1000 fr per tutti quello che hanno votato per il no
Igor Gutschen 9 mesi fa su fb
quelli che hanno votato per il no meritano l'invasione di frontalieri in RSI e il licenziamento in tronco di tutti i ticinesi che ci lavorano dentro, poi li vedrai correre i conigli
Marco Ermeti 9 mesi fa su fb
Balle...in futuro il canone dovrebbe aumentare fino ad almeno a 2500.-- franchi a persona, e la pubblicita e gli impieghi del 100%...pagate barboni...tirate fuori sti soldi...
Zico 9 mesi fa su tio
per la millesima volta! se il CF e la sciura Leutharda (più tarda che leu) avesse proposto il canone anche a 250. franchi non ci sarebbe stata la votazione, non sarebbe uscita questa idea sui 200. franchi di canone e noi avremmo avuto un pò di pace, perchè veramente di questa storia non se ne può veramente più.
Giovanni Johnny Lillo 9 mesi fa su fb
Sottoscrivo immediatamente! Sia ben chiaro che me ne strafotto delle conseguenze e delle tasche altrui in primis le mie!! Salvata è salvata l'azienda parassita! Ora facciamo la cura dimagrante
Davide Pereira 9 mesi fa su fb
Gli stessi che in queste settimane predicavano di pagare la Billag sono i primi a non farlo, come le casse malate e altri oneri! Cominciamo a fare pagare dunque anche ai politici e funzionari vari ! E la spesa pro capite si ridurrà automaticamente! In ogni caso, continuare a pagare un canone quando inevitabilmente ci tocca fare un abbonamento swisscom/sunrise/cablecom tv al fine di poter avere un offerta che sia tale, è davvero assurdo!
Nadine Ferrari 9 mesi fa su fb
La storia su quelli che non pagano la Billag, oltre a essere stata spiegata a più riprese, è ormai roba vecchia e sarebbe il caso di piantarla di trascinarsela dietro tanto per giocare agli indignati.
Andrea Weber 9 mesi fa su fb
Più che altro ci sono un sacco di cittadini che non pagano la Billag perché non si sono annunciati.
Lucrezia Novelli 9 mesi fa su fb
Nadine Ferrari puo' anche spiegarla 300 volte ma la realtà è questa. Uno deve essere obbligato a pagare la Billag se non utilizza i servizi per cui paga. Assurdo!
Nadine Ferrari 9 mesi fa su fb
Lucrezia Novelli Se, vabbè, ricominciamo tutto da capo, va...... 😂
Giovanmaria Sartori 9 mesi fa su fb
Abbiamo appena votato e il no ha stravinto, sono mesi che si parla canone SSR, è possibile un attimo di calma.?
Angelo Michele Maiorano 9 mesi fa su fb
Trovino una maniera equa e il cittadino possessore di mezzi radio-tv, internet pagherebbe meno e pagherebbero tutti, altrimenti restando le cose così, pure i 200 franchi sarebbero pagati da tanti ma non da tutti
Valerio Rossi 9 mesi fa su fb
Dopo la bocciatura nel 2007 delle sei settimane di vacanza, dopo il 2013 bocciatura tetto stipendio manager 1:12 ora anche questa bocciatura 😂😂😂😂. Siamo un popolo fantastico 😂😂😂. Ci vorrebbe uno psichiatra.
Andrea Weber 9 mesi fa su fb
Il problema è che la gente vive di paure.
Lucrezia Novelli 9 mesi fa su fb
Andrea Weber e di poca conoscenza
Reddy Red 9 mesi fa su fb
Al cannone mai favorevi strano 😂😂
Moscato Elisa 9 mesi fa su fb
Per me manco 200!!ma chi la guarda la tele tra lavoro e tutto e di certo non i canali in questione!!la radio in macchina?!?!neanche a parlarne!!allora mettete un contatore chi ne usufruisce a seconda paga!!!poi hanno tutti swisscomtv sky ecc!!
Chiara Ferroni 9 mesi fa su fb
Concordo!!!
Alain Intraina 9 mesi fa su fb
Ma basta !!!
