GRIGIONI
27.11.2016 - 14:400

Ampio «Sì» ad un parco per orsi, una prima assoluta in Svizzera

Il parco per cinque orsi aprirà nell'estate del 2018 sopra Arosa. Il Bärenland somiglierà al parco di Müritz, nella Germania nordorientale

COIRA - Dall'estate 2018 sopra Arosa (GR) aprirà i battenti un parco per cinque orsi di 30'000 metri quadrati, una prima assoluta in Svizzera. Gli elettori della località turistica hanno accolto con il 78% di sì la creazione del cosiddetto Bärenland, che godeva dell'appoggio degli ambienti turistici e animalisti. I plantigradi proverranno dall'Europa sudoccidentale, dove sono in cattività in pessime condizioni.

Concretamente gli aventi diritto di voto erano chiamati a pronunciarsi su una revisione del locale piano direttore, accolta con 1079 voti contro 304. La partecipazione ha raggiunto il 62%.

Il Bärenland sarà costituito sulle pendici orientali del Weisshorn, poco distante dalla fermata intermedia, a 2000 metri di quota, della funivia che da Arosa porta in vetta, a margine di piste da sci. Occuperà una superficie leggermente superiore a quella di quattro campi da calcio.

I cinque orsi che vi troveranno rifugio saranno trasportati nei Grigioni dall'organizzazione animalista internazionale Vier Pfoten (Quattro zampe).

Gli ambienti turistici sperano che il parco possa potenziare sensibilmente l'attrattiva di Arosa in estate. Le stime sono di 80'000 visitatori in più per stagione.

Per la pianificazione e la costruzione del Bärenland sono previste spese di quattro milioni di franchi; per la gestione la stima annuale è di 320'000 franchi. I costi saranno integralmente coperti da Vier Pfoten e da sponsor.

Vier Pfoten ha accumulato parecchie esperienze nella liberazione di orsi in cattività. Attualmente gestisce cinque centri analoghi a quello previsto ad Arosa in tutta Europa, che complessivamente ospitano 80 animali. Il Bärenland somiglierà in particolare al parco Bärenwald di Müritz, nella Germania nordorientale.

ats
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-15 06:51:19 | 91.208.130.89