SVIZZERA
01.12.2017 - 12:000

Politiche per l’infanzia, il sostegno della Confederazione è efficace

È la conclusione cui giunge un rapporto intermedio sul tema approvato oggi dal Consiglio federale

 

BERNA -  Il sostegno finanziario concesso dalla Confederazione a Cantoni e Comuni per promuovere le rispettive politiche a favore dell'infanzia è efficace. È la conclusione cui giunge un rapporto intermedio sul tema approvato oggi dal Consiglio federale.

Tale sostegno, indica una nota odierna dell'Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS), si basa su una legge entrata in vigore nel 2013 con scadenza nel 2022. Finora, assieme al Ticino altri 11 Cantoni hanno chiesto un sostegno finanziario (BE, BL, FR, LU, NE, SG, SH, SZ, UR, VD e VS). Non figurano i Grigioni, specifica il rapporto, anche se a Coira ci stanno pensando.

Dal bilancio intermedio emerge che, secondo l'UFAS, negli ultimi anni molti Cantoni hanno sviluppato la propria politica dell'infanzia e della gioventù e rafforzato la collaborazione con gli attori coinvolti.

I programmi cantonali pongono l'accento sull'aiuto all'infanzia e alla gioventù: attività extrascolastiche, custodia extrafamiliare ed extrascolastica, educazione genitoriale, offerte di consulenza e aiuti complementari all'educazione come il sostegno domiciliare alle famiglie, il collocamento in istituto o l'affidamento familiare. Sono stati anche istituiti parlamenti dei bambini e dei giovani o commissioni dell'infanzia e della gioventù.

A fine 2016, la Confederazione aveva versato 3,73 milioni di franchi, ha precisato all'ats l'UFAS. Per l'anno in corso dovrebbero essere attribuiti 1,7 milioni.

Per quanto attiene al Ticino, precisa il rapporto, il programma è incominciato solo nel 2017 (con durata fino al 2919), e al momento non si dispone ancora di informazioni su eventuali difficoltà di attuazione o modifiche.

Nel sito Internet ad hoc (www.politicainfanziagioventu.ch) sono annoverati i vari programmi cantonali e comunali. Lugano partecipa con un progetto denominato "Attività estive per bambini e ragazzi" che prevede asili estivi e colonie residenziali. A Chiasso sono già in corso vari progetti.

A livello cantonale sono previsti programmi che devono ancora incominciare o sono già iniziati come il "Forum genitorialità", la "Consulenza per l'aiuto alle vittime di reato", il "Servizio di accompagnamento educativo", la "Formazione continua del personale per animatori e monitori", il "Progetto di aggiornamento e rilancio delle politiche giovanili".

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Tags
infanzia
sostegno
rapporto
politiche
confederazione
infanzia gioventù
ufas
cantoni
programmi
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-07-16 02:59:09 | 91.208.130.87