Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
7 min
«Misure anti-coronavirus efficaci»
È il parere della task force scientifica in merito agli approcci cantonali durante l'autunno 2020
BERNA
35 min
Trovato il proprietario dell'acquario
Dovrà rispondere di infrazione alla legge federale sulla protezione degli animali
SVIZZERA
55 min
Niente svendita all'estero degli immobili delle imprese in difficoltà
È l'obiettivo che si propone un'iniziativa della Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale
SVIZZERA
1 ora
In Svizzera altri 2'396 casi di coronavirus
Le autorità sanitarie federali segnalano anche 66 nuovi decessi e 139 ospedalizzazioni
SVIZZERA
1 ora
La BNS vuole assicurarsi il marchio "e-franco"
Si tratta di una possibile versione digitale del franco
VAUD
3 ore
Mascherine trasparenti anche con i bimbi delle elementari
È un modo per consentire ai docenti di mantenere i contatti con gli allievi
SVIZZERA
3 ore
Pilatus può operare in Arabia Saudita e negli Emirati
Lo ha stabilito il TAF accogliendo un ricorso della società di Stans contro una decisione del DFAE
SVIZZERA
4 ore
Meno civilisti, ma più giorni di servizio (a causa della pandemia)
È il bilancio 2020 del servizio civile: sono 5'254 le persone che sono state ammesse
SVIZZERA
4 ore
Altre due destinazioni cargo per Swiss
La compagnia ha attivato i collegamenti con Seul e Lima
SVIZZERA
4 ore
L'aeroporto di Zurigo rimanda gli investimenti
A causa della pandemia diversi progetti sono rinviati di tre-cinque anni
ZURIGO
4 ore
Una città paralizzata
Perché una città così efficiente come Zurigo si trova oggi bloccata dalla neve? 
BERNA
15.02.2018 - 11:400
Aggiornamento : 13:07

Modalità di ritiro della patente da rivedere?

Il Consiglio federale è disposto a prendere in considerazione la revisione della legge per assicurare una procedura equa

BERNA - Le modalità per il ritiro della patente di guida vanno riconsiderate: il Consiglio federale è disposto a rivedere la legge per assicurare che le procedure siano davvero eque, come chiedono 33 dei 46 consiglieri agli Stati.

In una mozione sostenuta da 32 colleghi di tutte le formazioni politiche, che il governo propone di accogliere senza aggiungere commenti, il "senatore" PLR di Appenzello esterno Andrea Caroni sostiene che la revoca della patente a chi non è ritenuto idoneo alla guida costituisce «una grave ingerenza nella libertà personale e per molti perfino un divieto di esercizio della professione». È dunque particolarmente importante una «irreprensibilità giuridica» della procedura.

Sempre secondo Caroni, in fase di accertamento gli strumenti coercitivi vengono inoltre disposti troppo rapidamente e per un periodo troppo lungo. Attualmente - rileva - la polizia può ritirare la licenza senza alcun controllo giudiziario e, soprattutto, per un periodo di tempo illimitato, cosa che fino alla decisione dell'autorità competente ha l'effetto di una revoca. Alla persona interessata non è inoltre comunicata la cancellazione della disposizione dal registro FABER e quindi il momento in cui può tornare a guidare.

La polizia - afferma il consigliere agli Stati - dovrebbe essere tenuta a comunicare il ritiro all'autorità di revoca entro tre giorni, in modo da limitarne la durata complessiva a dieci giorni. La persona interessata dovrebbe inoltre essere informata sulla possibilità di tornare a guidare qualora l'autorità non abbia ordinato la revoca preventiva entro questi dieci giorni. Infine, la persona avente diritto deve avere la possibilità di provare all'autorità, prima della scadenza del termine, che il motivo del ritiro non sussiste più.

Successivamente - continua Caroni - l'autorità competente può disporre una revoca preventiva illimitata. Le autorità dovrebbero invece essere tenute a prorogare un'eventuale revoca provvisoria non solo entro dieci giorni dal ritiro della polizia, ma in seguito anche ogni tre mesi tramite decisione impugnabile.

Caroni critica anche il fatto che i suddetti strumenti coercitivi siano disposti entro poche ore anche in seguito a denunce di privati che rimangono anonimi. Perfino quando la denuncia risulta infondata, al suo autore non vengono addebitate spese e gli viene comunque garantito l'anonimato, impedendo all'interessato qualsiasi possibilità di regresso. Secondo il "senatore" PLR, nei casi di denuncia infondata l'accusato dovrebbe essere sollevato dalle spese procedurali e indennizzato. Nel contempo dovrebbe essere roso noto il nome dell'accusatore, che dovrebbe anche essere «chiamato a rispondere delle conseguenze».

L'autore della mozione chiede infine che gli accertamenti di laboratorio quali analisi del capello o del sangue possano essere effettuati e considerati validi non solo presso un istituto disposto dall'autorità di revoca, ma presso tutti i laboratori riconosciuti.

Il Consiglio federale si era già dichiarato disposto a correggere il dispositivo Via Sicura, sostenuto dal Consiglio degli Stati. La Camera dei Cantoni ha approvato lo scorso dicembre una mozione della sua commissione dei trasporti che proponeva correttivi per i cosiddetti pirati della strada.

Si vuole concedere una maggiore discrezionalità ai giudici nel determinare la gravità delle infrazioni, rinunciare alla pena detentiva di almeno un anno e ridurre la durata minima di revoca della patente. La mozione è stata approvata in gennaio anche dalla commissione omologa del Nazionale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
robyk 2 anni fa su tio
Che via sicura sia una ciofeca lo hanno sempre detto il popolo,politici,magistrati e polizia.Perchè non la cancelliamo subito senza altre perdite di tempo ed ulteriori persone/famiglie rovinate ?
F.Netri 2 anni fa su tio
@robyk E perché non facciamo pagare anche tutti i danni provocati dai fanatici dello "Slow Down"?
Mattiatr 2 anni fa su tio
@robyk Mi stavo divertendo a leggere un paio di frasi su via sicura trovate sul sito del TCS. ''L’età minima per guidare una bicicletta sulle strade pubbliche sarà in generale di 6 anni.'' Ma siamo seri?

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-15 16:11:40 | 91.208.130.85