Keystone
SVIZZERA
26.01.2018 - 18:320

L’UDC si schiera contro il canone radio-televisivo

Riunitosi stasera, il comitato raccomanda di votare sì a “No BIllag” e al nuovo regime finanziario 2021

GINEVRA - Riunito stasera a Ginevra, il comitato dell'UDC ha detto "sì" all'iniziativa "No Billag" e al nuovo regime finanziario 2021. Trasmetterà le sue raccomandazioni ai delegati domani nel corso dell'assemblea del partito.

Il comitato si è pronunciato - con 23 voti contro 3 e 1 astenuto - in favore dell'iniziativa "Sì all'abolizione del canone radiotelevisivo". Ritiene che la libertà di stampa sia garantita in Svizzera. Inoltre, la SSR è oggi troppo grande e troppo cara, scrive il partito in una nota.

Il comitato si è anche espresso - con 23 voti contro 4 - a favore del nuovo regime finanziario. Precisa tuttavia che a medio termine occorrerebbe rilanciare il dibattito sulle competenze della Confederazione in materia fiscale: l'imposta diretta dovrebbe essere di competenza dei cantoni, mentre la Confederazione si dovrebbe accontentare dell'imposizione indiretta, quale l'IVA, secondo l'UDC.

Commenti
 
Minchius Maximus 1 anno fa su tio
Che la forza sia con noi!!!
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-02-23 12:37:58 | 91.208.130.86