ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Giovani, chiedetevi: «Devo veramente andare a quella festa?»
È l’appello del capo delle emergenze dell’Oms, Mike Ryan
SVIZZERA
5 ore
«Automobile al sole: una trappola mortale». Parola del TCS
Qualche consiglio utile per evitare brutte sorprese in questi giorni di canicola
OBVALDO
6 ore
Titlis: boom di turisti elvetici, ma non è sufficiente
Gli impianti di risalita sono presi d'assalto, ma manca comunque circa il 70% dei visitatori
SVIZZERA / LIBANO
6 ore
Nessun aiuto svizzero al Governo libanese
Gli aiuti andranno direttamente alla popolazione, tramite la Croce Rossa
SVIZZERA
7 ore
Quella fragola è pericolosa
La Confederazione mette in guardia su una formina refrigerante venduta da Depot
SVIZZERA
7 ore
Sviluppata una membrana che distrugge batteri e virus
Il procedimento potrebbe essere utile anche in chiave anti Covid-19
FRIBORGO
8 ore
Si cercano i testimoni dell'aggressione sul treno
L'aggressore aveva assalito una 27enne con una bottiglia su un InterCity.
SVIZZERA
8 ore
Panne per Postfinance: ritardi nell'elaborazione dei pagamenti
Numerosi pensionati si sono lamentati: la loro pensione non sarebbe arrivata
SVIZZERA
8 ore
Anche Berna, Argovia e Turgovia chiedono le liste degli arrivi a Kloten
Il canton Zurigo ha iniziato mercoledì a raccogliere questi dati per verificare il rispetto dell'obbligo di quarantena.
SVIZZERA
9 ore
Nel canton Zugo 20 procedimenti per truffe con i prestiti Covid
L'importo complessivo dei raggiri raggiunge i 3,8 milioni di franchi
SVIZZERA
9 ore
Mascherine a scuola? Le diverse soluzioni dei Cantoni
Tra obbligo di mascherina e distanze di sicurezza, i Cantoni si preparano per il rientro a scuola
SVIZZERA
9 ore
Finanziamento di due progetti per il Covid
Il primo riguarda l'analisi sierologica, il secondo è un apparecchio portatile per una rapida identificazione del virus
SVIZZERA
11 ore
Mascherine monouso o di stoffa: quali utilizzare?
L'Ufficio federale della sanità le raccomanda entrambe, a meno che si abbiano dei sintomi
SVIZZERA
11 ore
Più di 11'000 firme per accogliere i rifugiati eritrei
La petizione chiede di mettere fine alla politica restrittiva nei loro confronti.
SVIZZERA
11 ore
Altri 161 casi, otto ricoveri e tre decessi
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 36'269. I decessi sono 1'712.
SVIZZERA
12 ore
Il Covid-19 non giustifica decisioni prese in videoconferenza
Secondo il Tribunale federale la procedura non può essere imposta se una parte si oppone.
SVIZZERA
12 ore
L'infrastruttura digitale «è carente» nel settore pubblico
Il problema è emerso soprattutto nel periodo di lockdown.
SVIZZERA
04.05.2017 - 18:020

Il Consiglio nazionale in breve

BERNA - Nella sua seduta odierna, l'ultima della sessione speciale, il Consiglio nazionale ha:

- IVA: deciso, con 92 voti a 89 (cinque astenuti), di prorogare illimitatamente il tasso preferenziale IVA (3,8%) di cui beneficia il settore alberghiero svizzero. Questa soluzione ha prevalso su quella che auspicava un prolungamento di dieci anni, sostenuta dalla Commissione preparatoria. PBD, PPD e UDC si sono schierati a favore della proroga illimitata, così come 15 cantoni, fra i quali Ticino e Grigioni, e associazioni come l'Unione svizzera dei contadini, Gastrosuisse e Hotelleriesuisse. Il dossier passa al Consiglio degli Stati;

- FMI: approvato, con 124 voti a 67, una revisione della legge sull'aiuto monetario che consente alla Svizzera di continuare a partecipare in modo affidabile alle misure di stabilizzazione del sistema. Essa tiene conto dei mutamenti intervenuti nell'economia mondiale e introduce inoltre due adeguamenti: l'aumento da 7 a 10 anni della durata massima dell'aiuto monetario in caso di crisi sistemica e l'esplicita partecipazione della Banca nazionale svizzera (BNS) all'aiuto monetario a singoli Stati. Il dossier va alla Camera dei cantoni;

- RINCARO: accolto, con 133 voti a 55, una mozione del "senatore" urano Josef Dittli (PLR) che incarica il Consiglio federale di garantire il versamento del rincaro stimato per tutti i crediti quadro e d'impegno solo quando questo diventa effettivo. L'atto parlamentare è stato così trasmesso al governo;

