Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
11 ore
Accordo quadro, strada in discesa grazie alle urne?
L'esito del voto di ieri ha escluso dal parlamento diverse voci critiche nei confronti dell'intesa con Bruxelles
SVIZZERA
11 ore
Quando i manifesti vengono vandalizzati dalle mucche
Da stanotte i cartelloni dei politici hanno cominciato a sparire per lasciare il posto ad altri prodotti. I danneggiamenti hanno interessato tutti i partiti
GRIGIONI
11 ore
Aggrediti alla festa della birra, feriti gravemente due ragazzi
Finita la festa uno dei due ventenni ha chiesto ad altre persone presenti in un piazzale una sigaretta, gesto che ha apparentemente portato alla colluttazione
BERNA
12 ore
Capitale blindata per la partita con il Feyenoord
La polizia cantonale bernese ha organizzato imponenti misure di sicurezza in vista dell'impegno di Europa League di giovedì dello Young Boys
SVIZZERA
13 ore
Boom di morbillo, oltre 200 casi nel 2019
La cifra riguarda il periodo fra gennaio e fine settembre. Lo scorso anno i casi furono 34
BERNA
13 ore
VIP non eletti, ecco chi sono
È una sorte toccata a tanti candidati delle elezioni federali
GIURA
13 ore
Scoperti due cadaveri in un appartamento
I due corpi senza vita sono stati trovati a Haute-Sorne
BERNA
13 ore
Sommaruga in India: si parla di energia e trasporti
La consigliera federale oggi ha incontrato i ministri dell'energia, dell'aviazione civile e delle ferrovie
SVIZZERA
15 ore
L'islamista vodese resta dietro le sbarre
Il Tribunale penale federale ha confermato il prolungamento della detenzione preventiva
SVIZZERA
15 ore
Gli elettori UDC non sopportano Greta Thunberg
Nelle elezioni federali i Verdi hanno potuto contare sulle donne e sui giovani. Ecco i risultati dell’ultimo sondaggio Tamedia
VAUD
15 ore
Agguato, stupro e rapina: dovrà scontare 9 anni
Il Tribunale federale ha confermato la condanna inflitta a un 20enne algerino. L'uomo agì in compagnia di un suo connazionale
SVIZZERA
16 ore
In Svizzera le start-up vanno forte: siamo i quinti al mondo
Per quanto riguarda gli investimenti si parla di quasi 600 milioni di euro nel primo semestre, con un aumento sostanziale rispetto al 2018
BASILEA CITTÀ
16 ore
Buttafuori pugnalato da un cliente
L'uomo si trova in ospedale in gravi condizioni. L'autore dell'aggressione è in fuga
SVIZZERA
16 ore
BNS, averi in vista in aumento di 0,2 miliardi
Nella settimana in rassegna gli averi in conti giro delle banche svizzere presso la BNS hanno superato i 482,6 miliardi di franchi, mentre gli averi a vista si sono attestati a 109,7 miliardi
SVIZZERA
16 ore
Per patrimonio pro capite gli svizzeri restano i più ricchi al mondo
Lo conferma l'annuale Global Wealth Report di Credit Suisse secondo il quale in media "valiamo" più di mezzo milione di franchi
BERNA
02.03.2018 - 14:010
Aggiornamento : 15:02

Più protezione per le prostitute nella revisione della Legge sugli stranieri

Potranno ottenere un permesso di soggiorno temporaneo e, a certe condizioni, anche l'aiuto al ritorno, sebbene la loro attività sia esercitata in maniera illegale

BERNA - In seguito all'abolizione dello statuto di artista di cabaret, il Consiglio federale prevede di rafforzare la protezione delle vittime di violenze durante l'esercizio della prostituzione. Estende inoltre l'aiuto al ritorno in Patria anche alle persone ammesse provvisoriamente in Svizzera che non hanno presentato una domanda d'asilo. È quanto emerge dal messaggio concernente la revisione della legge federale sugli stranieri (Lstr) licenziato oggi dal governo.

Per quanto riguarda la tutela delle prostitute, esse potranno ottenere un permesso di soggiorno temporaneo e, a certe condizioni, anche l'aiuto al ritorno, sebbene la loro attività sia esercitata in maniera illegale.

Un'altra importante modifica concerne gli stranieri ammessi provvisoriamente in Svizzera, ma che non hanno inoltrato una domanda d'asilo. Essi dovrebbero beneficiare dell'aiuto al ritorno. Si tratta di incitare tali persone, cui l'ammissione provvisoria è stata revocata, a lasciare volontariamente il Paese.

Inversione dell'onere della prova

Tra le disposizioni proposte v'è anche l'inversione dell'onere della prova: la legge parte dal principio che i rifugiati che si recano nel proprio Stato d'origine e di provenienza domandano volontariamente la protezione di tale Stato. In questo caso, sarà immediatamente avviata una procedura di revoca della qualità di rifugiato.

La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) non potrà invece pronunciare un'interdizione a un rifugiato di recarsi in altri Stati, per esempio in Paesi limitrofi o di transito, anche se si è in presenza di un sospetto fondato che egli intenda eludere il divieto recandosi nel suo Paese d'origine o di provenienza. Il Consiglio federale ha abbandonato tale idea dopo le critiche emerse in consultazione.

La misura è stata considerata impraticabile e sproporzionata, poiché impedirebbe a un rifugiato di visitare famigliari che sono fuggiti verso uno Stato limitrofo.

Integrazione

Il governo ha pure rinunciato a un'altra modifica della LStr, ovvero quella di affidare alla SEM la competenza di garantire la qualità delle misure d'integrazione nel settore della formazione. La grande maggioranza dei cantoni vi si è opposta e il Parlamento ha già adottato una disposizione più completa sul tema in dicembre.

La SEM potrà invece utilizzare come mezzo di prova la videosorveglianza all'interno e all'esterno degli edifici da lei gestiti. Potrà pure conservare le registrazioni video e sonore durante quattro mesi, ma potrà trasmetterle unicamente alle autorità penali.

La revisione della legge interessa pure l'obbligo dei datori di lavoro di rimborsare le spese connesse al soggiorno in Svizzera dei loro dipendenti distaccati. Il Consiglio federale potrà tuttavia limitare l'obbligo di assunzione delle spese in caso di un distaccamento di lunga durata.

Accesso a sistemi di informazione

Le modifiche garantiscono inoltre alle autorità comunali di polizia l'accesso diretto al sistema centrale d'informazione visti (C-VIS) e a quello nazionale visti (ORBIS). Introducono peraltro una base legale che consente all'Ufficio federale di polizia (fedpol) e al Servizio per le attività informative della Confederazione (SIC) di accedere ai dati del sistema API (Advance Passenger Information), al fine di meglio lottare contro la criminalità organizzata e il terrorismo internazionale.

È stata invece abolita l'idea di istituire un sistema d'informazione per il rilascio a stranieri di documenti di viaggio svizzeri e permessi di ritorno (ISR). I dati di questo sistema saranno trasferiti nel sistema d'informazione centrale sulla migrazione (SYMIC).

Il messaggio, che tiene conto dell'evoluzione della giurisprudenza e di talune recenti decisioni governative, sarà ora trasmesso al Parlamento.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-22 04:06:37 | 91.208.130.85