Alex Cava 9 mesi fa su fb
Sondaggi?? Tutti clamorosamente falsi, quelli su noBillag. L'UDC dovrebbe tirare i remi in barca dopo il fallimento dell'iniziativa... La Svizzera non è in vendita!
Angelo Russo 9 mesi fa su fb
Ma , allora in Italia , siamo messi meglio , visto che ne paghiamo solo 100 ! Quindi il fatto che in Svizzera si guadagna di più è una roba da sfatare, visto che poi tutto costa il doppio, o mi sbaglio?
Morena Dotti 9 mesi fa su fb
In Italia paghiamo sui 140 per dei programmi televisivi che sono lo schifo dello schifo. Chi diavolo la vuole più vedere la RAI? E ce la rifilano in bolletta per obbligarci a pagarla! Ma dai...
Katia CR 9 mesi fa su fb
É giusto quello che lei dice. Se guadagno il doppio e spendo il doppio che guadagno ho? Non ne ho di guadagno, qui non si guadagna di più. Da noi per un 3 locali e mezzo si spende ben oltre 1.000.- fr. al mese. Ho visto appartamenti in Italia a 350 - 400€ al mese o comunque con 700€ hai un appartamento in ordine, qui 700€ non bastano nemmeno per il conguaglio a fine anno! E adesso che mi dicano tutto quello che vogliono che per me é poi uguale, non possono cambiare ció che é la realtà e la logica dei fatti. Nel frattempo a fare la spesa si recano quasi tutti in Italia perché risparmiano e non solo, la scelta che trovano in Italia in Svizzera se la sognamo in cartolina! Alla frutta e alla verdura da noi non ti puoi avvicinare! 😢
Katia CR 9 mesi fa su fb
Morena Dotti da noi non é che sia meglio. La Billag é obbligatoria e costa 3 volte il canone che vi obbligano in bolletta :( Se non paghi la Billag ti arriva a casa il precetto esecutivo con tanto di spese e se non paghi ti pignorano la macchina o i mobili! Ma é normale una cosa del genere? Per avere che cosa? Le iniziali di un abusatore di bambini?!!!!! 😠😠😠😠😡😡😡😡 Ma stiamo scherzando o che cosa? In Italia almeno sapete e sappiamo tutto!!! Volti nomi e cognomi, qui non fanno sapere nulla, se va bene le iniziali e stop! É informazione questa?!!! 😠😠😠😠😡😡😡😡
Nadine Ferrari 9 mesi fa su fb
Katia CR "Se guadagno il doppio e spendo il doppio che guadagno ho?" Il doppio. È matematico. A parte questo, alcune cose che dici sono vere, altre sono esagerazioni. Quella sulle iniziali di un abusatore di bambini, poi, è puro delirio, visto che non ha niente a che fare con la SSR ma con la LEGGE SVIZZERA.
Paolo Celly 9 mesi fa su fb
A parte che in italia è in bolletta e si paga 90 euro....i 50 euro li dai di mancia???
Chiara Ferroni 9 mesi fa su fb
Nadine ma sei seria sulla questione guadagno? 😂😂😂😂
Chiara Ferroni 9 mesi fa su fb
Comunque sì, Angelo, è come dici tu. Guadagnano di più che in Italia ma poi -la spesa costa di più -gli affitti costano di più -i ristoranti costano di più -la sanità è tutta a pagamento e costa di più Eccetera. La verità è che la bella vita la fanno i frontalieri. (Buon per loro, si intende, lungi da me essere invidiosa di efficienti lavoratori che si svegliano alle 5 del mattino e si sudano lo stipendio come tutti)
Sonia Macchi 9 mesi fa su fb
Chiara Ferroni Perché non dovrebbe essere seria? Il ragionamento é corretto
Chiara Ferroni 9 mesi fa su fb
No ma scusate.... Se guadagno il doppio (esempio il doppio di 10=20) e spendo il doppio (esempio il doppio di 10=20) qual è il guadagno? Se guadagno 10 e spendo 10 ricavo 0. Se guadagno il doppio e spendo il doppio invece.....?
