Keystone
GRIGIONI
24.01.2018 - 21:310

Merkel contro Trump, «non ha imparato nulla dalla storia»

«Il protezionismo non è la risposta, dobbiamo cercare risposte multilaterali, l'isolamento non aiuta» ha dichiarato la cancelliera. Ma Davos si trova ad affrontare anche problemi non solo politici

DAVOS - A Davos (GR), nel santuario della globalizzazione, si fa acceso il confronto fra l'amministrazione Trump e l'Europa sull'"America First", la promessa con cui il presidente Usa ha vinto le elezioni e che ora intende realizzare con una svolta protezionistica.

Con Wilbur Ross, segretario al Commercio, che evoca le «truppe statunitensi» per descrivere la difesa dei propri interessi intrapresa da Washington, e la cancelliera Angela Merkel che ribatte accusando il tycoon di non aver imparato nulla dalle «lezioni della storia».

Le parole di Ross, capofila di una folta rappresentanza commerciale statunitense (c'è anche il Trade Representative Bob Lighthizer), suonano come un assaggio dei toni che Donald Trump userà nel suo discorso proprio al Forum economico mondiale, dove è atteso venerdì. Con i dazi appena annunciati su prodotti come i pannelli solari, dove la Cina la fa da padrona, finalmente «le truppe statunitensi sono scese ai rinforzi». È l'affermazione di una politica aggressiva di difesa delle aziende americane - al pari della forte riduzione della tassa sugli utili - e la promessa che siamo solo agli inizi. «Avete visto le misure prese ieri e quelle che le hanno precedute. Arriverà dell'altro», su proprietà intellettuale, acciaio e alluminio.

Affondato il trattato di libero scambio Asia-Pacifico (ieri concluso senza gli Usa) e messo nel congelatore quello Atlantico con l'Europa, ora «c'è una buona probabilità» di rinegoziare anche il Nafta in termini più favorevoli agli Usa, spiega il finanziere Usa. Per molti, a Davos, è uno schiaffo ai principi della cooperazione, della governance multilaterale dei trattati, della stessa sussistenza di istituzioni come l'Organizzazione mondiale del Commercio. Ecco dunque che l'Europa (che vanta un surplus commerciale di oltre 120 miliardi verso gli Usa dovuto essenzialmente alla Germania) tenta di dare una risposta unitaria a difesa dei propri interessi, tanto da far dire a molti, fra le nevi grigionesi, che «L'Europa è tornata».

«Oggi, 100 anni dopo la catastrofe della Grande Guerra, dobbiamo chiederci se abbiamo davvero imparato la lezione della storia, e a me pare di no. L'unica risposta è la cooperazione e il multilateralismo». Il riferimento è alla polarizzazione del contesto politico, ma anche alle guerre commerciali. «Il protezionismo non è la risposta, dobbiamo cercare risposte multilaterali, l'isolamento non aiuta».

Spalleggiata nel 2017 dal presidente cinese Xi Jinping a difesa del libero scambio, la cancelliera tedesca reduce da un'estenuante trattativa post-voto per restare in sella in Germania ha dalla sua a Davos l'India di Narendra Modi e il Canada di Justin Trudeau. Ma più che in passato la cancelliera, forte dell'elezione "incoraggiante" di Emmanuel Macron in Francia e del ritrovato asse franco-tedesco, chiede un'Europa che parli con una voce sola, che si sappia dare una difesa comune e una strategia unitaria sui temi del futuro come il digitale, la cybersecurity e il "Big Data", dove le aziende Usa spadroneggiano.

Il presidente francese, che secondo la Cnn Trump inviterà alla Casa Bianca incontrandolo proprio a Davos, è più cauto sul fronte del commercio. In fondo il surplus dell'Ue verso gli Usa è molto poco francese, con la sola Germania che vanta un avanzo di 58 miliardi. Ma chiede di rispondere alla crisi della globalizzazione e della governance globale con il multilateralismo, altro tema caro alla cancelliera, e non con «nuove egemonie». Propone un'Europa «più forte e più ambiziosa» e lancia una guida francese nella lotta a quel cambiamento climatico di cui Trump è invece un convinto negazionista.

Il premier italiano Paolo Gentiloni mette poi in guardia dai frutti avvelenati di una guerra commerciale, facendo un riferimento esplicito a Trump: «Potrei dire anch'io Italy First, perché no?». Invece «dobbiamo stare molto attenti a una rincorsa verso posizioni protezionistiche» che alla fine «taglierebbero il ramo» su cui poggia la crescita e creerebbero «enormi problemi economici». Prove tecniche di un'Europa a voce unitaria, che Trump venerdì, forte del vantaggio di poter dire l'ultima parola a Davos, cercherà probabilmente di ignorare.

