Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Il telelavoro rende obsoleto l'abbonamento per i mezzi pubblici
Per molti impiegati il rientro in ufficio sarà parziale. Varrà ancora la pena acquistare un titolo mensile o annuale?
SVIZZERA
6 ore
I giovani non si vaccinano: «È colpa dell'Ufficio federale della sanità»
Critiche piovono all'indirizzo dell'UFSP da parte di alcuni esperti: «La comunicazione versi i giovani va migliorata»
SAN GALLO
9 ore
58enne muore investita da un rimorchio agricolo
Un drammatico e sfortunato incidente ha avuto luogo a Rorschach
SVIZZERA
10 ore
Quasi 3000 casi di effetti indesiderati a causa del vaccino
Si tratta essenzialmente di casi definiti "non seri". Le persone colpite superavano i 60 anni.
FRIBURGO
12 ore
Protesta contro il Black Friday, attivisti condannati
I fatti risalgono al 29 novembre 2020. Gli avvocati intendono fare ricorso
SVIZZERA
12 ore
La Svizzera punta ancora di più sull'energia rinnovabile
Il Consiglio federale adotta il messaggio sulla legge federale per un approvvigionamento elettrico sicuro
SVIZZERA
12 ore
In Svizzera sempre meno contagi: 173 nelle ultime ventiquattro ore
Sono stati effettuati 26'573 test Covid, con un tasso di positività dello 0,7%
SVIZZERA
14 ore
Indennità per altri sei mesi
Il Consiglio federale ha deciso di prorogare fino al 31 dicembre il diritto all'Ipg
SVIZZERA
14 ore
«La Svizzera è il paese più ipocrita del mondo»
L'artista Ai Weiwei è il più noto tra gli oppositori di Pechino. Lo abbiamo intervistato
BERNA
14 ore
Circa 4000 firme contro la privatizzazione dei servizi di pulizia delle FFS
La petizione è stata sostenuta in modo particolare in Ticino
SVIZZERA
15 ore
Meno incidenti a causa del coronavirus: la Suva abbassa i premi 2022
Lo scorso anno sono stati notificati 431'827 infortuni e malattie professionali, in calo del 10% rispetto al 2019
ZURIGO
15 ore
Il consigliere di Stato lascia il Ps: «Troppo di sinistra»
Troppi contrasti tra Mario Fehr e la direzione del partito a Zurigo
BERNA
12.01.2018 - 06:310
Aggiornamento : 12:42

Verso le elezioni federali 2019: Udc e Verdi liberali in crescita, il Ppd precipita

A poco meno di due anni dal voto, per tre partiti il trend si presenta chiaro, rivela il sondaggio di Tamedia

BERNA - Chi avrebbe vinto se le elezioni federali avessero avuto luogo il weekend scorso? E chi avrebbe invece dovuto a spiegare il perché di un’amara sconfitta?

A queste domande risponde il primo sondaggio elettorale di Tamedia, cui hanno preso parte 20mila persone e che scatta una fotografia dello stato di forma dei partiti a metà legislatura. Grandi rivoluzioni - come quella che in Francia ha visto Emmanuel Macron ottenere la maggioranza assoluta all’Assemblea Nazionale con il suo movimento “En Marche !” - non c’è da aspettarsele nel sistema svizzero. Per tre partiti, però, si delinea un chiaro trend.

Ppd sotto il 10% - Nel Ppd, il nuovo presidente Gerhard Pfister non è ancora riuscito a invertire la spirale negativa in cui il partito si trova: nel sondaggio i democristiani scendono infatti sotto la soglia del 10% e si assestano un 9,1%. Una flessione del 2,5% rispetto alla consultazione del 2015.

Verdi liberali "vincitori" - A raccogliere i consensi persi e rivelarsi il grande vincitore di questo “mid-term” è un altro partito di centro: i Verdi liberali. Rispetto alle elezioni del 2015 la formazione ha infatti guadagnato l’1,5% dei consensi raggiungendo il 6,1%. Alle ultime elezioni federali, i Verdi liberali avevano perso lo 0,8% e quasi la metà dei seggi al Nazionale.

Inarrestabile UDC - Dopo la sua vittoria elettorale di due anni fa, l’UDC continua a crescere: il partito guadagna infatti un altro 1,4%, conquistando attualmente il 30,8% degli elettori. Rimangono invece sul posto PLR, PS, PBD e Verdi, che non registrano cambiamenti significativi nel proprio elettorato.

«Stimoli, non divieti» - Il presidente dei Verdi liberali, Jürg Grossen, si dice soddisfatto del risultato intermedio: «Mi fa piacere constatare che si sta andando nella direzione giusta. Molti giovani si identificano con i valori dei verdi liberali». Secondo Grossen la tendenza si spiega con il fatto che i temi ambientali sono ancora all’ordine del giorno, nonostante di questi tempi gli Stati Uniti vogliano rinunciare agli accordi sul clima. «A differenza dei verdi della sinistra, noi cerchiamo di risolvere i problemi fornendo degli stimoli. Non proponendo anti-economici divieti. E nelle questioni sociali, siamo una forza progressiva: questo ci distingue dal PPD».

«Solo un'istantanea, ci basta confermarci» - Frena l'entusiasmo però il presidente dell'Udc Albert Rösti: «Il sondaggio è solo un'istantanea. Se riusciremo a bissare il successo del 2015 per noi sarà già un grande successo». Questo non significa che una crescita non sia possibile e, soprattutto, benvoluta: «È il desiderio di ogni presidente di partito», continua Rösti, «se ci confermiamo in Svizzera tedesca e miglioriamo in Svizzera orientale, direi che si può anche fare».

Le tensioni con l'Ue aiutano - Secondo lui questo aumento di consensi è figlio dei conflitti più o meno aperti con Bruxelles: «Noi abbiamo affrontato la questione europea a fronte unito e senza mai scendere a compromessi. In questo senso la visita di Juncker, con tutto quello che ne è derivato per la Svizzera, ha probabilmente aperto gli occhi a diversi su come l'Ue considera la Svizzera...».

«In Ticino la Lega frena l'Udc» - Dell'influsso positivo per l'Udc delle tensioni con l'Europa è convinto anche il politologo dell'Università di Lucerna Nenad Stojanovic che però non crede che il partito possa davvero crescere così tanto: «In Romandia e in Ticino i partiti di destra - come Mcg e Lega - stanno rallentando la crescita dell'Udc. Inoltre Guy Parmelin sta un po' deludendo e, diversamente da quanto in molti si aspettavano, non sta facendo da traino i consensi fra i francofoni»

Sono 20'422 le persone provenienti da tutta la Svizzera che il 4 e il 5 gennaio scorsi hanno preso parte al sondaggio elettorale Tamedia. Un sondaggio condotto in collaborazione con la LeeWas GmbH dei politologi Lucas Leemann e Fabio Wasserfallen. I dati sono stati ponderati sulla base di variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore è di 1,2 punti percentuali. Più info su tamedia.ch/sondage


 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
aquila bianca 3 anni fa su tio
Alle prossime elezioni voterò per Alì Babà, almeno sono sicura che i Ladroni saranno solo 40... ;o)

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-19 02:18:50 | 91.208.130.89