ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
54 min
Treni, Mister Prezzi chiede un taglio sui prezzi dei biglietti
Per Meierhans il costo dei titoli di trasporto deve calare del 2%: «Posso assicurare l'utenza che rimarrò sul pezzo»
SVIZZERA
1 ora
Un argoviese ha diretto la prigione della tortura in Siria
Lo svizzero Thomas C. è stato tra i primi europei a partire per la Jihad e in breve tempo ha scalato le gerarchie dello Stato Islamico. Ha formato alcuni terroristi che hanno colpito l'Europa
SONDAGGIO
SVIZZERA
1 ora
Il 40% di chi lavora vorrebbe continuare a farlo anche dopo l'età della pensione
La maggior parte gradirebbe proseguire a tempo parziale mentre il 5% sarebbe volentieri disponibile a un tempo pieno
SOLETTA / ARGOVIA
1 ora
Gösgen e Leibstadt, no all'imballaggio delle scorie
Le due centrali nucleari non realizzeranno sui propri siti degli impianti per l'imballaggio delle scorie radioattive
SVIZZERA
1 ora
Massimo un milione di franchi per i dirigenti
La remunerazione presso le FFS, la Ruag, la Posta, la Suva, Swisscom, Skyguide e SSR non può superare quella di un consigliere federale
SINGAPORE / SVIZZERA
1 ora
UBS multata dalle autorità di Singapore per 8,1 milioni di franchi
La colpa: i suoi collaboratori avrebbero ingannato diversi investitori. I clienti raggirati saranno risarciti, promette la banca
SVIZZERA / ETIOPIA
2 ore
Sika inaugura una fabbrica di malta in Etiopia
Lo stabilimento permetterà di offrire prodotti locali a un mercato edile in forte espansione, fa sapere il produttore
SVIZZERA
2 ore
Terrorismo, oltre 300 divieti d'entrata
Nel periodo tra il 2016 e il 2018 la Fedpol ha emesso anche 19 espulsioni
SVIZZERA
2 ore
Zurich si pone obiettivi ambiziosi per i prossimi anni
L'assicuratore punta ad un rendimento dell'utile operativo al netto delle imposte di almeno il 14%
SVIZZERA
13.10.2017 - 10:590

Blocco treni a Rastatt, serve più collaborazione

BERNA - Definire tratte ferroviarie alternative vincolanti con sufficienti capacità. È questa la via da percorrere per evitare il ripetersi di problemi al traffico ferroviario su scala europea come quelli generati dall'interruzione della linea nella Valle del Reno tedesca a nord di Basilea, secondo Paesi Bassi, Belgio, Germania, Italia e Svizzera, che hanno riflettuto a una strategia per far fronte ad eventuali futuri eventi analoghi.

Prima della chiusura forzata, sulla linea transitavano circa 130 treni passeggeri e 200 treni merci al giorno. Durante l'interruzione, causata dal cedimento del terreno legata ai lavori ad una galleria a Rastatt (D), gli operatori del settore hanno potuto organizzare il transito su itinerari sostitutivi di 84 treni in media al giorno. A partire dal 2 ottobre la linea è nuovamente transitabile e nel frattempo si è raggiunto l'apice di 180 transiti giornalieri.

La linea della Valle del Reno fra Baden-Baden (D) e Rastatt è un asse nevralgico tra il nord e il sud dell'Europa, soprattutto per il traffico merci. Per le FFS i costi logistici dell'interruzione, iniziata il 12 agosto, «sono stati enormi», con perdite di guadagno «dell'ordine di milioni», aveva indicato l'ex regia federale lo scorso 2 ottobre.

Non è solo la Confederazione ad aver dovuto fare i conti con i disagi. I rappresentanti dei ministeri dei trasporti di Paesi Bassi, Belgio, Germania, Italia e Svizzera in seno al cosiddetto "Comitato esecutivo del corridoio per il traffico merci Reno-Alpi" si sono dunque riuniti per analizzare quanto avvenuto e proporre soluzioni in caso di problemi analoghi, indica l'Ufficio federale dei trasporti (UFT) in una nota diramata oggi.

Nella riunione straordinaria, tenuta a Gallarate (provincia di Varese), sono «emersi deficit organizzativi in sede di eliminazione del blocco della tratta e di gestione della crisi durante il blocco», scrive l'UFT. Una migliore cooperazione transnazionale avrebbe permesso di attenuare la crisi.

I partecipanti all'incontro - per la Confederazione era presente il direttore supplente dell'UFT Pierre-André Meyrat - hanno constatato che la struttura organizzativa per attuare la collaborazione tra gli Stati interessati già esiste: in futuro, in caso di problemi, si tratta di adottare misure immediate e una chiara ripartizione dei compiti. La priorità è la «definizione vincolante di tratte alternative con sufficienti capacità».

Dal punto di vista della Svizzera, in caso di futuri eventi «le esigenze del traffico merci internazionale su rotaia devono essere considerate prioritarie". Occorre assicurare in tempi rapidi sufficienti tracce alternative di qualità adeguata (ad esempio riguardo alla lunghezza dei treni merci). Inoltre "va esaminata la possibilità di dare temporaneamente la precedenza al traffico merci rispetto al traffico viaggiatori sulle tratte alternative».

Nella Confederazione la chiusura della linea ferroviaria tedesca ha avuto come ripercussione anche una crescita dei camion in transito, aumentati del 6% in agosto al San Gottardo su base annua e del 7% al San Bernardino, secondo i dati dell'Ufficio federale delle strade.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-14 13:44:57 | 91.208.130.85