Traffico, neve, camion e limousine - Molta più neve, molti più camion e limousine rispetto alle edizioni precedenti: questa è la situazione che si vive a Davos (GR) dall'inizio del Forum economico mondiale (WEF). Per far fronte ai disagi al traffico, il comune grigionese ha preso i primi provvedimenti.

La situazione è diventata "insopportabile", hanno scritto oggi le autorità comunali. La popolazione e gli ospiti hanno dovuto armarsi di pazienza per raggiungere Davos. Gli autobus sono rimasti bloccati nel centro della località grigionese e non hanno potuto servire le zone più discoste.

A causa delle forti nevicate degli ultimi giorni e della lentezza dei lavori di sgombero, importanti quantità di neve si sono accumulate sulle strade e sui parcheggi provocando un sovrappiù di di traffico, in particolare di limousine alla ricerca di un posteggio.

In questo contesto, il comune di Davos e la polizia cantonale grigionese hanno preso i primi provvedimenti per smorzare la crisi: un'accresciuta presenza di forze dell'ordine nei punti nevralgici della località, al fine di deviare il traffico. Sono inoltre previsti migliori collegamenti via autobus.

Dopo il WEF, Davos analizzerà pure i motivi dell'aumento del numero di camion. Il comune esaminerà se occorra limitare il numero di limousine private o aumentare il numero di posteggi. Per le future edizioni, non tollererà più le code verificatesi quest'anno sugli assi principale, si legge nella nota.

Il traffico ha pure un influsso sulla qualità dell'aria. Oggi i tassi di particelle fini e di diossido d'azoto nell'aria oltrepassavano la soglia massima tollerata, stando all'ufficio della natura e dell'ambiente.

Interrogato dall'ats, tale ufficio ha precisato che il problema è imputabile a diversi motivi: traffico, riscaldamenti, ma anche le condizioni meteorologiche. A causa della mancanza di vento, le sostanze inquinanti restano infatti bloccate al suolo.
 
 


 

Commenti
 
GIGETTO 9 mesi fa su tio
Grande Donald Trump! Benvenuto in CH ma soprattutto abbasso la culona germanica....
Evry 9 mesi fa su tio
Da che pulpito, ma i germanici cosa hanno imparato dal 1945 in poi ? La Merkel farebbe bene occuparsi dei suoi problemi e quelli dell'UE che a tutt oggi l'Europa è l'unica Unione senza una Costituzione ! Si barca e mena in una Iperamministrazione buroctazica secondo i propri desiderti ed interessi ! Viva la SVIZZERA indipendente!
shooter01 9 mesi fa su tio
la storia.... del tuo mentore Adolfo ?
moma 9 mesi fa su tio
Errore tutto globalizzato come errore tutto protezionismo. Come al solito la via di mezzo è e sempre sarà la migliore. D'altronde se siamo a questo punto ci sarà un perché. L'Angela sta facendo anche lei marcia indietro nella sua politica interna, per forza.
Bleniese 9 mesi fa su tio
Ma Gentiloni ci è o ci fa?? Italy first? Che lo faccia per davvero e ripulisca l'Italia da tutta quella feccia che ha accolto da ogni dove e crei lavoro e dignità per i propri connazionali e la Merkel si ricordi che la più grande tragedia della nostra storia e nata in Germania, (il paese di quel buffone che voleva inviare la cavalleria in Svizzera) e che, grazie alle sue sconfinate accoglienze, ancora sotto sotto stà covando! Naturalmente anche l'abbondante nevicata sarà da imputare a Trump. Lui comunque sta difendendo la sua Nazione e mette gli americani al primo posto non come quella banda di calamutande di Berna!
Wunder-Baum 9 mesi fa su tio
Certo, detto poi dai tedeschi, fa proprio un gran peso !
Moga 9 mesi fa su tio
Ah già che i tedeschi hanno imparato tutto dalla storia: è la terza volta che rovinano l'Europa in un secolo!
lo spiaggiato 9 mesi fa su tio
Forza Trump!...
Potrebbe interessarti anche
Tags
usa
trump
europa
davos
traffico
cancelliera
difesa
limousine
storia
risposta
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-11-12 19:36:03 | 91.208.130.86