Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
10 ore
In carcere per il fallimento di una fiduciaria
L'uomo aveva effettuato un totale di 702 transazioni illegali con denaro di conti bancari dei suoi clienti, dopo aver perso privatamente sei milioni di franchi in borsa
GINEVRA
10 ore
Ginevra chiude il fascicolo sull'oligarca Khrapunov
Il procedimento era stato avviato nel 2012 per un sospetto arricchimento fraudolento
BASILEA CITTÀ
10 ore
Un nuovo nemico naturale contro i batteri multiresistenti
Un team internazionale di ricercatori, con la partecipazione dell'Università di Basilea, ha scoperto un antibiotico naturale per eliminare la concorrenza di altri batteri
SWAZILAND
11 ore
37 svizzeri rimasti feriti in un incidente di ritorno da un safari
Il pullman che li trasportava si è cappottato. 10 persone hanno subito ferite importanti e sono state ricoverate, il tour operator: «Sono stati fortunati»
FOTO
SVIZZERA
13 ore
«Bambini, fate valere i vostri diritti»
Parola di Alain Berset, oggi in piazza a Berna per la Convenzione sui diritti del fanciullo: «Un giorno non di promesse, ma di impegno»
SAN GALLO
14 ore
Ragazzino in bici investito da un furgone
L'incidente è avvenuto questa mattina a Berneck: il dodicenne ha rimediato ferite lievi
SCIAFFUSA
14 ore
Per «risparmiare tempo» non dichiarano oltre 160 chili di carne
Il furgone è stato notato nelle vicinanze delle cascate del Reno. Al suo interno si trovavano anche 52 chilogrammi di formaggio
GRIGIONI
14 ore
«Sì alla traduzione simultanea in Parlamento»
La conferenza dei presidenti del Legislativo ha di recente appoggiato una proposta del granconsigliere socialista Tobias Rettich
BERNA
15 ore
Moutier, c'è il sospetto di una frode elettorale
La giustizia ha aperto 16 istruttorie per verificare se alcuni elettori abbiano votato pur non essendo domiciliati nella cittadina
BERNA
15 ore
Le monete svizzere sono prodotte in Corea del Sud
La coniatura, però, avviene in Svizzera. Lo prevedono le norme sugli acquisti pubblici. Finora, una parte di pezzi grezzi veniva fabbricata in Germania
SVIZZERA
15 ore
Il Consiglio federale in breve
Ecco tutti i temi trattati dal'esecutivo nella seduta odierna in un colpo d'occhio
SVIZZERA
16 ore
Rapparono insulti sessuali contro Natalie Rickli: «Condanna da riesaminare»
Lo ha decretato il Tribunale Federale, a processo il gruppo hip-hop bernese Chaostruppe che potrebbe essere accusato anche di calunnia
SVIZZERA
17 ore
Donne imprenditrici: la Svizzera offre buone condizioni
L'imprenditoria femminile fiorisce soprattutto nelle economie ad alto reddito e sviluppate
BERNA
17 ore
Conto alla rovescia per la centrale di Mühleberg
Il 20 dicembre, tra un mese, il sito sarà disattivato dopo 47 anni di attività. Gli elementi combustibili saranno rimossi nel 2024 e la radioattività sarà eliminata nel 2031
SVIZZERA
06.12.2017 - 12:080

Riforma fiscale, il "progetto Maurer" non avrà vita facile

Dopo la bocciatura popolare della Riforma III dell'imposizione delle imprese, ecco la nuova proposta. Partiti e istituzioni interessati sembrano (più) propensi a raggiungere un compromesso

BERNA - Dopo la bocciatura popolare della Riforma III dell'imposizione delle imprese (RI imprese III), anche il Progetto fiscale 17 (PF17) del consigliere federale Ueli Maurer rischia di non avere vita facile in parlamento. Tuttavia, come si evince dai risultati delle procedura di consultazione, partiti e istituzioni interessate sembrano più propensi a giungere ad un compromesso.

Il progetto di Maurer è infatti considerato più equilibrato rispetto alla Riforma III delle imprese. A grandi linee, il disegno di legge elaborato dal ministro UDC delle finanze prevede l'abbandono della controversa imposta sugli utili con deduzione degli interessi, la limitazione dello sgravio fiscale concesso alle imprese, l'innalzamento dell'imposizione dei dividendi, l'aumento della quota di imposta federale diretta destinata ai Cantoni e l'incremento degli assegni famigliari. Le casse della Confederazione dovrebbero essere gravate di 750 milioni di franchi, a fronte degli 1,2 miliardi della riforma precedente.

