Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
SVIZZERA
53 min
Babbo Natale (o Gesù Bambino) più indaffarato che mai
Letterine e disegni, ma anche ciucci e lavoretti. Tra novembre e Natale il numero di invii ha superato per la prima volta quota 30'000
VAUD
54 min
Auto esce di strada e prende fuoco, morto un 21enne
Il giovane stava viaggiando sulla strada cantonale fra La Coudre VD e L'Isle, quando per ragioni non ancora note ha perso il controllo del veicolo
SVIZZERA
1 ora
Accordo di libero scambio per Trump, clima per Sommaruga
La presidente della Confederazione ha detto di voler discutere non solo di economia, ma anche di clima e buoni uffici
SVIZZERA
2 ore
Eccesso di velocità in servizio: «I poliziotti non vanno puniti»
La Commissione dei Trasporti del Consiglio Nazionale ha approvato un'iniziativa parlamentare di Christian Lüscher che chiedeva una valutazione diversa in situazioni d'emergenza
BERNA
2 ore
Il sole di gennaio sconfigge la nebbia
Questo mese è già entrato nella storia del canton Berna: è stato il più soleggiato dall'inizio delle misurazioni, nel 1886
GRIGIONI
2 ore
«La nostra casa è in fiamme. Agite per i vostri figli»
Greta Thunberg ha lanciato l'ennesimo monito sul cambiamento climatico dal palco del WEF
SVIZZERA
3 ore
I migranti vulnerabili non vanno in Italia, Quadri non ci sta
«Il Tribunale amministrativo federale sabota l'accordo di Dublino» secondo il consigliere nazionale leghista
SAN GALLO
3 ore
Carcere, multa e terapia stazionaria per l'ex dipendente dell'asilo
L'uomo è stato riconosciuto colpevole di abusi sessuali e di aver diffuso materiale pedopornografico su internet
FOTO E VIDEO
BERNA
3 ore
Rogo alla Vigilia di Natale: «Difetto tecnico o candela accesa?»
Le cause dell'incendio che a dicembre ha devastato la chiesa di Herzogenbuchsee non sono ancora state chiarite. I danni ammontano a diversi milioni di franchi
BERNA
3 ore
Globus chiude due negozi, persi 85 posti di lavoro
La catena di grandi magazzini, per la quale Migros è alla ricerca di un acquirente, chiuderà due punti vendita nel Canton Berna
BERNA
02.03.2018 - 14:010
Aggiornamento : 15:02

Più protezione per le prostitute nella revisione della Legge sugli stranieri

Potranno ottenere un permesso di soggiorno temporaneo e, a certe condizioni, anche l'aiuto al ritorno, sebbene la loro attività sia esercitata in maniera illegale

BERNA - In seguito all'abolizione dello statuto di artista di cabaret, il Consiglio federale prevede di rafforzare la protezione delle vittime di violenze durante l'esercizio della prostituzione. Estende inoltre l'aiuto al ritorno in Patria anche alle persone ammesse provvisoriamente in Svizzera che non hanno presentato una domanda d'asilo. È quanto emerge dal messaggio concernente la revisione della legge federale sugli stranieri (Lstr) licenziato oggi dal governo.

Per quanto riguarda la tutela delle prostitute, esse potranno ottenere un permesso di soggiorno temporaneo e, a certe condizioni, anche l'aiuto al ritorno, sebbene la loro attività sia esercitata in maniera illegale.

Un'altra importante modifica concerne gli stranieri ammessi provvisoriamente in Svizzera, ma che non hanno inoltrato una domanda d'asilo. Essi dovrebbero beneficiare dell'aiuto al ritorno. Si tratta di incitare tali persone, cui l'ammissione provvisoria è stata revocata, a lasciare volontariamente il Paese.

Inversione dell'onere della prova

Tra le disposizioni proposte v'è anche l'inversione dell'onere della prova: la legge parte dal principio che i rifugiati che si recano nel proprio Stato d'origine e di provenienza domandano volontariamente la protezione di tale Stato. In questo caso, sarà immediatamente avviata una procedura di revoca della qualità di rifugiato.

La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) non potrà invece pronunciare un'interdizione a un rifugiato di recarsi in altri Stati, per esempio in Paesi limitrofi o di transito, anche se si è in presenza di un sospetto fondato che egli intenda eludere il divieto recandosi nel suo Paese d'origine o di provenienza. Il Consiglio federale ha abbandonato tale idea dopo le critiche emerse in consultazione.

La misura è stata considerata impraticabile e sproporzionata, poiché impedirebbe a un rifugiato di visitare famigliari che sono fuggiti verso uno Stato limitrofo.

Integrazione

Il governo ha pure rinunciato a un'altra modifica della LStr, ovvero quella di affidare alla SEM la competenza di garantire la qualità delle misure d'integrazione nel settore della formazione. La grande maggioranza dei cantoni vi si è opposta e il Parlamento ha già adottato una disposizione più completa sul tema in dicembre.

La SEM potrà invece utilizzare come mezzo di prova la videosorveglianza all'interno e all'esterno degli edifici da lei gestiti. Potrà pure conservare le registrazioni video e sonore durante quattro mesi, ma potrà trasmetterle unicamente alle autorità penali.

La revisione della legge interessa pure l'obbligo dei datori di lavoro di rimborsare le spese connesse al soggiorno in Svizzera dei loro dipendenti distaccati. Il Consiglio federale potrà tuttavia limitare l'obbligo di assunzione delle spese in caso di un distaccamento di lunga durata.

Accesso a sistemi di informazione

Le modifiche garantiscono inoltre alle autorità comunali di polizia l'accesso diretto al sistema centrale d'informazione visti (C-VIS) e a quello nazionale visti (ORBIS). Introducono peraltro una base legale che consente all'Ufficio federale di polizia (fedpol) e al Servizio per le attività informative della Confederazione (SIC) di accedere ai dati del sistema API (Advance Passenger Information), al fine di meglio lottare contro la criminalità organizzata e il terrorismo internazionale.

È stata invece abolita l'idea di istituire un sistema d'informazione per il rilascio a stranieri di documenti di viaggio svizzeri e permessi di ritorno (ISR). I dati di questo sistema saranno trasferiti nel sistema d'informazione centrale sulla migrazione (SYMIC).

Il messaggio, che tiene conto dell'evoluzione della giurisprudenza e di talune recenti decisioni governative, sarà ora trasmesso al Parlamento.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-21 18:57:18 | 91.208.130.85