Alessandro Milani 9 mesi fa su fb
Visto cbe qui si calcola su statistiche farlocche che tengono in alto i prezzi cin megatruffe allora x i piu deboli anziani ai assistenza e disoccupatli che paghiblo stato e quelli che continuank a blatetare solo xchè lavorano e hanno il culo al caldo
Lucrezia Novelli 9 mesi fa su fb
Morena Dotti in Italia il canone è di 90 euro e la Rai ha tantissimi canali e forse non ha capito che qui si deve pagare anche solo per avere un collegamento internet in casa che già paghiamo a peso d'oro. Se non ci fossero i canali italiani sarebbe come non avere la tv
Yarick Roman 9 mesi fa su fb
E tutto direttamente proporzionale, il guadagno è maggiore cosi come lo sono le spese, e spesso e volentieri sono ad essere le spese maggiori del guadagno stesso.
Igor Gutschen 9 mesi fa su fb
Lucrezia Novelli siamo obbligati a sopperire alla chiusura degli uffici postali e delle banche...🤔😛🤣😂
Igor Gutschen 9 mesi fa su fb
Yarick Roman guadagno che??????? 😂🤣😂🤣 conosco gente che porta a casa 1800 franchi, tace e va a chiedere aiuto all'assistenza per pagare le spese, chiedi pure a quelli che si fanno aiutare dal tavolino magico e altre associazioni...ma gente andate in giro e parlate con le persone, aprite gli orizzonti
Nadine Ferrari 9 mesi fa su fb
Chiara Ferroni Dai, fai un altro esempio, possibilmente uno in cui non spendi tutto o addirittura più di ciò che guadagni... ^_^
Alex Rigatoni 9 mesi fa su fb
dai famo 250 e basta
Mattia Tami 9 mesi fa su fb
Ma basta! I fautori spostino le energie su altri temi più importanti e rispettino il popolo e l'esito del voto di Domenica. Una prima riduzione del canone vi sarà già dall'anno prossimo, prima di votare di nuovo ci vorranno anni per capire gli effetti che questa riduzione avrà sulla ssr.
Dani Luconi 9 mesi fa su fb
Di quale riduzione stai parlando ? Dei 56 milioni in meno di indotto per SRG ?
Luigi Carenini 9 mesi fa su fb
Ma i nostri governanti hanno rispettato il famoso voto del 9 febbraio...di che anno?
Andrea Weber 9 mesi fa su fb
Il 9 febbraio non era applicabile, punto.
Sara Cassani 9 mesi fa su fb
Se non era applicabile per quale motivo ci hanno fatto votare?
Nadine Ferrari 9 mesi fa su fb
Sara Cassani Questa sì che è una bella domanda, per rispondere alla quale, però, servirebbero vagonate di onestà intellettuale (purtroppo, non pervenute)... ;)
Igor Gutschen 9 mesi fa su fb
Andrea Weber in realtà non sarebbe neppure applicabile il fatto che il canone radio/tv finisca in parte a radio e tv private; attenzione che a qualcuno non venga in mente di fare ricorso quando arriverà la bolletta da pagare perché se ricorrendo si arriva al TF e non si vince, si porta tutto al TE e poi son cazzi amari comunque per le tv del nostro bambela Lombardi
Mirko Zxy 9 mesi fa su fb
Quindi "no a no Billag " per non tagliare 1200 posi di lavoro , poi il sig. Canetta ieri scriveva che bisogna risparmiare davvero 🤗🐑💩
Moscato Elisa 9 mesi fa su fb
Che si faccia questo putiferio per tutti quelli che perdono il lavoro per crisi per tutte le attività che falliscono e soprattutto per tutte le paghe indecenti!!!mica solo x i dipendenti tsi ecc!!
Andrea Weber 9 mesi fa su fb
Ma anche per la cassa malati unica si parlava di 10000 posti di lavoro persi.
Lucrezia Novelli 9 mesi fa su fb
Andrea Weber anche in questo caso balle per spaventare la gente. Sono tutti referendum il cui esito ero già chiaro in precedenza
Nadine Ferrari 9 mesi fa su fb
Lucrezia Novelli Primo: non era un referendum. Secondo: se l'esito è sempre tanto "già chiaro in precedenza", forse sarebbe il caso di ragionare un zinzino meglio sui testi da proporre, prima di far spendere un sacco di soldi inutilmente a tutti, no?
