Ti Press
NEUCHÂTEL
04.08.2017 - 13:480

Un salario orario minimo? Per il Tribunale federale non è anticostituzionale

Con questa sentenza entrerà in vigore la regolamentazione che prevede uno stipendio minimo di 20 franchi nel canton Neuchâtel

LOSANNA - Il Tribunale federale ha respinto i ricorsi contro l’imposizione legale di una retribuzione minima oraria di 20 franchi nel cantone di Neuchâtel. Questa misura di politica sociale, che punta alla lotta contro il fenomeno dei “working poor”, è risultata conforme al principio costituzionale di libertà economica e al diritto federale.

La sentenza del Tribunale federale consentirà l’entrata in vigore delle norme adottate dal Gran Consiglio di Neuchâtel.

Nel 2011 l’elettorato del cantone aveva accettato di introdurre nella Costituzione cantonale una nuova disposizione per la creazione di un salario minimo cantonale. In base a tale disposizione, tutte le persone che esercitano un’attività lavorativa deve poter disporre di un salario che gli garantisca delle condizioni di vita decenti.

A maggio del 2014 il Gran Consiglio ha modificato la Legge cantonale per l’occupazione e contro la disoccupazione. Il salario minimo è stato fissato a 20 franchi orari, a condizione che tale importo sia adeguato annualmente alle variazioni dell’indice svizzero dei prezzi al consumo.

Diverse associazioni professionali e imprese hanno presentato ricorso e il Tribunale federale aveva concesso l’effetto sospensivo. Con la sentenza del 26 luglio i ricorsi sono ora stati respinti. Il principio della libertà economica prevede infatti che i Cantoni hanno il diritto di adottare misure di politica sociale.

Il salario di 20 franchi è stato deciso considerando un reddito minimo annuo di 41’759 franchi, tenendo conto di 52 settimane lavorative da 41 ore.

Per evitare problemi legati all’applicazione retroattiva, il Tribunale federale ha deciso che la norma può entrare in vigore a partire dalla sentenza.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 02:33:24 | 91.208.130.89