keystone
Pirmin Schwander, presidente della Commissione degli affari giuridici del Nazionale
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRECIA / SVIZZERA
21 min
Migranti si fingono una squadra di pallavolo per volare a Zurigo
SVIZZERA/ FRANCIA
2 ore
Svizzero strafatto di LSD sparisce a Disneyland
SVIZZERA
3 ore
«I genitori che lavorano e assistono i figli malati vanno sostenuti»
TURGOVIA
3 ore
Zimmermann condannato per atti sessuali su un 15enne
BERNA
4 ore
Fallimento Thomas Cook: una novantina gli svizzeri interessati
VAUD
5 ore
Pista di ghiaccio a Malley, dopo i lavori spazio all'hockey
SAN GALLO
5 ore
Duemila chilometri in tre giorni, fermato camionista-stacanovista
SVIZZERA / REGNO UNITO
5 ore
Thomas Cook, a Zermatt non piace il "piano Matterhorn"
SVIZZERA
5 ore
Credit Suisse ai dipendenti: «Concentratevi sui clienti, non su Khan»
TURGOVIA
7 ore
Tremila pazienti psichiatrici sottoposti a test con farmaci
ZURIGO
7 ore
Ora parla Swiss Life: «L'offerta di Manor era irrealistica»
SVIZZERA
7 ore
Meno morti e meno feriti sulle strade svizzere
VAUD
8 ore
Il Governo vodese sostiene l'iniziativa per una cassa malati cantonale
SVIZZERA
9 ore
Prima viaggi, poi paghi. Dall'anno prossimo lo si potrà fare
SVIZZERA / BRASILE
10 ore
Evase a Zugo nel 2010, riacciuffato in Brasile
BERNA
11.12.2017 - 16:300

Imprese responsabili, niente controprogetto

La Commissione degli affari giuridici del Nazionale ha bocciato l'idea con 14 voti contro 11

BERNA - Non bisogna contrapporre un'alternativa all'iniziativa popolare "Per imprese responsabili - a tutela dell'essere umano e dell'ambiente". È l'opinione della Commissione degli affari giuridici del Nazionale che, con 14 voti contro 11, ha bocciato l'idea di un controprogetto indiretto.

La decisione è stata comunicata oggi ai media dal presidente della commissione Pirmin Schwander (UDC/SZ). La maggioranza si è quindi opposta all'iniziativa sul tema depositata dall'omologa del Consiglio degli Stati.

La palla è ora nel campo di quest'ultima. Se rimarrà ferma sulle proprie posizioni, il Parlamento dovrà esprimersi. La commissione della Camera dei Cantoni potrebbe anche lanciare un controprogetto diretto da sottoporre al popolo parallelamente all'iniziativa, oppure riformulare l'iniziativa parlamentare.

Secondo la maggioranza della commissione del Nazionale, non c'è abbastanza materiale su cui lavorare ed è meglio fermare tutto a questo stadio. È infatti difficile integrare standard internazionali nella legge. L'incertezza giuridica potrebbe nuocere alle aziende.

Pur ammettendo la presenza di "pecore nere" fra le multinazionali, la maggioranza sostiene che questo concerne soprattutto il settore delle materie prime e che il Parlamento avrà l'opportunità di legiferare in occasione della revisione del diritto delle società anonime.

La minoranza vuole invece mettere queste "pecore nere" di fronte alle proprie responsabilità prima che la Svizzera venga obbligata a fare qualcosa sotto la pressione internazionale.

Il testo - L'iniziativa popolare è stata depositata il 10 ottobre 2016 con 120'418 firme valide. Essa chiede che le imprese che hanno la loro sede statutaria, l'amministrazione centrale o il centro d'attività principale in Svizzera debbano rispettare, sia nella Confederazione che all'estero, i diritti umani riconosciuti e le norme ambientali internazionali.

Secondo l'articolo costituzionale proposto, le imprese potranno inoltre essere chiamate a rispondere non soltanto dei propri atti, ma anche di quelli delle imprese che controllano economicamente senza parteciparvi sul piano operativo.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 22:41:50 | 91.208.130.89