Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Un po' di neve che fa sorridere i ghiacciai
La perturbazione delle scorse ore ha fatto scendere il limite delle nevicate nelle Alpi
BERNA
8 ore
Errore sui luoghi di contagio, ora c’è chi vuole vederci chiaro
La politica si fa domande. Il PLR: «Come è stato possibile?». Parla l'ex medico cantonale di Berna: «Uno sbaglio grave»
SVIZZERA
12 ore
«Le accuse contro Infantino sono infondate»
È quanto ha ribadito oggi la FIFA, che non esclude il complotto
ZURIGO
13 ore
Atto di inciviltà: lancia un petardo nel tram per il primo di agosto
Dopo pochi secondi l’esplosione. Il video è stato pubblicato su Instagram.
VALLESE
14 ore
Il sindaco accusato di molestie rinuncia alla candidatura sulla lista PPD
A poche settimane dalle elezioni, nel comune di Collombey-Muraz è scoppiato un piccolo "sex-gate"
FOTO
LUCERNA
14 ore
Capannone agricolo divorato dalle fiamme
L'incendio è divampato venerdì sera a Menznau. Sul posto sono intervenuti oltre 100 pompieri
SVIZZERA
14 ore
Operazione al timpano per Palazzo federale
L'anno prossimo verrà lanciato un concorso per decorare una delle parti più in vista dell'edificio.
ZURIGO
15 ore
Il Leopardo Villy è stato addormentato, aveva 17 anni
Si trovava allo Zoo di Zurigo dal 2006, ma era malato da tempo.
GRIGIONI
16 ore
Un incendio manda in fumo casa e automobili
Le tre persone che si trovavano nell'abitazione di Wiesen sono riuscite a mettersi in salvo.
LUCERNA
17 ore
Fuochi d'artificio contro un ristorante, 13 persone (leggermente) ferite
Una batteria di fuochi si è ribaltata e almeno un razzo è partito in direzione della terrazza.
SVIZZERA
17 ore
Covid-19, «gestione calamitosa»
Didier Sornette, professore all'ETH per la gestione dei rischi, deplora l'agire delle autorità svizzere.
SVIZZERA
18 ore
In Svizzera ci sono 66 nuovi casi, ma con pochi test
Il numero dei contagi complessivi da inizio febbraio sale quindi a 35'616. Non si registrano nuovi decessi.
SCIAFFUSA
18 ore
Lo picchiano in Argovia e poi lo portano con la forza fino a Sciaffusa
L'alterco fra un gruppo di persone di nazionalità afghana ha portato all'arresto di due persone
SVIZZERA
18 ore
Affitti verso l'alto nonostante la crisi, ma non in Ticino
Il coronavirus sembra non fermare l'interesse per gli alloggi in città. Lo rivela un'analisi di Homegate.
BERNA
12.01.2018 - 06:310
Aggiornamento : 12:42

Verso le elezioni federali 2019: Udc e Verdi liberali in crescita, il Ppd precipita

A poco meno di due anni dal voto, per tre partiti il trend si presenta chiaro, rivela il sondaggio di Tamedia

BERNA - Chi avrebbe vinto se le elezioni federali avessero avuto luogo il weekend scorso? E chi avrebbe invece dovuto a spiegare il perché di un’amara sconfitta?

A queste domande risponde il primo sondaggio elettorale di Tamedia, cui hanno preso parte 20mila persone e che scatta una fotografia dello stato di forma dei partiti a metà legislatura. Grandi rivoluzioni - come quella che in Francia ha visto Emmanuel Macron ottenere la maggioranza assoluta all’Assemblea Nazionale con il suo movimento “En Marche !” - non c’è da aspettarsele nel sistema svizzero. Per tre partiti, però, si delinea un chiaro trend.

Ppd sotto il 10% - Nel Ppd, il nuovo presidente Gerhard Pfister non è ancora riuscito a invertire la spirale negativa in cui il partito si trova: nel sondaggio i democristiani scendono infatti sotto la soglia del 10% e si assestano un 9,1%. Una flessione del 2,5% rispetto alla consultazione del 2015.

