Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
36 min
«Chi serve al bar non deve alzare il gomito»
Finisce in questi giorni la campagna di prevenzione sull'alcolismo nella ristorazione: «Zero per mille sul lavoro».
SVIZZERA
36 min
I nuovi contagi in Svizzera sono 8'616
Ben il 28% dei 30'772 tamponi effettuati è risultato positivo
NEUCHÂTEL
50 min
"Requisiti" dalle cliniche private per aiutare in ospedale
Il Consiglio di Stato vuole garantire la sicurezza dei pazienti. Per liberare letti, intende sfruttare le case anziani
BASILEA
1 ora
Sul Reno scorrono meno soldi
I volumi delle merci trasportate da Basilea verso nord sono... affondati. Colpa del Covid
SVIZZERA
1 ora
«La SECO ha torto sulle piccole e medie imprese»
Secondo Fabio Regazzi, prossimo presidente dell'USAM, il futuro di molte PMI è a forte rischio a causa della pandemia.
SVIZZERA
1 ora
Un altro passo verso il trasporto merci sotterraneo
Il Governo ha licenziato oggi il disegno di legge per la realizzazione di una "metropolitana" sotto l'Altopiano.
SVIZZERA
2 ore
«Senza mascherina? Una multa da 250 franchi»
È la proposta avanzata dalla Conferenza dei procuratori svizzeri. «Occorre armonizzare le sanzioni a livello federale»
SVIZZERA
2 ore
La maggiore trasparenza fiscale non piace
L'iniziativa è del canton Berna, affinché anche i beni patrimoniali finora non dichiarati vengano tassati
SVIZZERA
2 ore
Paura del contagio e stop agli acquisti: è "lockdown volontario"
Sempre meno persone in negozi e ristoranti. Si compra cibo, soprattutto pasta e riso. Non manca la carta igienica
SVIZZERA
3 ore
Stop a (quasi) tutti i corsi rip
Vengono svolti solo quelli per un servizio d'appoggio nel quadro della pandemia e quelli in preparazioni di eventi
SVIZZERA
3 ore
Il sostegno di Novartis al trattamento anti-coronavirus di Molecular Partners
Doppio investimento, in contanti e azioni, per il colosso renano
SVIZZERA
5 ore
Lontani dal fisco e dal freddo ecco i paradisi dei pensionati
Quali sono le mete fiscalmente allettanti per trascorrere la vecchiaia? Ecco dove conviene andare per il "buen retiro"
VIDEO
SVIZZERA
13 ore
Quando l'educazione viene impartita (anche) con la violenza
Le punizioni corporali e psicologiche fanno purtroppo parte della quotidianità di alcune famiglie
SVIZZERA
16 ore
Scarpe di King Roger in tv: fu pubblicità occulta
Il caso risale allo scorso luglio, durante la trasmissione "Sportpanorama Plus" della SRF
ZURIGO
17 ore
Al Telefono amico il "Prix courage Lifetime Award"
Il premio è stato consegnato per celebrare gli oltre 60 anni di aiuto telefonico.
SVIZZERA
16.11.2017 - 12:270

Dibattito acceso attorno al cambio delle vecchie banconote

La proposta di eliminare il termine di cambio delle vecchie banconote non piace a tutti. Alcuni temono si favorisca il riciclaggio di denaro e le frodi

BERNA - Non piace a tutti la soppressione del termine di cambio delle banconote di vecchie serie proposta dal Consiglio federale e messa in consultazione a metà agosto. C'è chi evoca il rischio di un "valore rifugio" per le attività illegali e chi mette in guardia dalle conseguenze per Fondssuisse, il fondo che assicura i danni non coperti in caso di catastrofi naturali.

Attualmente, una volta conclusa l'emissione di una nuova serie di banconote, la Banca nazionale svizzera (BNS) può ritirare quelle della serie precedente, la cui validità come mezzo di pagamento legale cessa, ma che possono essere cambiate presso la BNS nel corso dei 20 anni successivi. Il governo propone che in futuro le banconote emesse a partire dal 1976 (tra cui i noti "Borromini" da 100 e il "formicone" da 1000), così come le serie successive, possano essere cambiate senza limiti di tempo per evitare che le persone si ritrovino con carta moneta senza alcun valore.

Rischi d'uso illegale - Una visione condivisa dal PLR, UDC e Verdi liberali, ma anche dall'Unione sindacale svizzera (USS) e dall'Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM). Il denaro liquido, rileva il PLR, ha una funzione legale di riserva di valore ed è dunque insostenibile che le banconote perdano il loro valore dopo 20 anni di servizio.

