keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Luce verde anche dal PPD: via libera al gruppo di centro
Il nuovo presidente sarà scelto a metà gennaio
BERNA
3 ore
Sparatoria nel sottopassaggio, una persona in ospedale
Non è chiaro se l'uomo armato sia ancora a piede libero o se sia già stato assicurato alla giustizia
SVIZZERA
4 ore
Il PLR in trincea contro l'assalto verde
Il gruppo parlamentare liberale radicale ha deciso all'unanimità di rieleggere l'intero esecutivo
SVIZZERA
5 ore
Fu un «caso esemplare di violenza senza senso»
Il tribunale d'appello ha confermato la condanna a 7 anni nei confronti di un hooligan che lanciò il coperchio di un tombino su un gruppo di tifosi
GINEVRA
5 ore
Quelle munizioni in fondo al Lemano che preoccupano
Si parla di centinaia di tonnellate, depositate dalla società Hispano-Suiza negli anni '50 e '60
SVIZZERA
5 ore
Bocciata l'estradizione, ma resterà in cella a Sion
L'uomo, cittadino cinese, è stato arrestato in Svizzera a giugno. È nel mirino del Dipartimento di giustizia americano
BERNA
6 ore
Selfie a luci rosse, nessuna tentata coazione
Parzialmente assolto il consulente zurighese Sacha Wigdorovits. I fatti risalgono all'estate del 2014
SVIZZERA
6 ore
Medicinali, una "fattura" record da 7,8 miliardi nel 2018
Nuovo primato per i medicamenti a carico dell'assicurazione di base. L'aumento dal 2010 è stato pari al 46%
BASILEA CITTÀ
7 ore
Roche, 3 nuovi grattacieli e 100 milioni per demolire i vecchi edifici
L'altezza massima sarà di 130 metri. I lavori non inizieranno prima del 2024
SVIZZERA
7 ore
Morte da amianto, la giustizia dovrà riesaminare il caso
Il Tribunale federale ha parzialmente accolto il ricorso della famiglia di un ferroviere, deceduto nel 2004
BERNA
7 ore
Thule richiama alcuni tendalini da camper
Il rischio? Infortunio o lesioni
SVIZZERA
7 ore
I passeggeri svizzeri non sentono l'effetto Greta
Swiss non ha notato cambiamenti, ma riconosce di percepire alcune «preoccupazioni» da parte della clientela
FOTO
SVIZZERA
8 ore
Prima giornata sotto il "cupolone" per i nuovi eletti
Le attività concrete prenderanno però il via solo il prossimo 2 dicembre
SVIZZERA
8 ore
«Se Cassis dovesse perdere il seggio non mi aspetto una rivolta in Ticino»
La presidente dei Verdi ha annunciato la propria candidatura per il Consiglio federale. Ecco cosa ne pensa il politologo Nenad Stojanovic
SVIZZERA
10 ore
Uccise il fidanzato "Godzilla", condanna confermata
Inizialmente la donna, che invocava la legittima difesa, era stata assolta. Ma aveva sparato due colpi anche quando lui era a terra inerme
ZURIGO
11 ore
Alle porte il Black Friday, fra successo e qualche critica
In controtendenza è stato ideato il Fair Friday, un modo di fare acquisti più ragionato
BERNA
08.11.2017 - 17:470
Aggiornamento : 19:21

Si ai nuovi aerei da combattimento

Prevista una spesa massima di otto miliardi di franchi. Dal 2021 il budget dell'esercito dovrebbe aumentare annualmente dell'1,4%

BERNA - Un spesa massima di otto miliardi di franchi per nuovi aerei da combattimento e un nuovo sistema di difesa terra-aria. Il Consiglio federale ha deciso oggi di muoversi in questo senso nello scottante dossier che riguarda il rinnovo dei mezzi delle Forze aeree. Dal 2021 il budget dell'esercito dovrebbe aumentare annualmente dell'1,4%.

Il governo ha incaricato il Dipartimento federale della difesa (DDPS) di studiare, entro febbraio 2018, possibili varianti concrete di intervento.

Gli attuali mezzi, ha spiegato il consigliere federale Guy Parmelin ai giornalisti a Berna, a medio termine avranno raggiunto il limite dei loro anni di utilizzo. I trenta F/A-18 possono essere impiegati ancora fino al 2030, mentre i 53 caccia F-5 Tiger non sono già più adeguati per veri interventi, anche se 26 volano regolarmente.

Dal canto suo, il sistema di difesa terra-aria avrà fatto il suo corso al più tardi nel 2025.

«Non abbiamo parlato del numero di velivoli o di quali sistemi utilizzare, oggi il governo ha solamente fissato i termini entro i quali muoversi. Ora il DDPS dovrà decidere come agire nel dettaglio», ha specificato Parmelin.

