SVIZZERA
21.03.2014 - 11:580
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:04

Otto società petrolifere ricorrono contro l'aumento della tassa sul CO2

I gruppi denunciano l'assenza di base legale e i metodi di calcolo utilizzati dalla Confederazione per prelevare il balzello

BERNA - Otto società petrolifere hanno inoltrato ricorso presso la direzione generale delle dogane contro l'aumento della tassa sul CO2, entrato in vigore il primo gennaio. Denunciano l'assenza di base legale e i metodi di calcolo utilizzati dalla Confederazione per prelevare il balzello.

 

L'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) calcola le emissioni di CO2 sulla base del consumo finale di energia, che per quanto concerne la nafta risulta "nettamente più elevato delle vendite sul mercato", scrive l'Unione petrolifera (UP) in un comunicato odierno. La Confederazione non ha mai chiarito le ragioni alla base di questa differenza, deplora l'UP.

 

Per l'UFAM, l'aumento della tassa è giustificato dal fatto che nel 2012 la Svizzera non ha raggiunto l'obiettivo di riduzione delle emissioni di CO2. L'imposta sui combustibili è quindi stata aumentata da 36 a 60 franchi per tonnellata.

 

Ats

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-07-23 18:42:50 | 91.208.130.87