Per il PS e per Transparency International si giustifica invece un mantenimento del termine di cambio nel contesto della lotta contro la frode fiscale, il riciclaggio e il finanziamento del terrorismo. Oltre il 60% del valore delle banconote in circolazione è rappresentato da quelle da 1000 franchi, rilevano citando le stime ufficiali. Ora, a livello internazionale, la tendenza è di sopprimere i grossi biglietti di banca, come quello da 500 euro o addirittura quello, in discussione, da 100 dollari. Inutile dunque rafforzare ancor più l'attrattiva dei "bigliettoni" svizzeri detenuti a fini illegali sopprimendo il termine di cambio.

Biglietti danneggiati - Nella sua revisione della legge sull'unità monetaria e i mezzi di pagamento (LUMP), il governo prevede anche la possibilità, per via di ordinanza, di una deduzione sul valore nominale delle monete deteriorate «per cause diverse dall'usura», ad esempio l'«apertura impropria» di una valigetta di sicurezza o il danneggiamento intenzionale.

Per PLR e PS, una tale deduzione è accettabile. L'UDC dice invece no: non è chiaro - sostiene - come si potrà distinguere tra banconote deliberatamente danneggiata e quelle che hanno invece solo subìto l'usura del tempo: una verifica sarebbe troppo laboriosa.

Il problema Fondssuisse - Il progetto governativo avrebbe conseguenze anche per Fondssuisse. Fino alla quinta serie - quella del "San Martino" da 100, senza valore dall'anno 2000 - l'importo corrispondente alle banconote non cambiate è stato versato dalla BNS a questo fondo di soccorso per danni causati dalla natura e non assicurabili. Con la revisione verrebbe a mancare questa cospicua fonte di finanziamento.

Il capitale di Fondssuisse ammontava a fine 2016 a 269 milioni di franchi e dal 2000 al 2016 ha erogato annualmente circa 3,6 milioni di franchi. L'uragano Lothar del 1999 e le pesanti inondazioni del 2005 hanno comportato uscite straordinarie, rispettivamente di 52 e 11 milioni.

Secondo le stime della BNS il prossimo versamento a Fondssuisse, previsto per il 2020, dovrebbe situarsi tra 0,5 e 1 miliardo di franchi, «molto più di quanto il fondo necessiti per coprire le proprie uscite annue», rileva il governo nel suo rapporto inviato alle parti consultate. A suo avviso, il fondo è in grado di finanziare la propria attività con i redditi prodotti dal capitale, rimasto invariato dall'ultimo versamento della BNS (244 milioni nel 2000).

Per il PLR e anche per l'USS è evidente che il fondo dispone di mezzi sufficienti per assolvere i suoi compiti diversi anni ancora. Il PS obietta invece che, visto il costante aumento dei danni naturali e della loro ampiezza, sarebbe sbagliato rinunciare a un'alimentazione costante del fondo, anche se i soldi a disposizioni sembrano attualmente sufficienti. A patirne sarebbero soprattutto i cosiddetti cantoni "GUSTAVO" (GE, UR, SZ, TI, AI, VS, OW) in cui non c'è un'assicurazione immobiliare statale contro i danni di fuoco e natura.

Il principale interessato, Fondssuisse, si rammarica che con il progetto governativo si rinunci senza necessità a mezzi finanziari che possono essere utilizzati rapidamente e senza burocrazia. Le somme versate negli anni "normali" sono relativamente modeste - osserva - quelle necessarie in caso di eventi straordinari sono ingenti. E disastri come la frana di Bondo (GR) e i gravi danni alle colture di aprile dovuti al gelo aumenteranno, aggiunge.

Fondssuisse riconosce tuttavia che ci si può chiedere se sia necessario continuare a versargli integralmente il provento delle banconote non cambiate o non sia invece opportuno trovare quali destinatari altre istituzioni con scopi simili.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pulp 2 anni fa su tio
Raramente sono in sintonia con la sinistra, ma in questo caso lo sono. Primo perchè é totalmente insensato cambiare le banconote se poi quelle vecchie non hanno una data di "scadenza" certa e poi perchè é un fatto che il contante é sicuramente il veicolo privilegiato per affari dubbi. A mio avviso comunque ci sarebbe un buon compromesso.... permettere il cambio esclusivo a tempo indeterminate, ma solo per un ammontare Massimo di CHF 20'000 a persona e solo contro consegna alla BNS delle banconote da cambiare e delle proprie generalità. Questo perlomeno permetterebbe ai "piccoli" risparmiatori di poter sempre cambiare questi soldi ma eviterebbe ai "grossi" di tenere reserve di qualche milione nella vecchia valuta, costringendoli in qualche modo ad "emergere".
Frankeat 2 anni fa su tio
Nel dubbio le ritiro io quelle vecchie. Fidatevi.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-28 12:41:14 | 91.208.130.87