Mediante questa riforma si vuole compensare la prevista abolizione degli statuti speciali per le società holding e quelle di gestione invisi all'Unione europea e all'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico con altri strumenti fiscali volti a preservare la concorrenzialità della Svizzera in ambito internazionale, limitando le perdite fiscali per Confederazione, Cantoni e Comuni.

Per i Cantoni il progetto Maurer è equilibrato. Giudicano sensata una tassazione di almeno il 70% dei dividendi da partecipazioni superiori al 10% e l'aumento di 30 franchi per gli assegni famigliari. Tuttavia, i direttori cantonali delle finanze e l'associazione dei comuni vogliono che la quota di imposta federale diretta versata ai Cantoni sia di almeno il 21,2% e non del 20,5%. Con la percentuale più bassa Cantoni e Comuni si vedrebbero orbati di 165 milioni di franchi.

Inoltre, i Cantoni sono d'accordo che la Confederazione rinunci ad introdurre a livello federale la tassa sugli utili con deduzione degli interessi. Tuttavia, simile sistema dovrebbe poter essere introdotto a livello cantonale. Il PF17 dovrebbe inoltre entrare in vigore al più presto, ossia già all'inizio del 2019. I Comuni sono disposti ad appoggiare i piani del ministro Maurer purché essi non vengano eccessivamente svantaggiati.

Economiesuisse mette in guardia nella sua presa di posizione da ritardi e, peggio ancora, da una nuova bocciatura, ciò che avrebbe conseguenze gravi per la piazza economica elvetica. Anche Economiesuisse chiede un aumento della quota cantonale dell'imposta federale diretta, dal momento che sono proprio Cantoni e Comuni a dover sopportare il peso maggiore dell'abbandono degli statuti di tassazione speciali. No invece a prescrizioni minime circa gli assegni famigliari e a una tassazione del 70% dei dividendi.

L'Unione svizzera della arti e mestieri (USAM) non ne vuole invece sapere di un aumento dell'imposizione dei dividendi a livello federale e cantonale e di un incremento delle spese sociali. A parere dell'USAM, infatti, le piccole e medie imprese rischiano di dover pagare lo scotto della riforma, a vantaggio delle grandi imprese e dei Cantoni.

Di parere opposto l'Unione sindacale svizzera, secondo cui il PF17 rappresenta un progetto temporaneo verso una tassazione più equa degli utili. L'USS sostiene quindi un aumento dell'imposizione dei dividendi; il 70% rappresenta però il minimo, mentre l'ideale sarebbe il 100%. È importante per i sindacati che i previsti alleggerimenti fiscali non vadano a scapito delle famiglie. Decisivo per l'USS è inoltre l'aumento minimo - 100 franchi - degli assegni per prole.

Per quanto riguarda i partiti, i socialisti sostengono che Consiglio federale e partiti di destra siano sulla buona strada. Il PF17 non include insomma quegli alleggerimenti fiscali che hanno fatto fallire il progetto precedente. Ineludibile per il PS un aumento dell'imposizione minima dei dividendi all'80% a livello cantonale e al 100% a livello federale. Oltre a ciò si chiede un incremento di almeno 50 franchi degli assegni famigliari.

Per l'UDC, è decisivo che anche col PF17 la Svizzera rimanga attrattiva dal punto di vista fiscale. Ciò non è il caso secondo i democentristi col progetto Maurer. Invece di aumentare la quota cantonale, l'UDC preconizza un taglio a livello di imposta federale diretta. Invece di rimpinguare gli assegni per i figli, l'UDC opta invece per una diminuzione della tassazione delle società sempre a livello di imposta federale diretta.

Il PPD teme invece che la nuova riforma sia condannata al fallimento. I democristiani chiedono uno snellimento del progetto per concentrasi sull'abolizione dell'imposizione privilegiata per holding e società miste, l'aumento della quota cantonale dell'imposta federale diretta e un adeguamento della perequazione finanziaria.

Anche i Verdi mettono in guardia da un ennesimo buco dell'acqua. A loro parere, la riforma crea nuovi privilegi fiscali per le imprese invece di eliminarli.

Per il PLR, il PF17 trascura colpevolmente l'autonomia fiscale dei Cantoni. I radicali auspicano, al posto di un incremento degli assegni famigliari, la possibilità di aumentare le deduzioni per costi dovuti alla custodia dei bambini. In caso di aumento dell'imposizione parziale dei dividendi, la tassazione complessiva per gli azionisti non dovrebbe superare il 50% dell'imposizione dei redditi e del patrimonio.
 
 

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 05:46:57 | 91.208.130.87