FRIBURGO
06.11.2016 - 21:240

La destra stravince in Governo, stabilità in Parlamento

Nelle elezioni cantonali friburghesi tenutesi oggi, la destra ha ottenuto un brillante risultato per il Consiglio di Stato piazzando 6 candidati e riuscendo ad eleggerne 4 al primo turno

FRIBURGO - Nelle elezioni cantonali friburghesi tenutesi oggi, la destra ha ottenuto un brillante risultato per il Consiglio di Stato piazzando sei candidati in testa e riuscendo nell'impresa di eleggerne quattro (su sette) al primo turno. In Gran Consiglio vi è sostanziale stabilità tra destra e sinistra: per la prima volta nella storia del Cantone, il PS diventa la prima forza politica malgrado abbia perso un seggio. Per il PPD prosegue l'erosione in corso da tempo. Il PBD scompare, l'UDC marcia sul posto e PLR e Verdi avanzano.

PPD, PLR e UDC per il governo hanno riproposto l'alleanza che aveva permesso a questi partiti di imporsi sulla sinistra nelle elezioni federali dell'anno scorso. E la mossa si è rivelata vincente.

Quattro candidati dell'intesa borghese hanno superato la maggioranza assoluta (38'221 suffragi): agli uscenti Jean-Pierre Siggen (PPD), Maurice Ropraz (PLR) e Georges Godel (PPD), sono andati rispettivamente 42'361, 42'076 e 41'881 suffragi. Il PPD è inoltre riuscito a conservare già al primo turno il seggio finora occupato da Beat Vonlanthen, che ha deciso di dedicarsi esclusivamente al mandato di consigliere agli Stati: è stato eletto con 40'190 voti l'attuale cancelliere del Cantone Olivier Curty.

Seguono il secondo candidato del PLR Peter Wütrich (capogruppo del partito in Gran Consiglio) con 35'801 preferenze e il consigliere nazionale socialista Thierry Steiert (34'222). Non è nemmeno riuscito a superare l'ostacolo del primo turno il candidato dell'UDC Stéphane Peiry, collocatosi al settimo posto con 33'847 suffragi.

La stessa sorte è toccata alle consigliere di Stato uscenti Marie Garnier (Verdi) e Anne-Claude Demierre (PS), che hanno ottenuto rispettivamente 30'683 e 29'534 suffragi. La partecipazione al voto è stata del 39,1%.

Il governo friburghese era finora composto di tre PPD, un PLR, due socialisti e una ecologista. Diventata primo partito del cantone alle elezioni federali, l'UDC tenta di ottenere nuovamente un seggio, dopo un'assenza durata vent'anni. Il secondo turno si terrà il 27 novembre.

Stabilità in Gran Consiglio - Per i 110 seggi del parlamento cantonale erano in lista più di 600 candidati. I socialisti con 28 poltrone (-1) superano il PPD (27, -4). Il PLR ha guadagnato quattro seggi e raggiunge quota 21, eguagliando l'UDC che ottiene lo stesso numero di mandati della scorsa legislatura. Il PBD ha perso i suoi due mandati. Gli ecologisti raddoppiano le loro forze (6 seggi, +3).

Immutata la presenza di cristiano sociali (4) e di Verdi liberali (1). In parlamento sono pure stati eletti due indipendenti.

La partecipazione per l'elezione del legislativo, che si situa globalmente attorno al 40%, varia a seconda dei circoli elettorali, che corrispondono in gran parte ai distretti. Le urne sono state più disertate nel distretto di See (33,0% di votanti). Il tasso più elevato è stato registrato nella Broye con un 41,6%.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-12 06:37:18 | 91.208.130.89