Elena Xhanino P 9 mesi fa su fb
Forse... se la votazione fosse stata incentrata sui 200 fr di canone...
Danilo De Ponti 9 mesi fa su fb
200 franchi mi sembra una cifra onesta.👍👍
Umberto Federico 9 mesi fa su fb
Ah sì? Ma dal chirurgo lo decide lui il prezzo dell’operazione, che magari sa qualcosa in materia, o lo decidono i pazienti?
Ale Bergeron 9 mesi fa su fb
Pure troppi per il servizio scadente che offre specie i canali ticinesi
Bruna Bralla 9 mesi fa su fb
Umberto Federico il chirurgo ti manda il suo onorario solo se esegue un intervento non a tutti i potenziali pazienti solo perché possiedono una parte del corpo che un giorno potrebbe operare , il canone lo devi pagare anche se non guardi nessuna trasmissione basta che tu possegga un i- phone , cerca paragoni più intelligenti
Umberto Federico 9 mesi fa su fb
Bruna Bralla va bene. Decidete voi l’importo della cassa malati?
Danilo De Ponti 9 mesi fa su fb
Umberto Federico infatti anche la cassa malati è fuori controllo 😡😡
Umberto Federico 9 mesi fa su fb
Danilo benissimo, concentratevi su quella allora, che costa al mese come un anno di canone e date un attimo di tregua alla SSR! Non se ne può più!
Danilo De Ponti 9 mesi fa su fb
Umberto Federico ma il referendum e il sondaggio di cui si parla era sul canone billag non sulla cassa malati.
Bruna Bralla 9 mesi fa su fb
Umberto Federico la cassa malati ti garantisce cure necessarie in caso di malattia e paghi la base , ma se vuoi di più lo paghi a parte , così dovrebbe essere anche per la SSR , paghi una base ragionevole fissa , poi il resto lo paghi se li interessa vederlo e non perché a qualcuno è venuto lo sfizio di mandare gli inviati in giro per il mondo a vedere come ti cucinano il baccalà in Alaska o come fabbricano le cerbottane i Lacandoni , di servizi inutili ne vediamo a iosa però costano !
Veronica Longato 9 mesi fa su fb
Umberto Federico con la cassa puoi aumentare la franchigia per pagare di meno,se ti ammali poco; ma se guardi poca tv non puoi decidere di alzare la franchigia per pagare meno canone. Inoltre non puoi paragonare una cosa superflua come la TV ad una cosa come la salute. Ma scherziamo?
Umberto Federico 9 mesi fa su fb
Veronica Longato ti rispondo che 365 franchi all’anno corrispondono al minimo per garantire un servizio pubblico decente e paragonabile agli altri paesi europei. Se volete un servizio migliore, come per la cassa malati, pagatene 500.
Danilo De Ponti 9 mesi fa su fb
Umberto Federico ma perché per avere un servizio pari al resto d’Europa dobbiamo pagare il canone più caro d’europa?????
Umberto Federico 9 mesi fa su fb
Bruna Bralla la “base ragionevole fissa” è proprio quella che si pagherà dal 2019, e non sono i cittadini a determinare quale sia e a fare i conti in tasca alle aziende radiotelevisive. Venite a visitare la RSI e scoprirete quanto costa produrre un solo minuto di qualsiasi trasmissione e quante persone e mezzi tecnici sono coinvolti. Poi ne riparliamo...
Umberto Federico 9 mesi fa su fb
Danilo De Ponti perché siamo l’unico paese che deve garantire un servizio pubblico in 4 lingue e non in una sola, quadruplicando così i costi. E poi perché la Svizzera ha pochi abitanti in confronto per esempio all’Italia e quindi è normale che ognuno paghi di più.
Veronica Longato 9 mesi fa su fb
Ma questo non lo metto in dubbio, mi sembra assurdo che paragoni il fatto di seguire la televisione, la radio,ecc. alla salute. Non so cos’è più importante per te, ma nella mia vita conta un po’ di più l’essere sani che guardare i programmi tv ogni sera.