«Non sappiamo cosa ci riserva il futuro e per questo è importante continuare a investire nell'esercito. La protezione della popolazione può funzionare solo se tutti i sistemi coinvolti funzionano e ciò vale anche per jet moderni e all'avanguardia», ha continuato ancora il ministro.

La situazione non è ideale, poiché un po' tutto sta giungendo «a scadenza» simultaneamente, ha detto Parmelin. Droni ed elicotteri da combattimento non sono sufficienti a sostituire gli aerei e non è possibile prolungare ulteriormente la vita degli F/A-18. Per tutte queste ragioni, il governo vede come necessario un investimento, che con otto miliardi viene considerato «ragionevole».

Non certo il voto popolare - L'acquisto dei Gripen era stato oggetto di votazione popolare, mentre in questo caso non è ancora chiaro se i cittadini si esprimeranno. Esistono infatti varie alternative sul come procedere: con una decisione programmatica, con la revisione della legge militare, per via ordinaria tramite il messaggio sull'esercito e altro ancora.

Importanza verrà ad ogni modo data anche alla trasparenza delle varie tappe. Il governo vuole che i fornitori esteri debbano compensare il 100% del valore di un contratto con incarichi affidati all'industria elvetica. Un registro mostrerà quali imprese elvetiche avranno ricevuto mandati oltre i 100'000 franchi.

Dopo un eventuale referendum, il governo stima che sarà in grado di fare la sua scelta sui velivoli presumibilmente nel 2020. I primi aerei dovrebbero essere consegnati nel 2025. L'acquisto del sistema terra-aria si svolgerà parallelamente.

Altri investimenti - Oltre ai mezzi delle Forze aeree, altri investimenti saranno necessari nei prossimi decenni, in particolare per rimpiazzare il sistema d'armamento delle truppe al suolo, anche questo ormai ai limiti delle sue capacità. In totale, serviranno fra i 15 e i 16 miliardi di franchi fra il 2023 e il 2032. Con l'attuale budget di 5 miliardi all'anno, l'esercito può investire un miliardo nel programma d'armamento.

Il governo vuole quindi aumentare la possibilità di spesa, in modo da garantire gli investimenti necessari. Il budget beneficerà di un tasso di crescita annua di circa l'1,4%. Le spese di funzionamento delle forze armate dovranno inoltre essere stabilizzate, in modo da poter utilizzare per la crescita tutti i mezzi a disposizione.

Accese discussioni - Il dossier è scottante e complesso. Nelle scorse settimane alcuni partiti si sono già espressi sul tema. L'UDC, per bocca del consigliere nazionale bernese Adrian Amstutz, ha affermato di essere a favore dell'acquisto di 55 o almeno 40 nuovi aerei da combattimento, per una spesa fino a 9 miliardi.

La seconda alternativa, sostengono i democentristi, sarebbe tuttavia sostenibile solo con un valido sistema di difesa terra-aria.

Il PS si è invece opposto all'acquisto immediato di nuovi aerei da combattimento. Il partito valuta che sia possibile prolungare la durata di utilizzo degli F/A-18 «ampiamente al di là del 2030».

Secondo i socialisti, otto velivoli sono sufficienti per assicurare la polizia aerea. In caso di crisi maggiore, lo spazio aereo svizzero deve essere posto in sicurezza in cooperazione con i Paesi vicini.

Il tema è poi stato già oggetto di votazione popolare non molto tempo fa. A maggio del 2014, il 53,4% dei votanti ha rifiutato l'acquisto di 22 aerei da combattimento svedesi Gripen per 3,126 miliardi di franchi.

Niente cambiali in bianco - Il Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE) è pronto a chiamare in causa il popolo per opporsi ai progetti del Consiglio federale relativi all'acquisto di un nuovo velivolo da combattimento. L'organizzazione esige che il governo presenti una decisione contro cui sia possibile lanciare il referendum.

Senza procedere a una valutazione preliminare di quanti e di quali aerei da combattimento la Svizzera abbia effettivamente bisogno, il Consiglio federale propone alla carlona un budget miliardario, scrive GSsE in un comunicato odierno.

Secondo l'associazione la cifra esorbitante di 8 miliardi di franchi è un affronto nei confronti dei votanti, che nel maggio 2014 aveva respinto alle urne l'acquisto dei Gripen, per un valore di 3,1 miliardi.

Il segretario del GSsE Lewin Lempert si dice indignato. «Il Consiglio federale intende dare al Dipartimento della difesa un assegno miliardario in bianco senza nemmeno sapere cosa farà con i soldi», afferma Lempert, citato nella nota. «Concedere un credito di miliardi senza imporre vincoli a un dipartimento che fa riparare vecchi camion al doppio del prezzo di acquisto è segno di negligenza e rappresenta una schiaffo in faccia ai contribuenti onesti.»

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 22:49:55 | 91.208.130.86