- CENTRO DI CALCOLO: deciso, con 186 voti senza opposizione, di stanziare un credito di 41,2 milioni di franchi per il nuovo centro di calcolo con fini militari e civili che avrà sede a Frauenfeld e denominato Campus. Esso farà parte di una rete integrata di quattro centri di calcolo approvata dal governo nel 2014. I fondi serviranno a coprire i costi dell'infrastruttura informatica e di trasloco di due centri situati a Berna. Il dossier passa al Consiglio degli Stati;

- RISPARMI: approvato, con 99 voti a 84, una mozione della sua Commissione delle finanze in base alla quale, nell'elaborazione del budget della Confederazione, le misure di risparmio mirate e la rinuncia a compiti debbano prevalere sui tagli lineari. Essa chiede anche di introdurre un ordine di priorità qualora si debbano adottare tagli alle spese a causa del freno all'indebitamento. Gli Stati devono ancora esprimersi;

- BILLAG: accolto, con 147 voti a 23 e 18 astensioni, una mozione di Sylvia Flückiger (UDC/AG) che chiede il rimborso ai consumatori e alle aziende dell'IVA pagata indebitamente sul canone di ricezione radiotelevisivo. Il Tribunale federale (TF) ha infatti constatato che la Billag ha illecitamente percepito il 2,5% di IVA da tutte le economie domestiche e le imprese incassando dal 2011 oltre 30 milioni di franchi all'anno senza alcuna base legale. Gli Stati devono ancora esprimersi;

- BANDA LARGA: accolto, con 101 voti contro 73 e 16 astensioni, una mozione di Jean-Paul Gschwind (PPD/JU) che chiede di introdurre sgravi fiscali per incentivare gli operatori delle telecomunicazioni a investire nello sviluppo di una copertura a banda larga nelle regioni periferiche della Svizzera. Gli Stati devono ancora esprimersi;

- PERSONALE: approvato - con 106 voti a 83 e 1 astenuto - un postulato della presidente del PLR Petra Gössi (SZ) che incarica il governo di studiare l'introduzione di un freno all'assunzione di personale, che funzionerebbe allo stesso modo dell'attuale freno alle spese;

- DOGANE: approvato, con 132 voti contro 57 e una astensione, una mozione del gruppo PLR che chiede al governo di sottoporre al Parlamento un progetto relativo all'aumento della produttività e dell'efficienza dell'Amministrazione federale delle dogane (AFD). Investimenti in infrastrutture, come centri di controllo, punti d'appoggio di confine e infrastrutture adibite alla formazione, aumentano in modo massiccio l'efficienza e l'efficacia, ha fatto notare Walter Müller (SG). Gli Stati devono ancora esprimersi;

- TRAFFICO: approvato - 137 voti contro 52 e un astenuto - una mozione presentata da Fabio Regazzi (PPD/TI) che chiede l'introduzione del sistema di gestione del traffico "Transito" alla dogana di Chiasso-Brogeda. Già in vigore dal 2013 presso il valico autostradale tedesco-elvetico di Basilea-Weil, esso ha permesso di ridurre in modo importante gli ingorghi al relativo ufficio doganale. Gli Stati devono ancora esprimersi;

- CASSA MALATI: approvato - 129 voti contro 53 e 6 astenuti - una mozione dell'ex consigliere nazionale Markus Lehmann (PPD/BS) e ripresa da Fabio Regazzi (PPD/TI) che chiede la deducibilità dalle imposte (e più precisamente dal reddito imponibile) dei premi pagati per l'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie. Fino ad un reddito di 150'000 franchi verrebbe dedotto il 100% del premio cassa malati, per importi più elevati tale percentuale sarebbe ridotta. Gli Stati devono ancora esprimersi;

- PMI 1: approvato, con 139 voti contro 50 e una astensione, un postulato di Daniel Fässler (PPD/AI) che incarica il governo di verificare e fornire informazioni in merito alle misure concrete con le quali si intende ridurre l'onere sostenuto dalle PMI nell'attuazione della legge concernente i prodotti da costruzione;

- PMI 2: approvato, con 98 voti contro 72 e 3 astenuti, una iniziativa parlamentare di Daniela Schneeberger (PLR/BL) che chiede di precisare nel Codice delle obbligazioni le disposizioni che permettono alle PMI di limitarsi a una revisione limitata dei conti. Secondo l'autrice dell'atto parlamentare, l'Autorità federale di sorveglianza dei revisori (ASR) tende sempre più spesso ad assoggettare la revisione limitata alle disposizioni più severe previste per la revisione ordinaria, vanificando gli intenti del legislatore. Per Schneeberger è quindi indispensabile fare chiarezza. Gli Stati devono ancora esprimersi.

Prossime sedute:

La sessione estiva delle Camere federali avrà luogo dal 29 maggio al 16 giugno.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-08 00:29:17 | 91.208.130.89