Veronica Longato 9 mesi fa su fb
O peggio, il lavoro di un chirurgo che lavora probabilmente 14 ore di fila per salvare la vita ad una persona.
Bruna Bralla 9 mesi fa su fb
Umberto Federico certe trasmissioni fanno venire il latte alle ginocchia eddai ! Guardiamo i “ giochini “ l’unico che merita di essere visto è Zerovero , gli altri ......come rimpiango i tempi del Bigio e di Marco Blaser !
Dani Luconi 9 mesi fa su fb
Riparliamo di cosa ? Del fatto che 17 canali radio e 7 canali tv per 8 milioni di persone sono un’esagerazione coperta dal mantello (e dalla “scusa”) servizio pubblico ? Di questo si parla e malgrado molto abbiano votato no per una buona parte di quest’ultimi qualcosa va cambiato e ridimensionato.
Umberto Federico 9 mesi fa su fb
Bruna mai e poi mai si potrà accontentare tutti. Facciamocene una ragione! L’offerta è varia proprio per quello. Sicuramente trovo 100 persone che la pensano come te, ma anche altrettante che la pensano diversamente.
Bruna Bralla 9 mesi fa su fb
Umberto Federico bene e allora visto che non si possono accontentare tutti perché vi state accanendo a scontentarne sempre di più ?
Dani Luconi 9 mesi fa su fb
Già perché al Ticino servono tre reti radio come rete uno/due/tre per variare le proposte musicali ovviamente pagate tutte e tre dalla popolazione ? 3 reti radio in un cantone come il nostro con un diversificazione del genere e del tipo di radio vanno ben oltre quello che dovrebbe essere un servizio pubblico. Sarebbe ora di mettersi al tavolo e discutere cosa voglia dire servizio pubblico nel 2018 perché qui si va ben oltre
Umberto Federico 9 mesi fa su fb
L’informazione non è sempre di qualità: vedi Il Mattino. E la mia non vuole essere arroganza ma è puro realismo. Qualsiasi programma TV, come qualsiasi altro prodotto, ha chi lo apprezza e chi lo disprezza. Sperare di creare qualcosa che piaccia a tutti è pura utopia. Si possono realizzare diversi prodotti, con la speranza di accontentare più gente possibile, quello sì può fare. Ma ahimè, non è gratis.
Bruna Bralla 9 mesi fa su fb
Umberto Federico ah , perché uno va in rete a cercare l’informazione fornita dal Mattino ? Oddio abbi pietà 😂😂😂
Umberto Federico 9 mesi fa su fb
Dani Luconi ma lo sai che le 3 reti radio della Svizzera italiana e i due canali TV sono un regalo che ci arriva dalla Svizzera interna? Col nostro misero contributo ticinese al canone finanziamo 1/5 dell’offerta che abbiamo. Per finanziarla completamente dovremmo pagare 2’000 franchi di canone. Non mi lamenterei del fatto che abbiamo un’offerta ricca, visto che non siamo noi a pagarla ma è il resto della Svizzera che lo fa per noi in nome della coesione nazionale. Concetto che molta gente non sa nemmeno che cosa sia...
Dani Luconi 9 mesi fa su fb
Ma cosa c’entra se è un regalo o no ? Non dovrebbero esistere regali nel servizio pubblico, come non dovrebbero esistere 7 canali tv e 17 canali radio. Non si parla di RSI, si parla di SRG. Si spende troppo e si diversifica troppo uscendo per bene da quello che un servizio pubblico dovrebbe essere. Invece qui si fa entertainment come qualsiasi azienda privata e questo è sbagliato
Lucrezia Novelli 9 mesi fa su fb
Danilo De Ponti esatto, come del resto i medicinali. Io oggi ho mandato una mia amica a prendermi l'antibiotico in Italia, non esiste pagarlo qui 90chf quando in Italia costa 7.50 euro!!!
