Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
1 ora
Il bagno notturno nella Glatt finisce in tragedia
Un 48enne è deceduto dopo aver tentato di soccorrere un altro natante sorpreso dalle correnti
SVIZZERA
1 ora
In Svizzera 152 nuovi contagi
In calo rispetto a ieri i nuovi positivi, ma il Covid continua a diffondersi
SVIZZERA
2 ore
Exit non assisterà più gli svizzeri residenti all'estero
Lo ha confermato la stessa organizzazione in una lettera ai suoi soci, le motivazioni sono di carattere pratico
BERNA
3 ore
Schianto dello Ju-52: Berna vuole vederci chiaro
L'autorità per l'aviazione olandese è stata incaricata d'indagare sull'incidente e su eventuali manchevolezze dell'UFAC.
GRIGIONI
3 ore
A 143 km/h sugli 80, e dice ciao alla sua Mini (e alla patente)
Un sabato di controlli di velocità in Val Müstair con diversi “flash” e ben 9 patenti ritirate
SVIZZERA
3 ore
«Il riscaldamento climatico sta bruciando le nostre Alpi»
Fra ghiacciai in fusione, siccità e frane l'allarme dell'Iniziativa delle Alpi: «Non si può più tergiversare»
SVIZZERA
4 ore
«La pandemia ha logorato i nervi degli svizzeri»
Che sono più stanchi e facili alla rabbia (anche sui social), ne è convinto Alain Berset: «Anche per noi è difficile»
SVIZZERA
5 ore
Hai cibo in valigia? Potresti rischiare una multa
Per importare vegetali, frutta, verdura, fiori recisi, sementi e altri prodotti freschi serve un certificato.
FRIBURGO
15 ore
Tre feriti in uno scontro frontale
Il conducente ha perso il controllo del veicolo, trovandosi di fronte l'auto che procedeva in senso contrario
AIROLO
19 ore
«Non ci toglierete il nostro hobby»
Ecco perché oggi 250 motociclisti hanno "occupato" il passo del Gottardo
BIENNE
19 ore
Un misterioso pestaggio
Un uomo è stato ritrovato ferito alla testa alla stazione di Bienne
ZURIGO
04.03.2018 - 18:010
Aggiornamento : 21:33

Corine Mauch rimane sindaco

Le elezioni cittadine vedono i Verdi conquistare un secondo mandato ai danni del PS e i Verdi-liberali che strappano una poltrona al PPD

ZURIGO - La socialista Corine Mauch rimane sindaca di Zurigo, mentre UDC e PLR falliscono nel tentativo di scalfire la maggioranza rosso-verde in Municipio. Le elezioni cittadine vedono i Verdi conquistare un secondo mandato ai danni del PS e i Verdi-liberali che strappano una poltrona al PPD.

In base ai risultati di tutti i circoli elettorali, l'UDC, esclusa dal 1990 dalla stanza dei bottoni, rimane ancora una volta a guardare.

Con 6 poltrone su 9 (3 PS, 2 Verdi, 1 Lista alternativa), la maggioranza rosso-verde all'interno dell'esecutivo cittadino rimane invariata. Sull'altro lato dello scacchiere politico, il PLR riconferma i suoi 2 seggi, mentre la poltrona del PPD passa ai Verdi-liberali.

Dopo l'abbandono a sorpresa, a meno di un mese dall'appuntamento elettorale, della municipale socialista uscente Claudia Nielsen (sanità), il PS perde come previsto il suo quarto seggio. I Verdi riconquistano però comodamente il secondo seggio andato quattro anni fa al PLR.

Nell'ordine vengono riconfermati Corine Mauch (63'139 schede), davanti ad altri tre uscenti: il Verde Daniel Leupi (finanze, 59'082 schede), e i due socialisti André Odermatt (costruzioni, 57'969 schede) e Raphael Golta (opere sociali, 56'572 schede).

Al quinto posto si piazza la capogruppo dei Verdi in consiglio comunale Karin Sutter Rykart (49'285 schede) che supera due municipali uscenti: il rappresentante della Lista alternativa (AL) Richard Wolff (polizia, 48'311) e il PLR Filippo Leutenegger (opere pubbliche, 44'358 schede).

L'ex giornalista ed ex consigliere nazionale fallisce per la seconda volta anche nel tentativo di conquistare la poltrona di sindaco: nello scontro diretto, la sindaca uscente Corine Mauch ottiene quasi il doppio dei voti di Leutenegger.

All'ottavo e nono posto si registrano le "new entry" del gran consigliere Verde-liberale Andreas Hauri (36'058 schede) e del consigliere comunale PLR Michael Baumer (33'033 schede).

Baumer supera di un migliaio di schede la maggioranza assoluta richiesta e riesce così a riconfermare il secondo seggio liberale-radicale appartenuto al responsabile uscente delle aziende municipalizzate Andres Türler, che non si è ricandidato. Il candidato Verde-liberale "eredita" invece la poltrona del PPD Gerold Lauber (scuola e sport), che aveva pure da tempo annunciato la sua non ricandidatura.

Soltanto decimo, e quindi scartato, si è piazzato il consigliere comunale PPD Markus Hungerbühler (26'900 schede): un candidato atipico per il partito, se si considera che è il padre omosessuale di una bimba nata da una madre surrogata. Fuori dai giochi anche i due candidati considerati moderati lanciati dall'UDC: la direttrice di un ufficio di Economiesuisse Susanne Brunner (23'683 schede) e l'ex presidente del consiglio comunale Roger Bartholdi (22'673 schede).

Consiglio comunale - La sinistra disporrà della maggioranza assoluta nel Consiglio comunale di Zurigo: PS, Verdi e Lista alternativa (AL) assieme occuperanno 69 seggi su 125, sette in più che nella passata legislatura. Il PPD non sarà più rappresentato nel legislativo cittadino. L'UDC è la perdente della consultazione: meno sei poltrone, a quota 17.

Nelle odierne elezioni per la legislatura 2018-2022 i democristiani non hanno raggiunto la soglia del 5% in nessuno dei nove circoli elettorali. Nella legislatura conclusa il PPD occupava sei delle 125 poltrone del legislativo. Nelle elezioni del 1994 e del 2006 aveva ottenuto addirittura dieci seggi.

Grazie alla congiunzione con il Partito borghese democratico (PBD), il Partito evangelico (PEV), finora assente dal parlamento comunale, supera invece lo sbarramento del 5% e occuperà quattro seggi. La partecipazione ha raggiunto il 43,9%.

In seguito al consistente calo odierno, l'UDC è diventato il terzo gruppo, cedendo il secondo posto al PLR (21 seggi, immutato). Il gruppo più consistente è quello del PS, con 43 seggi (+4).

Questa la composizione del futuro legislativo: 43 PS (+4), 21 PLR (immutato), 17 UDC (-6), 16 Verdi (+2), 14 Verdi liberali (+1), 10 AL (+1) e 4 PEV (+4).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-09 13:54:45 | 91.208.130.85