Verdi liberali "vincitori" - A raccogliere i consensi persi e rivelarsi il grande vincitore di questo “mid-term” è un altro partito di centro: i Verdi liberali. Rispetto alle elezioni del 2015 la formazione ha infatti guadagnato l’1,5% dei consensi raggiungendo il 6,1%. Alle ultime elezioni federali, i Verdi liberali avevano perso lo 0,8% e quasi la metà dei seggi al Nazionale.

Inarrestabile UDC - Dopo la sua vittoria elettorale di due anni fa, l’UDC continua a crescere: il partito guadagna infatti un altro 1,4%, conquistando attualmente il 30,8% degli elettori. Rimangono invece sul posto PLR, PS, PBD e Verdi, che non registrano cambiamenti significativi nel proprio elettorato.

«Stimoli, non divieti» - Il presidente dei Verdi liberali, Jürg Grossen, si dice soddisfatto del risultato intermedio: «Mi fa piacere constatare che si sta andando nella direzione giusta. Molti giovani si identificano con i valori dei verdi liberali». Secondo Grossen la tendenza si spiega con il fatto che i temi ambientali sono ancora all’ordine del giorno, nonostante di questi tempi gli Stati Uniti vogliano rinunciare agli accordi sul clima. «A differenza dei verdi della sinistra, noi cerchiamo di risolvere i problemi fornendo degli stimoli. Non proponendo anti-economici divieti. E nelle questioni sociali, siamo una forza progressiva: questo ci distingue dal PPD».

«Solo un'istantanea, ci basta confermarci» - Frena l'entusiasmo però il presidente dell'Udc Albert Rösti: «Il sondaggio è solo un'istantanea. Se riusciremo a bissare il successo del 2015 per noi sarà già un grande successo». Questo non significa che una crescita non sia possibile e, soprattutto, benvoluta: «È il desiderio di ogni presidente di partito», continua Rösti, «se ci confermiamo in Svizzera tedesca e miglioriamo in Svizzera orientale, direi che si può anche fare».

Le tensioni con l'Ue aiutano - Secondo lui questo aumento di consensi è figlio dei conflitti più o meno aperti con Bruxelles: «Noi abbiamo affrontato la questione europea a fronte unito e senza mai scendere a compromessi. In questo senso la visita di Juncker, con tutto quello che ne è derivato per la Svizzera, ha probabilmente aperto gli occhi a diversi su come l'Ue considera la Svizzera...».

«In Ticino la Lega frena l'Udc» - Dell'influsso positivo per l'Udc delle tensioni con l'Europa è convinto anche il politologo dell'Università di Lucerna Nenad Stojanovic che però non crede che il partito possa davvero crescere così tanto: «In Romandia e in Ticino i partiti di destra - come Mcg e Lega - stanno rallentando la crescita dell'Udc. Inoltre Guy Parmelin sta un po' deludendo e, diversamente da quanto in molti si aspettavano, non sta facendo da traino i consensi fra i francofoni»

Sono 20'422 le persone provenienti da tutta la Svizzera che il 4 e il 5 gennaio scorsi hanno preso parte al sondaggio elettorale Tamedia. Un sondaggio condotto in collaborazione con la LeeWas GmbH dei politologi Lucas Leemann e Fabio Wasserfallen. I dati sono stati ponderati sulla base di variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore è di 1,2 punti percentuali. Più info su tamedia.ch/sondage


 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
aquila bianca 2 anni fa su tio
Alle prossime elezioni voterò per Alì Babà, almeno sono sicura che i Ladroni saranno solo 40... ;o)
Alex Cava 2 anni fa su fb
Per essere precisi: i sondaggi di questo genere sono solo propaganda, a favore del committente. In questo caso: Tamedia.
Daniel Tishchenko 2 anni fa su fb
Il PS ancora troppo forte !
Luca Mer 2 anni fa su fb
Poi va aggiunto che in tutto il mondo i sondaggi sono quasi sempre sfalsati a favore delle sinistre ?
Alex Cava 2 anni fa su fb
Tamedia non è di area liberale...?

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 06:43:48 | 91.208.130.87