Lucrezia Novelli 9 mesi fa su fb
Umberto Federico negli altri paesi europei il canone è intorno ai 90 euro e il servizio non è paragonabile a quello della RSI
Walter Ghidini 9 mesi fa su fb
17 stazioni radio e 7 canali televisivi dedicati al “servizio pubblico” non sono troppi... ma la gente che ha risposto vive incollata allo schermo da mattina a sera?
Elena Melone 9 mesi fa su fb
Prima di domenica scorsa erano tutti per il si. Tutti a scrivere che non volevano più la Billag e poi oltre il 70% vota no? I sondaggi sono inutili perchè la gente interrogata non è sincera
Sonia Macchi 9 mesi fa su fb
Oppure molto più semplicemente quelli del si sono stati molto più attivi sui social
Nadine Ferrari 9 mesi fa su fb
Scusa, dove avresti letto che "erano tutti per il sì"? Hanno pubblicato più di un sondaggio in merito e si sono rivelati piuttosto azzeccati... O forse credi che i commenti martellanti degli hater su Facebook siano un punto di riferimento valido? ;)
Andrea Weber 9 mesi fa su fb
Erano tutti per il si? Dove? Nei post contro la ssr dove si dicevano bugie come quella del canone più alto d'Europa (che è in Finlandia e non in Svizzera)?
Manuela Decarli 9 mesi fa su fb
io la vorrei anche gratis, la votazione non mirava a questo ma a togliere il servizio pubblico, suvvia ne abbiamo parlato per mesi
Frankeat 9 mesi fa su tio
Dai, adesso dateci un taglio per un po', anche con i sondaggi. Sta storia ha veramente rotto le scatole.
Verena Tengattini 9 mesi fa su fb
La cosa che fa più ridere è che il 200 fr nn l anno accettata o tutto o niente e ieri x quelli che temevano dei posti di lavoro lo annunciavano che ci saranno tagli alla fine chi ha votato no x paura di ciò si renda responsabile comunque ....e num a pagum !!!
Nadine Ferrari 9 mesi fa su fb
Ehm...... Eh? 🤪
Evry 9 mesi fa su tio
Questo sarebbe un ottimo segnale .. almeno uno dei 5 punti propagandati dei sostenitori del No a No-Billag . Vedremo quante promesse manterranno ... affaire a suivre..
Carlo Friolo 9 mesi fa su fb
Tanto fanno sempre qullo che vogliono loro sene fregano dei cittadini noi siamo solo bravi a pagare questa e la realta
Nadine Ferrari 9 mesi fa su fb
Sai che strano... Un po' come chiedere "È a favore di un dimezzamento delle imposte?" o "Ti va di pranzare al Principe Leopoldo? Offro io." 😏
Alex Spagna 9 mesi fa su fb
200 fr è giusto
Umberto Federico 9 mesi fa su fb
È giusto perché lo dici tu?
Sandro Zala 9 mesi fa su fb
Cifra onesta, più o meno come i canoni nel resto d'Europa
Nadine Ferrari 9 mesi fa su fb
Certo, se non fossimo un microcosmo quadrilingue...
Lucrezia Novelli 9 mesi fa su fb
Sandro Zala i canoni nel resto d'Europa sono sui 100 chf ma quello che offrono è tutt'altra cosa
Alex Rigatoni 9 mesi fa su fb
Dai 200 per mantenere un servizio pubblico ci stanno dai.
Igor Gutschen 9 mesi fa su fb
Umberto Federico perché lo diciamo noi e fintanto che RSI non sarà in grado si sfornare personaggi di risonanza internazionale o per lo meno nazionale, non sarà in grado di realizzare dei formats da vendere all'estero...ma fintanto che i dipendenti si comportano come figli viziati, ci sarà poco impegno e professionalità
Lucilla Ferrara 9 mesi fa su fb
Mah, i sondaggi, lo abbiamo visto, valgono assai poco...
Nadine Ferrari 9 mesi fa su fb
Dipende da come vengono eseguiti... Ma quelli riguardanti No Billag ci hanno azzeccato parecchio...
Potrebbe interessarti anche
Tags
cittadini
iniziativa
sondaggio
no
ssr
canone
no billag
tamedia
billag
udc
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-16 08:09:07 | 91.208.130.87